Mondo 28 Ottobre 2020

Spagna, casi in aumento e ospedali non pronti: i medici scioperano. Il racconto di un radiologo italiano a Barcellona

Il dottor Catanese: «Nell’ultimo anno aumentata mortalità per infarti e tumori. In costruzione nuovi reparti Covid, ma saranno pronti a gennaio. Nel frattempo servono percorsi separati di accesso agli ospedali»

di Federica Bosco

Stato di emergenza sanitaria, coprifuoco per le prossime due settimane e ipotesi di chiusure regionali. Così la Spagna, divenuta il primo Paese europeo a superare il milione di contagi, cerca di affrontare la seconda ondata di coronavirus. Gli ospedali ancora non hanno raggiunto la fase critica, ma da mesi si lavora per realizzare reparti destinati ad accogliere solo i malati di Covid per evitare di alimentare nuovi focolai. E i medici, stremati dalla situazione, hanno indetto uno sciopero di 24 ore che si svolgerà l’ultimo martedì di ogni mese per protestare contro l’incapacità del governo di rafforzare il sistema sanitario. Ieri la prima giornata in cui i camici bianchi spagnoli hanno incrociato le braccia: secondo il Cesm, il principale sindacato dei medici in Spagna, l’adesione all’agitazione è stata dell’85%, ma per le autorità della regione di Madrid in quell’area, la più colpita dal Covid-19, ha partecipato solo il 7,6%.

Si prospetta dunque  un autunno caldo, e a confermarlo ai nostri microfoni è Alessandro Catanese, radiologo italiano da anni in servizio all’ospedale Germans Trias i Pujol di Barcellona.

SPAGNA, 17 MILA CASI COVID AL GIORNO

«Siamo arrivati negli ultimi giorni a 17 mila casi giornalieri e gli ospedali al momento ancora sono in grado di reggere un volume così importante, ma è chiaro che il rischio è elevato e molto rapidamente potremmo trovarci in una situazione di emergenza e di saturazione soprattutto delle terapie intensive e delle rianimazioni», ammette il dottor Catanese.

NON SOLO COVID: NEGLI ULTIMI 12 MESI IN AUMENTO TUMORI E INFARTI

L’età media dei pazienti si è abbassata, mentre l’onda lunga della prima fase di questa pandemia si è fatta sentire in particolare su malati cardiopatici e oncologici costretti a ritardi diagnostici oggi non più sostenibili: «Non dobbiamo dimenticare che, tra marzo e aprile, l’emergenza Covid negli ospedali ha generato un ritardo importante nella cura degli altri malati – prosegue il radiologo italiano –. Questo ha generato in Spagna un eccesso di mortalità rispetto agli anni passati di almeno venti mila persone. Di questi, una fetta sicuramente riguardava pazienti Covid non diagnosticati, perché mancavano i tamponi, però una percentuale è riconducibile a pazienti che soffrivano di altre patologie che sono stati “dimenticati”».

«In particolare – aggiunge Catanese -, ad essere penalizzati dalla situazione sono stati coloro che hanno avuto un infarto del miocardio e non si sono recati in ospedale. Un dato confermato dal ridotto numero di accessi per la patologia rispetto ai dodici mesi precedenti. Il che significa che i pazienti spaventati dalla possibilità di contagiarsi o dalle informazioni che ricevevano dai mezzi di informazione non sono andati in ospedale».

Una mancanza che in molti casi si è rivelata fatale: «Stessa sorte per molti malati oncologici – riprende il radiologo – che hanno sofferto pesantemente gli effetti della prima ondata. Gli screening dell’estate scorsa hanno evidenziato proprio un aumento di tumori, come il cancro alla mammella ad uno stadio avanzato per un ritardo diagnostico. L’obiettivo oggi è riuscire a separare gli accessi e i reparti in ospedale tra pazienti Covid e non, in modo da garantire trattamenti adeguati anche a coloro che non sono affetti da coronavirus, in attesa delle nuove strutture che saranno pronte, almeno qui a Barcellona, non prima di gennaio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
Covid, la Gran Bretagna ha approvato l’uso del vaccino Pfizer: distribuzione tra 7 giorni
L'Mhra, autorità del farmaco inglese, ha dato l'ok. La Gran Bretagna ha approvato il vaccino Pfizer per la distribuzione. I primi, tra una settimana, saranno personale sanitario e anziani
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli