Mondo 8 Maggio 2019

Vaccini, Gran Bretagna pensa all’obbligo. Ricciardi: «In Italia portare vaccinazione dove lavorano gli adulti»

«I vaccini sono sicuri e un ottimo strumento non solo per prevenire malattie infettive in età infantile, ma anche in età adulta». Lo ribadisce Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che coglie l’occasione anche per bacchettare gli operatori sanitari che non danno il buon esempio

Immagine articolo

L’obbligo vaccinale potrebbe presto sbarcare in Gran Bretagna. Dopo Francia e Germania, anche l’isola della Brexit si appresta a seguire l’esempio dell’Italia rendendo obbligatorio il vaccino per il morbillo. L’annuncio arriva direttamente dal ministro della Salute britannico Matt Hancock, che in un’intervista ha spiegato di «considerare tutte le opzioni, incluso l’obbligo», per alzare le coperture. Proprio in merito alle vaccinazioni obbligatorie si è espresso positivamente anche Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

Si parla di vaccini, vaccinazioni consapevoli in età adulta, quanto è importante il piano vaccinale per l’Italia?

«Il piano vaccinale italiano è uno dei più omnicomprensivi ed avanzati e molto spesso è stato copiato perché è un “calendario per la vita”, cioè non solo per i bambini, ma per tutte le fasce d’età. Purtroppo, la sua realizzazione è a macchia di leopardo perché dipende dalle regioni. Ci sono alcune regioni che stanno andando discretamente, altre che invece stanno molto indietro. Quindi bisogna intensificare lo sforzo perché a qualsiasi età evitare una malattia con un vaccino, che è una tecnologia assolutamente sicura, è un vantaggio non soltanto dal punto di vista sanitario, ma anche economico».

LEGGI: VACCINI, UNA RISORSA PER L’ECONOMIA. ALTEMS: «OGNI EURO INVESTITO NE RESTITUISCE 2,50»

Cosa si sente di dire alla politica?

«La politica sostanzialmente ha messo in sicurezza i bambini, perché il precedente Governo e il precedente Parlamento sono stati i primi a introdurre l’obbligatorietà per l’iscrizione a scuola, cosa che in questo momento stanno copiando tutti. L’hanno fatto i francesi, adesso persino i tedeschi, gli irlandesi, gli olandesi, persino gli inglesi per cui l’obbligatorietà era un tabù, la stanno reintroducendo. Bene per le vaccinazioni pediatriche, per le vaccinazioni degli adulti serve uno sforzo aggiuntivo, bisogna portare la vaccinazione dove gli adulti vivono, lavorano. Non è che la gente si può prendere permessi dal lavoro per andare a vaccinarsi. Nei luoghi di lavoro bisogna in qualche modo portare la vaccinazione».

Serve più informazione, anche per combattere tutti i pregiudizi in merito…

«Serve molta informazione e serve anche molta formazione. Informazione per la popolazione, formazione anche per gli operatori sanitari, perché molto spesso sono gli stessi operatori sanitari che non si fanno parte attiva e non si vaccinano. Bisogna dirlo, spesso sono gli stessi medici e infermieri. Questo non va bene perché chiaramente la gente poi dice ‘ma perché se non ti vaccini tu mi devo vaccinare io?’ C’è la necessità di un vero e proprio programma di informazione, ma anche formazione».

Articoli correlati
“Furbetti dell’Ecm”, Giario Conti (Auro): «No a proroghe. Non esiste che un medico non sia costantemente aggiornato»
Dal XXVI Congresso Nazionale dell'Auro (Associazione Urologi Italiani) in corso a Bologna arriva il monito di Giario Conti, urologo e coordinatore del comitato scientifico dell'Auro, sull'aggiornamento professionale per i medici: «No a ulteriori proroghe per la formazione. Solo quando ci sarà equità a livello nazionale a livello formativo, si potranno valutare sanzioni»
Infezioni ospedaliere, oltre i 49mila decessi in Italia. Ricciardi: «C’è una strage in corso»
L'Italia conta il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue. Il dato emerge dal Rapporto Osservasalute 2018 presentato oggi a Roma
Tiroide, 7 Regioni hanno raggiunto la iodosufficienza ma 6 milioni di italiani ancora ne soffrono
In occasione della Settimana Mondiale della Tiroide sono stati diffusi i dati raccolti dall'Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia. Paolo Vitti, presidente Società Italiana di Endocrinologia (SIE): «Fino a qualche anno fa tutta l’Italia era iodo-carente»
Obbligo ECM a Striscia la Notizia, il ministro Grillo: «Interverremo su medici non in regola»
VIDEO | La risposta del Ministro della Salute, Giulia Grillo all'indomani del Servizio di Striscia la Notizia sul mancato aggiornamento professionale dei medici. «Posso dire - puntualizza Grillo - che ci stiamo lavorando e che rappresenta un obiettivo della nostra legislatura»
Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»
«L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale», spiega Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS, che ha presentato un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...