Mondo 3 Luglio 2019

Medici sfruttati, Danielle Ofri (New York Times) a Sanità Informazione: «Ecco tre consigli ai colleghi italiani…»

ESCLUSIVA | La dottoressa Danielle Ofri dell’ospedale Bellevue di New York è l’autrice dell’editoriale sullo sfruttamento dei medici e dei professionisti sanitari che, tradotto da Sanità Informazione, è stato condiviso da oltre 50mila persone. Le abbiamo chiesto tre consigli e perché, secondo lei, i problemi di chi lavora nella sanità statunitense sono così simili a quelli che affrontano i medici italiani…

Immagine articolo

In pochi giorni, l’articolo dal titolo indicativo “La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari” è stato condiviso su Facebook da oltre 50mila persone. È sufficiente scrivere nella stessa frase questo titolo e questo numero per comprendere quanto il concetto di “sfruttamento” sia (letteralmente) condiviso dai professionisti del mondo della sanità italiana. Ma la cosa più interessante, e forse curiosa, è che in realtà l’articolo non è altro che una traduzione di un editoriale pubblicato dal New York Times a firma di Danielle Ofri, una dottoressa dell’ospedale Bellevue della Grande Mela e autrice del libro “Cosa dice il malato, Cosa sente il medico”.

Il sistema sanitario italiano e quello statunitense non potrebbero essere più diversi. Diversi i percorsi formativi, diversi i finanziamenti, diverse le strutture, diverso il rapporto tra pubblico e privato, diverso il ruolo giocato dalle assicurazioni. Eppure, il racconto della vita di un medico o di un professionista sanitario d’Oltreoceano, tra turni massacranti, carenza di personale, eccesso di burocrazia e aumento di carichi di lavoro cui non corrisponde l’aumento dei compensi, è così simile a quello di un medico o di un professionista sanitario italiano che 50mila camici bianchi, verdi e blu vi si rispecchiano. E utilizzano quella storia per raccontare ad amici e conoscenti la propria, di vita.

È lì che sta andando, globalmente, la professione del medico? È a questo che punta la sanità di tutto il mondo? All’aumento continuo delle mansioni, dei compiti e delle responsabilità affidate a medici e professionisti sanitari?  Lo abbiamo chiesto direttamente a Danielle Ofri, l’autrice dell’articolo del New York Times, illustrandole il fenomeno cui abbiamo assistito in questi giorni sulle pagine del nostro giornale.

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI MEDICI, TURNI MASSACRANTI E POCO PERSONALE. LEONI (FNOMCeO): «ECCO PERCHÈ SI LASCIA L’OSPEDALE»

Dottoressa, come mai i problemi di chi lavora in sanità in Italia, negli Stati Uniti e in chissà quanti altri Paesi al mondo, sono così simili?

«La maggior parte di noi medici e professionisti sanitari, di qualunque nazionalità siamo, ama il proprio lavoro e vi si dedica completamente. Fa tutto quello che è necessario fare per terminarlo al meglio. Se il lavoro amministrativo aumenta, facciamo quello che è necessario fare per completarlo, anche se richiede molto più tempo. È la nostra coscienza che ci impedisce di sottrarci al nostro dovere. Però ad un certo punto questa dedizione diventa sfruttamento della professionalità dei medici e degli operatori».

Cosa può fare, allora, ogni singolo professionista per evitare che si arrivi a questo punto? 

«Parlare chiaro. Spesso i nostri superiori non hanno idea di cosa accada nei reparti o negli studi medici. Ogni volta che ci viene chiesto qualcosa di ridicolo o inutile, vale la pena mandare una e-mail al proprio supervisore. Non per lamentarsi o sbraitare contro la struttura, ma per evidenziare in che modo quella richiesta avrà delle conseguenze negative sulla sicurezza dei pazienti. È questo che colpisce sempre l’attenzione di chi comanda, che leggerà quelle poche righe come un segnale di responsabilità, e non di protesta».

Qual è la sensazione peggiore causata, a livello professionale e personale, dai carichi di lavoro eccessivi che le vengono richiesti?

«La peggiore è sicuramente sapere di avere la sala d’attesa piena di pazienti e dover ridurre il tempo che dedico ad ognuno di loro. Ma se si vuole lavorare bene, non si dovrebbe sentire la pressione dell’orologio che corre. Tra le ricadute che questo lavoro causa sulla mia vita personale, odio non poter cenare con i miei figli perché devo lavorare fino a tardi per completare ogni mansione».

Tra le cause del burnout, ci sono anche i pazienti particolarmente ansiosi, che contattano spesso il proprio medico?

«In parte, anche se la maggior parte dei pazienti non è così. Alcuni, tuttavia, mandano continuamente e-mail ai propri medici ponendo milioni di domande che richiederebbero una visita medica per ricevere risposte adeguate».

Molti Paesi stanno affrontando una carenza di medici e professionisti sanitari che sta lentamente svuotando interi reparti ed ospedali. È un fenomeno che si sta verificando anche negli Stati Uniti?

«Negli USA la carenza di personale riguarda soprattutto le piccole città. È molto difficile assumere medici nelle aree rurali, dove quindi numerosi ospedali stanno chiudendo».

Ma come mai la carenza di personale sanitario è un problema globale?

«Per affrontare questo problema, gli Stati Uniti, ad esempio, stanno chiamando medici stranieri. Nel loro Paese di origine, quindi, i medici saranno insufficienti. È un effetto Domino».

Quindi non è il calo della vocazione, l’origine del problema.

«Assolutamente no. Per fortuna, sono ancora tantissimi gli studenti che vogliono iscriversi a Medicina. La verità è che quella del medico è una professione incredibile. Io amo quello che faccio, e non lo cambierei per niente al mondo. E questa sensazione è condivisa da molti di noi. È un vero privilegio poter aiutare gli altri avendo a disposizione gli strumenti necessari per farlo. E ci sono ancora tanti studenti che lo capiscono».

Il suo libro affronta un altro tema all’ordine del giorno: quello della corretta comunicazione tra medici e pazienti.

«Il mio libro affronta la sfida della comunicazione tra medici e pazienti e il modo in cui una comunicazione scorretta può avere degli effetti negativi sulla salute. Il bello è che non è difficile migliorare in questo campo. Sono concetti complessi da riassumere in poche righe ma, per fortuna, il libro è stato tradotto anche in italiano».

Articoli correlati
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)