Mondo 28 Ottobre 2020 10:36

Spagna, casi in aumento e ospedali non pronti: i medici scioperano. Il racconto di un radiologo italiano a Barcellona

Il dottor Catanese: «Nell’ultimo anno aumentata mortalità per infarti e tumori. In costruzione nuovi reparti Covid, ma saranno pronti a gennaio. Nel frattempo servono percorsi separati di accesso agli ospedali»

di Federica Bosco

Stato di emergenza sanitaria, coprifuoco per le prossime due settimane e ipotesi di chiusure regionali. Così la Spagna, divenuta il primo Paese europeo a superare il milione di contagi, cerca di affrontare la seconda ondata di coronavirus. Gli ospedali ancora non hanno raggiunto la fase critica, ma da mesi si lavora per realizzare reparti destinati ad accogliere solo i malati di Covid per evitare di alimentare nuovi focolai. E i medici, stremati dalla situazione, hanno indetto uno sciopero di 24 ore che si svolgerà l’ultimo martedì di ogni mese per protestare contro l’incapacità del governo di rafforzare il sistema sanitario. Ieri la prima giornata in cui i camici bianchi spagnoli hanno incrociato le braccia: secondo il Cesm, il principale sindacato dei medici in Spagna, l’adesione all’agitazione è stata dell’85%, ma per le autorità della regione di Madrid in quell’area, la più colpita dal Covid-19, ha partecipato solo il 7,6%.

Si prospetta dunque  un autunno caldo, e a confermarlo ai nostri microfoni è Alessandro Catanese, radiologo italiano da anni in servizio all’ospedale Germans Trias i Pujol di Barcellona.

SPAGNA, 17 MILA CASI COVID AL GIORNO

«Siamo arrivati negli ultimi giorni a 17 mila casi giornalieri e gli ospedali al momento ancora sono in grado di reggere un volume così importante, ma è chiaro che il rischio è elevato e molto rapidamente potremmo trovarci in una situazione di emergenza e di saturazione soprattutto delle terapie intensive e delle rianimazioni», ammette il dottor Catanese.

NON SOLO COVID: NEGLI ULTIMI 12 MESI IN AUMENTO TUMORI E INFARTI

L’età media dei pazienti si è abbassata, mentre l’onda lunga della prima fase di questa pandemia si è fatta sentire in particolare su malati cardiopatici e oncologici costretti a ritardi diagnostici oggi non più sostenibili: «Non dobbiamo dimenticare che, tra marzo e aprile, l’emergenza Covid negli ospedali ha generato un ritardo importante nella cura degli altri malati – prosegue il radiologo italiano –. Questo ha generato in Spagna un eccesso di mortalità rispetto agli anni passati di almeno venti mila persone. Di questi, una fetta sicuramente riguardava pazienti Covid non diagnosticati, perché mancavano i tamponi, però una percentuale è riconducibile a pazienti che soffrivano di altre patologie che sono stati “dimenticati”».

«In particolare – aggiunge Catanese -, ad essere penalizzati dalla situazione sono stati coloro che hanno avuto un infarto del miocardio e non si sono recati in ospedale. Un dato confermato dal ridotto numero di accessi per la patologia rispetto ai dodici mesi precedenti. Il che significa che i pazienti spaventati dalla possibilità di contagiarsi o dalle informazioni che ricevevano dai mezzi di informazione non sono andati in ospedale».

Una mancanza che in molti casi si è rivelata fatale: «Stessa sorte per molti malati oncologici – riprende il radiologo – che hanno sofferto pesantemente gli effetti della prima ondata. Gli screening dell’estate scorsa hanno evidenziato proprio un aumento di tumori, come il cancro alla mammella ad uno stadio avanzato per un ritardo diagnostico. L’obiettivo oggi è riuscire a separare gli accessi e i reparti in ospedale tra pazienti Covid e non, in modo da garantire trattamenti adeguati anche a coloro che non sono affetti da coronavirus, in attesa delle nuove strutture che saranno pronte, almeno qui a Barcellona, non prima di gennaio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale