Voci della Sanità 10 Ottobre 2022 17:16

All’Hospice di Grottaferrata riparte la Pet Therapy

Dopo due anni e mezzo di stop riparte la Pet Therapy presso l’INI di Grottaferrata

di Redazione
All’Hospice di Grottaferrata riparte la Pet Therapy

La letteratura scientifica è ormai ampia e consolidata da anni di studi e ricerche sulla Pet Therapy: gli animali domestici, PET come ormai abbiamo imparato a chiamarli, rappresentano un elemento importante di supporto per gli ospiti dell’hospice, perché «si può curare anche quando non si può guarire», ripetevano i componenti dello staff sanitario. Gli animali domestici, è dimostrato, favoriscono la socializzazione e l’attività motoria, hanno una ricaduta estremamente positiva sull’umore, la qualità del sonno e sul dolore, sia fisico che emotivo.

Pet therapy sospesa per due anni e mezzo per la pandemia

Dopo 2 anni e mezzo di stop dovuto alla pandemia, quindi, all’INI Grottaferrata vengono ripristinate le attività di Pet Therapy. La ripresa è stata annunciata in occasione del nono compleanno del reparto. Festeggiamenti che si sono tenuti insieme agli ospiti della struttura, l’equipe medica diretta da Francesca Bordin, che ha accolto familiari e amici.

Hospice è un aiuto importante per malati e famigliari

E’ stata una giornata importante anche per sottolineare la centralità di un servizio, come quello dell’Hospice, che riporta alla ribalta il tema della dignità del paziente e del «fine vita», spesso trascurato nel dibattito sanitario, e invece così importante in tante realtà territoriali e concretamente a supporto di tantissime famiglie gravate dal peso di un’assistenza lunga e dolorosa ai propri cari.

Con Pet Therapy ottimi risultati anche con i ragazzi

Protagonisti assoluti di giornata Margot e Oliver, i due bellissimi golden retriever che saranno impegnati nelle terapie e che con Emanuela Musetti, presidente di «Tendi la zampa», hanno animato la festa. Presente anche Jessica Veronica Faroni, Manager Sanitario del Gruppo INI, che si è detta molto felice della possibilità di riprendere l’attività di Pet Therapy a Grottaferrata. Ha ricordato come l’INI sia stato tra i primi gruppi sanitari a credere in questa attività che non solo all’Hospice, ma anche con i ragazzi in cura nei reparti dedicati all’Età Evolutiva, sta dando ottimi risultati. Soddisfazione espressa anche da Michele di Paolo, direttore sanitario dell’INI, dal Gaetano Lanzetta, direttore del dipartimento di Oncologia e, ovviamente da Francesca Bordin, responsabile dell’Hospice.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Scuola di specializzazione in pediatria e neuropsichiatria infantile, Sapienza e Gruppo INI stipulano convenzione
I centri di scienze riabilitative e diagnostiche dell’età evolutiva Ini inseriti anche nella mappa dei servizi dell’osservatorio nazionale autismo dell’ISS
Villa Eugenio Litta, taglio del nastro per il nuovo reparto di Assistenza e Riabilitazione per persone con disabilità
Sono intervenuti il Vice Presidente della Regione Lazio Daniele Leodori, il Senatore Bruno Astorre e il Sindaco di Grottaferrata Luciano Andreotti.
Al via la vaccinazione anti-Covid-19 all’INI Grottaferrata
 Tra i primi a sottoporsi alla vaccinazione sono stati il Prof. Francesco Bove, Prof. Gaetano Lanzetta, Prof. Giulio Basoccu, le Dott. sse Sonia Forte e Silvia D’Onofrio
Sollievo Bimbi, il primo hospice pediatrico della Lombardia compie un anno
VIDAS celebra la ricorrenza con #PRESENTE, speciale diretta streaming con operatori, famiglie e volontari insieme a tanti amici del mondo dello spettacolo
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa