Mondo 11 Gennaio 2018

Privacy, cartella clinica e aderenza terapeutica. Ecco come Blockchain (e Bitcoin) cambieranno la sanità

Le criptomonete e la tecnologia che sta alla loro base stanno rivoluzionando il mondo, trasformando internet in un sistema più sicuro e a prova di hacker. Ecco come questa evoluzione può migliorare la vita a operatori sanitari e pazienti

Le criptovalute manderanno definitivamente in soffitta la “vecchia” moneta cartacea? E la Blockchain, ovvero la tecnologia che sta alla base di questo nuovo sistema, potrà essere utilizzata anche in altri ambiti, ad esempio quello medico-sanitario, per superare definitivamente tutti i problemi di sicurezza, privacy e affidabilità di internet?

Lo sviluppo di questo nuovo universo tecnologico è stato silenzioso ma costante, e ad oggi è possibile intravedere le conseguenze positive che può avere sulla vita di tutti. Compresi, ovviamente, operatori sanitari e pazienti. In che modo? La Blockchain è un database distribuito che utilizza la tecnologia peer-to-peer che prevede un elevatissimo numero di nodi che vagliano – garantendola – la correttezza delle informazioni scambiate e permettono di mantenere l’anonimato degli attori in gioco. Una tecnologia del genere può essere utilizzata non solo per effettuare transazioni monetarie, ma anche per altri tantissimi scopi.

Nel settore sanitario la Blockchain può diventare uno strumento molto utile sotto vari punti di vista. I principali sono quelli della corretta applicazione dei protocolli terapeutici e dei dispositivi medici e – prospettiva fondamentale – della trasmissione sicura dei dati sensibili. In questo secondo caso, ad esempio, il protocollo permetterebbe la condivisione in tempo reale di informazioni sanitarie tra medico e paziente. Non solo. Alcuni dei suoi possibili utilizzi potrebbero essere anche quelli di verificare l’identità digitale del paziente, tenere traccia della cronologia delle prescrizioni mediche, delle somministrazioni di farmaci e della relativa assunzione delle terapie. Il tutto avverrebbe in maniera anonima e sicura.

Un esempio di questo tipo di utilizzo viene fornito dalla piattaforma on line Medicalchain, la quale consente di memorizzare sul registro Blockchain tutte le informazioni sulla salute dei pazienti. Questi possono poi farle visionare ad altri professionisti (magari il proprio medico di fiducia) in tutto il mondo, tenendo al sicuro la propria privacy.

Insomma, grazie alla Blockchain potrebbe presto diventare possibile dare vita ad una cartella clinica elettronica estremamente sicura ed affidabile, a cui potranno accedere solo le parti coinvolte, o comunque autorizzate (come altri medici, familiari, compagnie assicurative, ecc.). Un aspetto di non poco conto, in un’epoca in cui aumentano le malattie croniche (quelle trattabili anche lontano dalle strutture sanitarie) e la telemedicina diventa ogni giorno più imprescindibile. Monitorare il paziente a distanza, assicurarsi che segua la terapia, coinvolgere altri specialisti senza tuttavia violare la privacy del diretto interessato, sono caratteristiche che ogni servizio nazionale dovrebbe avere, e che con Blockchain presto potrebbero diventare realtà.

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
Come diventare esperti di digitale e Blockchain. Anche per la sanità
La trasformazione digitale ha investito trasversalmente ogni genere di settore produttivo: dal food ai trasporti, dal diritto d’autore all’ambito legale. Il cambiamento a cui stiamo assistendo negli ultimi anni è destinato a modificare radicalmente il modo in cui le persone lavorano e a creare nuove professioni, fino a poco tempo fa inimmaginabili, chiamate a gestire […]
JCI: terzo sigillo d’oro di qualità per il Policlinico Campus Bio-Medico di Roma
Nel corso dell’emergenza Covid la prestigiosa Joint Commission International ha esaminato le strutture sanitarie, didattiche e di ricerca di UCBM, valutando la conformità agli standard internazionali di circa 1.300 diversi elementi misurabili
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto