Mondo 30 Novembre 2018 19:23

Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»

L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»

Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»

«L’aspettativa di vita nel Regno Unito è cresciuta di anno in anno dal 1918 al 2011. Poi, abbiamo assistito ad una frenata drammatica. Ce ne siamo fatti una ragione, dando la colpa a fattori che non c’entravano niente, come il maltempo o l’obesità. Altri hanno pensato che il picco dell’aspettativa di vita fosse stato raggiunto, e che fosse quindi normale un rallentamento. La realtà è che l’inversione di rotta corrisponde con gli anni della crisi economica e delle politiche di austerità. La salute sconta quindi gli effetti dei fattori sociali, dell’equità e delle disparità sociali. E lo abbiamo provato scientificamente».

A spiegare come salute e fattori sociali siano strettamente correlati all’XI Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia è Sir Michael Marmot, professore di epidemiologia e salute pubblica alla University College di Londra. Mostrando alla platea una serie di grafici, il professor Marmot ha quindi dimostrato quanto gli interventi statali possano fare la differenza: «Il governo laburista britannico eletto nel 1997 aveva come priorità la riduzione delle disparità nel settore sanitario. Studiando l’aspettativa di vita dei più ricchi e dei più poveri in quegli anni, si nota una riduzione dello scarto. Poi il nuovo governo conservatore del 2010 ha completamente invertito le strategie precedenti e in pochi anni le disparità in fatto di salute pubblica sono tornate a crescere. Insomma – commenta Marmot – il governo può veramente fare la differenza».

LEGGI ANCHE: SSN, OLTRE MEZZO MILIONE DI PERSONE SENZA CURE. BANCO FARMACEUTICO: «NEL RAPPORTO 2018 SPICCANO DISEGUAGLIANZE»

Ma in che modo? «Intervenendo sulla qualità della vita, a partire dall’educazione e dalla formazione. Un buon rendimento scolastico, infatti, – prosegue il professor Marmot – prefigura la possibilità di proseguire gli studi, di avere un posto di lavoro di migliore qualità e dunque, a cascata, un reddito più elevato, un alloggio migliore e, infine, uno stato di salute migliore».

Andando Oltreoceano, sono i «decessi per disperazione», infatti, che continuano ad aumentare negli Stati Uniti, dove «l’aspettativa di vita si è ridotta per tre anni di fila». Si tratta delle morti dovute all’abuso di alcol, droga o suicidio. Ma il nesso tra fattori sociali e salute pubblica si nota da tanti altri esempi, riportati in una rapida carrellata dal professor Marmot: dalle mense scolastiche agli alloggi, dai fast food agli spazi verdi e, soprattutto, alla disponibilità di servizi: «Nel Regno Unito vi sono stati tagli impietosi che hanno contribuito all’andamento delle aspettative di vita degli ultimi anni». Infatti, secondo il professore, i dati mostrano un chiaro nesso tra le morti premature e la mancanza di risorse: quanto più elevata è la mortalità precoce, maggiore è il taglio effettuato alle risorse destinate ai servizi.

Come riportato da Fabrizio Ricci su Rassegna Sindacale, dopo l’intervento del professor Marmot è Andrea Filippi, segretario nazionale della Fp Cgil Medici, a guadagnare il palco, commentando la relazione appena conclusa: «Dobbiamo ribaltare il modo di guardare al problema che è tutto incentrato sul valore economico della malattia e non su quello della salute. E anche in questo discorso si inserisce la nostra vertenza per il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria, perché non si può garantire il diritto alla salute senza valorizzare gli operatori della sanità».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, ADESIONE TRA 80 E 90%. SINDACATI: «SENZA RISPOSTE CI FERMEREMO ANCHE A DICEMBRE». E GRILLO LI CONVOCA: «ACCOGLIEREMO LORO ISTANZE»

Una vertenza che riguarda anche le condizioni di lavoro, che «hanno raggiunto dimensioni tali da riverberarsi sulla salute stessa di chi lavora in sanità e, quindi, sulla qualità del servizio», aggiunge Michele Vannini, capo area Sanità della Fp Cgil nazionale. «Allora – prosegue – quando Marmot ci invita a legare il tema sanità con i fattori sociali, ci richiama anche alla necessità di costruire una mobilitazione ed un consenso crescente rispetto al fatto che il nostro Sistema sanitario nazionale è vicinissimo ad un punto di rottura. Ed essendo nato per garantire il diritto costituzionale alla salute, questa partita deve diventare patrimonio della cittadinanza».

Il problema, tuttavia, sono sempre le risorse. Ma è lo stesso Sir Michael Marmot ad offrire una possibile (e utopistica) soluzione: «Il 50% della ricchezza nascosta nei paradisi fiscali appartiene allo 0,01% dei ricchi delle economie più avanzate. Una ricchezza che equivale al 5% del Pil mondiale. Parliamo di centinaia di miliardi di euro sottratti alla collettività e che potrebbero essere destinate ai nostri Sistemi sanitari».

Articoli correlati
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame
Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola