Mondo 5 Marzo 2021 10:06

Viaggio nella clinica francese che cura la salute mentale dei professionisti sanitari, messa a dura prova dal Covid

La psichiatra: «Sovraccarico di lavoro, senso di colpa e trauma per le tante morti. Così la salute mentale del personale sanitario è a rischio, servono interventi»

Viaggio nella clinica francese che cura la salute mentale dei professionisti sanitari, messa a dura prova dal Covid

Sono passati esattamente due anni da quando intervistammo lo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz. Una struttura sanitaria che era appena nata in Borgogna, in Francia, per assistere i medici e i professionisti sanitari affetti da burnout. Nessuno avrebbe potuto immaginare che da lì a pochi mesi gli operatori sanitari di tutto il mondo si sarebbero trovati di fronte ad un evento che li avrebbe sottoposti ad uno stress con pochi precedenti nella storia della categoria.

Secondo uno studio condotto dall’associazione EMDR Italia, più del 60% dei sanitari ha riportato livelli da moderati a elevati di esaurimento emotivo ed il 36,7% ha riportato sintomi di stress post-traumatico. Pensare alla salute mentale di chi lavora in sanità (e non solo) è l’appello che si è alzato da più parti negli ultimi mesi. E in che modo, allora, la clinica Le Gouz sta facendo i conti con tutto questo?

Personale sanitario in burnout, l’esperienza della clinica Le Gouz

«Il nostro carico di lavoro è aumentato la scorsa estate e si è impennato nuovamente da gennaio in poi – racconta la psichiatra della clinica Agnès Oelsner a Sanità Informazione –. Abbiamo avuto diversi casi di burnout legati al Covid. Sono soprattutto operatori sanitari che lavorano con anziani e persone non autosufficienti e infermieri, particolarmente colpiti dalle tante morti cui hanno assistito nell’ultimo anno, sfiancati dalla carenza di personale e dai turni massacranti resi necessari dalle assenze dei tanti colleghi contagiati».

«Abbiamo avuto medici di pronto soccorso e personale dei servizi di emergenza e post-emergenza – continua la dottoressa -, oberati di lavoro sin da prima della pandemia, che ha ulteriormente complicato le cose. L’afflusso di pazienti è aumentato, non esistono più permessi o ferie, non è raro parlare con colleghi che iniziano a lavorare alle 6 del mattino e finiscono dopo mezzanotte. Sono esausti. E anche i medici di famiglia dallo scorso autunno sono stati sopraffatti dalla seconda ondata».

È stata quindi la seconda ondata ad aver colpito molto di più i professionisti sanitari: «Durante la prima – aggiunge il dottor Javelot – il sostegno sociale ha giocato un ruolo molto positivo, dagli applausi sul balcone alle promesse del mondo politico; elementi che hanno ulteriormente contribuito ad accentuare la delusione della seconda ondata. Al senso di colpa di non essere stati all’altezza del compito – prosegue – si è aggiunta la sensazione di essere stati ancora una volta ingannati».

Dal senso di colpa alla paura che la situazione possa aggravarsi

Al sovraccarico di lavoro, quindi, si aggiunge il senso di colpa: «Molti temono di non aver svolto correttamente il proprio lavoro, di aver trascurato la relazione con il paziente per affrontare altri compiti lì per lì ritenuti più urgenti. Il numero di morti dichiarati ogni giorno ha traumatizzato tutto il personale, e quando la curva dei contagi scende e la situazione sembra poter tornare alla normalità, chi lavora in ospedale viene assalito dalla paura che i numeri possano tornare a salire e che si debba quindi ricominciare a lavorare nelle stesse condizioni di prima».

Sintomi e cure

Ed è in questo scenario che iniziano a comparire i primi sintomi legati allo stress: «Disturbi del sonno importanti, ansia, agitazione, irritabilità, progressiva incapacità di non pensare al lavoro, che stanno sempre più sfociando in comportamenti di dipendenza o automedicazione».

In questi casi non c’è una ricetta da prescrivere che possa valere per tutti: «Ogni soggetto ha la sua storia, e ogni trattamento deve essere studiato e pensato su misura». Se tutto questo lascerà degli strascichi sulla psiche dei professionisti è troppo presto per dirlo: «Stiamo iniziando a studiare adesso dei possibili scenari – conclude Javelot – ma questa crisi lascerà delle tracce su tutti gli esseri umani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...