Mondo 8 Maggio 2017

«Macron all’Eliseo e la sfida sui ‘deserti medici’». Parla un medico italiano in Francia

La sanità nel programma del nuovo Presidente francese. Tra le proposte più significative: risolvere l’assenza di camici bianchi nelle zone rurali del Paese e garantire un rimborso al 100% di apparecchi e strumenti medici utili al paziente. Ecco l’intervista a uno specialista in medicina fisica e riabilitativa…

Immagine articolo

I francesi hanno scelto Emmanuel Macron. Il candidato del partito di centro ‘En Marche!, peraltro di recente costituzione, ha surclassato il suo avversario Marine Le Pen, leader dell’estrema destra transalpina, con il 66% dei consensi. Qual è il programma sanitario del neopresidente, il più giovane dai tempi di Napoleone Bonaparte? Un piano da 5 miliardi che prevede il raddoppiamento delle case di cura sul territorio un rimborso al 100per la spesa di occhiali, apparecchi acustici e odontoiatrici, queste a grandi linee le proposte più significative.

Ai microfoni di Sanità Informazione, in esclusiva, il punto di vista di un medico italiano in Francia, Natale di Bella, Medico specialista in medicina fisica e riabilitativa del Servizio di Neuroriabilitazione dell’Hopitaux Universitaires Paris sud Bicetreche ci racconta con quale animo, parte del mondo sanitario di italiani in Francia, ha accolto il nuovo inquilino dell’Eliseo.

Nel programma sanitario del neopresidente è previsto il taglio di 15 miliardi dall’assicurazione sanitaria. Tuttavia Macron ha assicurato di non voler toccare alcun posto di lavoro negli ospedali pubblici. Secondo lei sarà possibile?

«Il Presidente Macron in diversi comizi ha fatto riferimento ai tagli agli amministrativi e non al personale sanitario già in sofferenza anche in Francia. Per adesso ci fidiamo delle sue parole».

Allo stesso tempo il neopresidente vuole investire 5 miliardi in un piano che prevede il raddoppiamento delle case di cura sul territorio, per sopperire al fenomeno dei “deserti medici”. Che ne pensa?

«L’idea di spostare il carico della risposta sanitaria dagli ospedali al territorio credo che sia l’unica risposta possibile in futuro in Francia, in Italia e in Europa. Il problema dei deserti medici è un incognita seria che deve essere affrontata in pieno. Infatti ci sono intere regioni della campagna francese in cui trovare un medico generalista e ancor più specialista è davvero un’impresa. Al di là dei soldi investiti, il problema è trovare degli incentivi per spingere i medici a spostarsi dalle città alle campagne francesi».

Inoltre, un rimborso al 100% delle spese per occhiali, apparecchi dentali e auditivi da qui al 2022. Queste le idee di Macron. Secondo lei attuabili?

«Il rimborso delle spese per occhiali e protesi dentali e auditive non credo sia un capitolo di spesa enorme. Per questa ragione, penso sia un obiettivo facilmente raggiungibile».

Con l’ingresso del nuovo Presidente cosa auspica per se stesso e per il comparto medico?

«Con la vittoria di Macron io e tanti altri colleghi abbiamo tirato un sospiro di sollievo. In questa direzione infatti, ritengo che, almeno per i prossimi cinque anni, potremo continuare a lavorare come europei in Europa e non come italiani in Francia.  La mia speranza è che nei prossimi anni, l’Unione Europea possa sempre di più essere definita un’unione vera e propria, io mi auguro di poter vivere questo sogno che tanti di noi sperano possa attuarsi»

Articoli correlati
Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»
Per la prima volta un paese europeo torna tra i territori con più contagi. Oms avverte il mondo, ancora tanti sono esposti al virus
Quarantena a 7 giorni, gli infettivologi: «Aggraverà la situazione. Eliminare doppio tampone»
Dalla Simit arriva il no alla mini-quarantena francese. Per gli esperti non garantisce sicurezza nel tornare alle attività quotidiane. Prof. Nicastri: «Eliminare il doppio tampone per alleggerire i laboratori»
Covid-19, Oms segnala l’aumento di casi più grande da inizio epidemia. Preoccupano Francia e Spagna
Quasi due milioni di nuovi contagi in una settimana nel mondo. In cima restano Americhe e India, ma in Europa si teme la seconda ondata
Speranza annuncia: «Obbligo di tampone per chi arriva da Parigi e zone rosse in Francia»
Lo ha comunicato su Facebook il ministro Speranza: tampone o test se si arriva dalla Francia. Da giorni oltre 10 mila contagi al giorno. «Italia sta meglio di altri Paesi ma serve prudenza»
Francia, il governo concede l’aumento dei salari agli operatori sanitari per 8 miliardi di euro
Dopo mesi di lotte con i sindacati il governo francese ha detto sì all'aumento dei salari per gli attori della lotta al coronavirus. 450 i milioni riservati ai medici del settore pubblico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...