Mondo 28 Dicembre 2020 08:33

Pandemie e ambiente, Miani (SIMA): «Ridurre il nostro impatto sul mondo o ce ne saranno altre»

Il rapporto uomo-natura al centro della diffusione di virus che fanno il salto di specie. Intervista ad Alessandro Miani, ricercatore all’università Statale di Milano e presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale

di Tommaso Caldarelli
Pandemie e ambiente, Miani (SIMA): «Ridurre il nostro impatto sul mondo o ce ne saranno altre»

Inizia la campagna vaccinale contro l’epidemia da SARS-CoV-2: una buona notizia a lungo attesa dopo un anno davvero difficile. C’è chi, come Bill Gates, aveva previsto che nell’era della globalizzazione il mondo avrebbe sperimentato pandemie ben più gravi delle guerre, e così è stato; sfortunatamente, è giusto ammettere che il Coronavirus, proprio mentre siamo in vista della luce in fondo al tunnel, non è stata la prima grande epidemia che l’umanità abbia sperimentato e potrebbe non essere l’ultima.

Il rapporto uomo-natura

Si sa che il nuovo Coronavirus ha potuto fare il suo salto di specie nei boschi della Cina, passando dai pipistrelli agli esseri umani: un dato scientifico su sembra esserci il consenso degli scienziati. «L’uomo negli ultimi cinquanta-settant’anni ha avuto uno sviluppo del proprio livello tecnologico e della popolazione che vive il pianeta Terra che è cresciuto con un ritmo mai visto nei secoli precedenti» afferma Alessandro Miani, ricercatore all’università Statale di Milano e presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale, raggiunto al telefono da Sanità Informazione: «Prima di questo ultimo secolo la natura e l’uomo hanno avuto dei reciproci e lunghissimi periodi di adattamento. L’introduzione in tempi strettissimi di sostanze di sintesi chimica che ovviamente consentono sviluppo, tecnologia, benessere, aumento dell’aspettativa di vita, sono andati a indebolire e invadere il piano ambientale. E così la specie umana che si introduce in un ambiente che non è il proprio non ha il modo di adattarsi progressivamente a nuove forme di vita e nuove forme di microorganismi».

Coronavirus e cambiamento climatico

L’occasione del colloquio con il  professor Miani è stata la diffusione, da parte del Lancet, del «più esteso studio annuale sul cambiamento climatico» che, spiega la National Public Radio statunitense, ha radunato decine di medici e di esperti per certificare che «le ondate di calore, l’inquinamento atmosferico e i fenomeni meteorologici estremi danneggiano sempre più la salute umana». Si tratta di una tendenza nota ed estremamente discussa, e che ha però rilevanti effetti sullo sviluppo di questa e di altre pandemie: «Quasi tutte le patologie di origine virale», spiega Miani, «che hanno fatto il salto di specie, hanno potuto effettuarlo perché l’uomo sta invadendo territori che non dovrebbero essere suoi, o comunque non così velocemente. La nostra specie deve disboscare per avere più spazio coltivabile, questo deriva dal fatto che il numero degli uomini è aumentato così tanto che c’è bisogno di nuove e ulteriori risorse quanto ad allevamento, a colture, a spazio vitale; e i tempi che stiamo “proponendo” alla natura sono troppo brevi perché il rapporto fra uomo e ambiente possa adattarsi naturalmente».

I sistemi sanitari

Questa situazione non è soltanto un dato di contesto, ma ha diretti e sicuri impatti sull’organizzazione dei sistemi sanitari globali. Spiega Miani: «Se abbiamo demografiche più alte, se manteniamo come ovviamente è auspicabile in vita le persone più a lungo, gli diamo da mangiare più e meglio, gli diamo dei farmaci, l’età media sale. I sistemi ospedalieri allora si ristrutturano per potersi prendere carico di urgenze, cronicità e criticità soprattutto per quanto riguarda la popolazione anziana. Se invece c’è una richiesta improvvisa e convergente di decine di migliaia di posti letto contemporaneamente, è inevitabile che il sistema vada al collasso. I nostri sistemi sanitari hanno fiducia nella qualità della vita data dallo sviluppo e dalla tecnologia e non sono pensati per gestire shock del genere».

Ridurre l’impatto dell’uomo

E allora, quale può essere un auspicio non solo di Capodanno ma degli anni a venire? Parrà strano, ma lavorare sull’ambiente e sulla sostenibilità è l’unica strada reale per minimizzare l’impatto di queste epidemie globali ed estreme. «Tutte le azioni che riguardano la riduzione dell’impatto dell’uomo sulla natura sono utili. L’Europa si sta muovendo nella direzione giusta e l’Italia onestamente è una buona fucina di idee e di scienza in questo senso, penso alle nostre università, ai centri di ricerca, alle startup innovative. La politica, in maniera bipartisan, dovrebbe oggi porre l’accento su queste urgenze lavorando sui fronti, ad esempio dei trasporti, della qualità dell’aria nei nostri edifici, spesso inaccettabile, e della produzione di energia da fonti rinnovabili».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»
Presente anche l'Assessore alla Sanità D'Amato: «Una donna su otto può avere questo problema. La prevenzione è fondamentale: necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»
I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS
Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto
SIMRI, Midulla: «Non solo Sars-CoV-2. Ci attende una stagione di virus respiratori»
Focus del XXV Congresso SIMRI, in programma a Verona dal 24 al 26 ottobre, nuovi farmaci, sigarette elettroniche e Long Covid. Midulla: «Da un nostro progetto di follow up è emerso che il Long Covid pediatrico non riguarda solo il polmone: il 20-22% di bambini presenta una sintomatologia neuropsichiatrica»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?