Mondo 30 Novembre 2018 19:23

Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»

L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»

Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»

«L’aspettativa di vita nel Regno Unito è cresciuta di anno in anno dal 1918 al 2011. Poi, abbiamo assistito ad una frenata drammatica. Ce ne siamo fatti una ragione, dando la colpa a fattori che non c’entravano niente, come il maltempo o l’obesità. Altri hanno pensato che il picco dell’aspettativa di vita fosse stato raggiunto, e che fosse quindi normale un rallentamento. La realtà è che l’inversione di rotta corrisponde con gli anni della crisi economica e delle politiche di austerità. La salute sconta quindi gli effetti dei fattori sociali, dell’equità e delle disparità sociali. E lo abbiamo provato scientificamente».

A spiegare come salute e fattori sociali siano strettamente correlati all’XI Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia è Sir Michael Marmot, professore di epidemiologia e salute pubblica alla University College di Londra. Mostrando alla platea una serie di grafici, il professor Marmot ha quindi dimostrato quanto gli interventi statali possano fare la differenza: «Il governo laburista britannico eletto nel 1997 aveva come priorità la riduzione delle disparità nel settore sanitario. Studiando l’aspettativa di vita dei più ricchi e dei più poveri in quegli anni, si nota una riduzione dello scarto. Poi il nuovo governo conservatore del 2010 ha completamente invertito le strategie precedenti e in pochi anni le disparità in fatto di salute pubblica sono tornate a crescere. Insomma – commenta Marmot – il governo può veramente fare la differenza».

LEGGI ANCHE: SSN, OLTRE MEZZO MILIONE DI PERSONE SENZA CURE. BANCO FARMACEUTICO: «NEL RAPPORTO 2018 SPICCANO DISEGUAGLIANZE»

Ma in che modo? «Intervenendo sulla qualità della vita, a partire dall’educazione e dalla formazione. Un buon rendimento scolastico, infatti, – prosegue il professor Marmot – prefigura la possibilità di proseguire gli studi, di avere un posto di lavoro di migliore qualità e dunque, a cascata, un reddito più elevato, un alloggio migliore e, infine, uno stato di salute migliore».

Andando Oltreoceano, sono i «decessi per disperazione», infatti, che continuano ad aumentare negli Stati Uniti, dove «l’aspettativa di vita si è ridotta per tre anni di fila». Si tratta delle morti dovute all’abuso di alcol, droga o suicidio. Ma il nesso tra fattori sociali e salute pubblica si nota da tanti altri esempi, riportati in una rapida carrellata dal professor Marmot: dalle mense scolastiche agli alloggi, dai fast food agli spazi verdi e, soprattutto, alla disponibilità di servizi: «Nel Regno Unito vi sono stati tagli impietosi che hanno contribuito all’andamento delle aspettative di vita degli ultimi anni». Infatti, secondo il professore, i dati mostrano un chiaro nesso tra le morti premature e la mancanza di risorse: quanto più elevata è la mortalità precoce, maggiore è il taglio effettuato alle risorse destinate ai servizi.

Come riportato da Fabrizio Ricci su Rassegna Sindacale, dopo l’intervento del professor Marmot è Andrea Filippi, segretario nazionale della Fp Cgil Medici, a guadagnare il palco, commentando la relazione appena conclusa: «Dobbiamo ribaltare il modo di guardare al problema che è tutto incentrato sul valore economico della malattia e non su quello della salute. E anche in questo discorso si inserisce la nostra vertenza per il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria, perché non si può garantire il diritto alla salute senza valorizzare gli operatori della sanità».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, ADESIONE TRA 80 E 90%. SINDACATI: «SENZA RISPOSTE CI FERMEREMO ANCHE A DICEMBRE». E GRILLO LI CONVOCA: «ACCOGLIEREMO LORO ISTANZE»

Una vertenza che riguarda anche le condizioni di lavoro, che «hanno raggiunto dimensioni tali da riverberarsi sulla salute stessa di chi lavora in sanità e, quindi, sulla qualità del servizio», aggiunge Michele Vannini, capo area Sanità della Fp Cgil nazionale. «Allora – prosegue – quando Marmot ci invita a legare il tema sanità con i fattori sociali, ci richiama anche alla necessità di costruire una mobilitazione ed un consenso crescente rispetto al fatto che il nostro Sistema sanitario nazionale è vicinissimo ad un punto di rottura. Ed essendo nato per garantire il diritto costituzionale alla salute, questa partita deve diventare patrimonio della cittadinanza».

Il problema, tuttavia, sono sempre le risorse. Ma è lo stesso Sir Michael Marmot ad offrire una possibile (e utopistica) soluzione: «Il 50% della ricchezza nascosta nei paradisi fiscali appartiene allo 0,01% dei ricchi delle economie più avanzate. Una ricchezza che equivale al 5% del Pil mondiale. Parliamo di centinaia di miliardi di euro sottratti alla collettività e che potrebbero essere destinate ai nostri Sistemi sanitari».

Articoli correlati
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...