Mondo 11 gennaio 2018

Privacy, cartella clinica e aderenza terapeutica. Ecco come Blockchain (e Bitcoin) cambieranno la sanità

Le criptomonete e la tecnologia che sta alla loro base stanno rivoluzionando il mondo, trasformando internet in un sistema più sicuro e a prova di hacker. Ecco come questa evoluzione può migliorare la vita a operatori sanitari e pazienti

Le criptovalute manderanno definitivamente in soffitta la “vecchia” moneta cartacea? E la Blockchain, ovvero la tecnologia che sta alla base di questo nuovo sistema, potrà essere utilizzata anche in altri ambiti, ad esempio quello medico-sanitario, per superare definitivamente tutti i problemi di sicurezza, privacy e affidabilità di internet?

Lo sviluppo di questo nuovo universo tecnologico è stato silenzioso ma costante, e ad oggi è possibile intravedere le conseguenze positive che può avere sulla vita di tutti. Compresi, ovviamente, operatori sanitari e pazienti. In che modo? La Blockchain è un database distribuito che utilizza la tecnologia peer-to-peer che prevede un elevatissimo numero di nodi che vagliano – garantendola – la correttezza delle informazioni scambiate e permettono di mantenere l’anonimato degli attori in gioco. Una tecnologia del genere può essere utilizzata non solo per effettuare transazioni monetarie, ma anche per altri tantissimi scopi.

Nel settore sanitario la Blockchain può diventare uno strumento molto utile sotto vari punti di vista. I principali sono quelli della corretta applicazione dei protocolli terapeutici e dei dispositivi medici e – prospettiva fondamentale – della trasmissione sicura dei dati sensibili. In questo secondo caso, ad esempio, il protocollo permetterebbe la condivisione in tempo reale di informazioni sanitarie tra medico e paziente. Non solo. Alcuni dei suoi possibili utilizzi potrebbero essere anche quelli di verificare l’identità digitale del paziente, tenere traccia della cronologia delle prescrizioni mediche, delle somministrazioni di farmaci e della relativa assunzione delle terapie. Il tutto avverrebbe in maniera anonima e sicura.

Un esempio di questo tipo di utilizzo viene fornito dalla piattaforma on line Medicalchain, la quale consente di memorizzare sul registro Blockchain tutte le informazioni sulla salute dei pazienti. Questi possono poi farle visionare ad altri professionisti (magari il proprio medico di fiducia) in tutto il mondo, tenendo al sicuro la propria privacy.

Insomma, grazie alla Blockchain potrebbe presto diventare possibile dare vita ad una cartella clinica elettronica estremamente sicura ed affidabile, a cui potranno accedere solo le parti coinvolte, o comunque autorizzate (come altri medici, familiari, compagnie assicurative, ecc.). Un aspetto di non poco conto, in un’epoca in cui aumentano le malattie croniche (quelle trattabili anche lontano dalle strutture sanitarie) e la telemedicina diventa ogni giorno più imprescindibile. Monitorare il paziente a distanza, assicurarsi che segua la terapia, coinvolgere altri specialisti senza tuttavia violare la privacy del diretto interessato, sono caratteristiche che ogni servizio nazionale dovrebbe avere, e che con Blockchain presto potrebbero diventare realtà.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...