Mondo 11 Aprile 2022 10:56

Profughi ucraini, un esodo senza fine: alla stazione di Zahóny 500 persone ogni ora

A pochi passi dalla ferrovia, Cesvi ha allestito una tensostruttura che può accogliere fino a 10 mila profughi al giorno. L’organizzazione umanitaria italiana è attiva anche in Romania ed è intervenuta in Ucraina sin dalle prime ore dopo lo scoppio della guerra

Ogni ora 500 persone arrivano alla stazione di Zahóny, in Ungheria, a 2 km dal confine ucraino. È qui, a pochi passi dalla ferrovia, che l’organizzazione umanitaria italiana Cesvi, in collaborazione con la municipalità locale e World Central Kitchen, ha allestito una tensostruttura di 200 mq per accogliere le persone in transito verso Budapest e le altre città ungheresi. «Il centro – spiega Andrea Ricci dello staff emergenze Cesvi – può accogliere fino a 10 mila profughi al giorno e offrire un pasto caldo, wi-fi e consulenza legale».

In Ungheria

Nella tensostruttura di Zahóny, attualmente, sono ospitati anziani, disabili, bambini e donne. Tra queste c’è Olga, un’infermiera di 28 anni, che racconta di aver lasciato Kharkiv dopo aver trascorso cinque giorni in un rifugio. Quando il cibo ha cominciato a scarseggiare, è fuggita con la figlia di 7 anni e la nonna di 72: «Ho preso poche cose con me, dei giochi per la mia bambina e le foto della mia famiglia», racconta la donna.

«Secondo le autorità ungheresi, finora, sono almeno 150 mila profughi entrati nel Paese dalla stazione di Záhony, una cittadina di appena 4 mila abitanti dove mancano le strutture necessarie per gestire il passaggio di un numero così imponente di persone, soprattutto in vista di un probabile aumento degli arrivi con l’apertura dei corridoi umanitari. Per questo siamo intervenuti», spiega Roberto Vignola, vicedirettore generale di Cesvi.

In Romania

Più a sud, in Romania, Cesvi è presente nella città di Sighet dove, in collaborazione con Sos Bambini Romania, assiste le mamme con bambini, accolti nel centro Piccolo Principe. Secondo le Nazioni Unite, con quasi 600 mila profughi, la Romania è il secondo Paese, dopo la Polonia, per arrivi dall’Ucraina.

Qui c’è Maryana, fuggita dalla guerra con i suoi figli, dopo un viaggio in auto durato 4 giorni. Nel centro di prima accoglienza Maryana ha trovato rifugio con la sua famiglia e oltre ad un pasto caldo, kit igienici, vestiti puliti, libri e materiale didattico, può ricevere sostegno psicologico e svolgere attività ricreative. «Sono preoccupata per tutti coloro rimasti in Ucraina – dice la donna -. Vorrei poter fare qualcosa per aiutare il mio Paese, ma non posso che sperare in una fine imminente del conflitto».

In Ucraina

Cesvi è intervenuta in Ucraina sin dalle prime ore dopo lo scoppio della guerra, attraverso il partner People in Need (PIN), nell’ambito della rete internazionale Alliance 2015. È attiva in particolare a Leopoli, nella parte occidentale del Paese, dove sono stati inviati finora cinque convogli umanitari, con cibo, kit igienici, pannolini, forniture mediche, sacchi a pelo, materassi e altri beni di prima necessità, per gli oltre 200mila sfollati interni della città, tra i quali moltissimi bambini. Un altro carico contenente anche kit medici destinati agli ospedali ha raggiunto la capitale Kiev. A Velykyi Bereznyi invece è sorta una tensostruttura riscaldata dotata di servizi igienici. Qui gli sfollati hanno la possibilità di ricevere cibo, bevande calde, articoli per l’igiene, carte sim e riposare in attesa di varcare il confine.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali