Mondo 8 Maggio 2019 15:54

Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»

«I vaccini sono sicuri e un ottimo strumento non solo per prevenire malattie infettive in età infantile, ma anche in età adulta». Lo ribadisce Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che coglie l’occasione anche per bacchettare gli operatori sanitari che non danno il buon esempio

Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»

L’obbligo vaccinale potrebbe presto sbarcare in Gran Bretagna. Dopo Francia e Germania, anche l’isola della Brexit si appresta a seguire l’esempio dell’Italia rendendo obbligatorio il vaccino per il morbillo. L’annuncio arriva direttamente dal ministro della Salute britannico Matt Hancock, che in un’intervista ha spiegato di «considerare tutte le opzioni, incluso l’obbligo», per alzare le coperture. Proprio in merito alle vaccinazioni obbligatorie si è espresso positivamente anche Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

Si parla di vaccini, vaccinazioni consapevoli in età adulta, quanto è importante il piano vaccinale per l’Italia?

«Il piano vaccinale italiano è uno dei più omnicomprensivi ed avanzati e molto spesso è stato copiato perché è un “calendario per la vita”, cioè non solo per i bambini, ma per tutte le fasce d’età. Purtroppo, la sua realizzazione è a macchia di leopardo perché dipende dalle regioni. Ci sono alcune regioni che stanno andando discretamente, altre che invece stanno molto indietro. Quindi bisogna intensificare lo sforzo perché a qualsiasi età evitare una malattia con un vaccino, che è una tecnologia assolutamente sicura, è un vantaggio non soltanto dal punto di vista sanitario, ma anche economico».

LEGGI: VACCINI, UNA RISORSA PER L’ECONOMIA. ALTEMS: «OGNI EURO INVESTITO NE RESTITUISCE 2,50»

Cosa si sente di dire alla politica?

«La politica sostanzialmente ha messo in sicurezza i bambini, perché il precedente Governo e il precedente Parlamento sono stati i primi a introdurre l’obbligatorietà per l’iscrizione a scuola, cosa che in questo momento stanno copiando tutti. L’hanno fatto i francesi, adesso persino i tedeschi, gli irlandesi, gli olandesi, persino gli inglesi per cui l’obbligatorietà era un tabù, la stanno reintroducendo. Bene per le vaccinazioni pediatriche, per le vaccinazioni degli adulti serve uno sforzo aggiuntivo, bisogna portare la vaccinazione dove gli adulti vivono, lavorano. Non è che la gente si può prendere permessi dal lavoro per andare a vaccinarsi. Nei luoghi di lavoro bisogna in qualche modo portare la vaccinazione».

Serve più informazione, anche per combattere tutti i pregiudizi in merito…

«Serve molta informazione e serve anche molta formazione. Informazione per la popolazione, formazione anche per gli operatori sanitari, perché molto spesso sono gli stessi operatori sanitari che non si fanno parte attiva e non si vaccinano. Bisogna dirlo, spesso sono gli stessi medici e infermieri. Questo non va bene perché chiaramente la gente poi dice ‘ma perché se non ti vaccini tu mi devo vaccinare io?’ C’è la necessità di un vero e proprio programma di informazione, ma anche formazione».

Articoli correlati
Oltre 45mila sanitari hanno rifiutato il vaccino anti-Covid. Scattano le sospensioni
In una lettera il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli, ricorda come l’Ordine di appartenenza sia solo un «mero esecutore» di provvedimenti adottati da altri, nello specifico la Asl, che procede con le sospensioni temporanee fino ad assolvimento dell’obbligo vaccinale
Vaccini anti-Covid in adolescenza: più rischi o benefici?
A Sanità Informazione il parere di Gabriella Pozzobon, presidente della Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima): «Come per gli adulti, la vaccinazione è consigliata soprattutto agli adolescenti fragili con comorbidità. Ad oggi, i dati a nostra disposizione sui vaccini anti-Covid negli adolescenti sono pochi e la possibilità di trarre conclusioni definitive risulta limitata»
di Isabella Faggiano
Report Gimbe, casi e morti scendono ancora. L’85% degli over 60 ha ricevuto almeno una dose, ma ora preoccupa la vaccinazione eterologa
In discesa per la nona settimana consecutiva casi, ospedalizzazioni e decessi. La vaccinazione in Italia procede con 46 milioni di dosi consegnate. Per Fondazione Gimbe su AstraZeneca e la vaccinazione eterologa però, Ministero della Salute e Aifa devono produrre una nota congiunta
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM