Mondo 8 Maggio 2017 18:17

«Macron all’Eliseo e la sfida sui ‘deserti medici’». Parla un medico italiano in Francia

La sanità nel programma del nuovo Presidente francese. Tra le proposte più significative: risolvere l’assenza di camici bianchi nelle zone rurali del Paese e garantire un rimborso al 100% di apparecchi e strumenti medici utili al paziente. Ecco l’intervista a uno specialista in medicina fisica e riabilitativa…

«Macron all’Eliseo e la sfida sui ‘deserti medici’». Parla un medico italiano in Francia

I francesi hanno scelto Emmanuel Macron. Il candidato del partito di centro ‘En Marche!, peraltro di recente costituzione, ha surclassato il suo avversario Marine Le Pen, leader dell’estrema destra transalpina, con il 66% dei consensi. Qual è il programma sanitario del neopresidente, il più giovane dai tempi di Napoleone Bonaparte? Un piano da 5 miliardi che prevede il raddoppiamento delle case di cura sul territorio un rimborso al 100per la spesa di occhiali, apparecchi acustici e odontoiatrici, queste a grandi linee le proposte più significative.

Ai microfoni di Sanità Informazione, in esclusiva, il punto di vista di un medico italiano in Francia, Natale di Bella, Medico specialista in medicina fisica e riabilitativa del Servizio di Neuroriabilitazione dell’Hopitaux Universitaires Paris sud Bicetreche ci racconta con quale animo, parte del mondo sanitario di italiani in Francia, ha accolto il nuovo inquilino dell’Eliseo.

Nel programma sanitario del neopresidente è previsto il taglio di 15 miliardi dall’assicurazione sanitaria. Tuttavia Macron ha assicurato di non voler toccare alcun posto di lavoro negli ospedali pubblici. Secondo lei sarà possibile?

«Il Presidente Macron in diversi comizi ha fatto riferimento ai tagli agli amministrativi e non al personale sanitario già in sofferenza anche in Francia. Per adesso ci fidiamo delle sue parole».

Allo stesso tempo il neopresidente vuole investire 5 miliardi in un piano che prevede il raddoppiamento delle case di cura sul territorio, per sopperire al fenomeno dei “deserti medici”. Che ne pensa?

«L’idea di spostare il carico della risposta sanitaria dagli ospedali al territorio credo che sia l’unica risposta possibile in futuro in Francia, in Italia e in Europa. Il problema dei deserti medici è un incognita seria che deve essere affrontata in pieno. Infatti ci sono intere regioni della campagna francese in cui trovare un medico generalista e ancor più specialista è davvero un’impresa. Al di là dei soldi investiti, il problema è trovare degli incentivi per spingere i medici a spostarsi dalle città alle campagne francesi».

Inoltre, un rimborso al 100% delle spese per occhiali, apparecchi dentali e auditivi da qui al 2022. Queste le idee di Macron. Secondo lei attuabili?

«Il rimborso delle spese per occhiali e protesi dentali e auditive non credo sia un capitolo di spesa enorme. Per questa ragione, penso sia un obiettivo facilmente raggiungibile».

Con l’ingresso del nuovo Presidente cosa auspica per se stesso e per il comparto medico?

«Con la vittoria di Macron io e tanti altri colleghi abbiamo tirato un sospiro di sollievo. In questa direzione infatti, ritengo che, almeno per i prossimi cinque anni, potremo continuare a lavorare come europei in Europa e non come italiani in Francia.  La mia speranza è che nei prossimi anni, l’Unione Europea possa sempre di più essere definita un’unione vera e propria, io mi auguro di poter vivere questo sogno che tanti di noi sperano possa attuarsi»

Articoli correlati
La stretta francese. Obbligo vaccinale per i sanitari e Green pass per trasporti, bar e ristoranti
In Francia arriva una svolta per scongiurare la variante Delta: dopo l'annuncio, quasi un milione di prenotazioni in una notte
Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia
Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»
di Federica Bosco
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Francia, medico italiano racconta: «Crescono i contagi ma gli ospedali reggono»
«Contagi a macchia di leopardo con zone più e meno colpite. Gli ospedali sono preparati, hanno più esperienza e la sanità del territorio sta contenendo la seconda ondata. Terapie intensive al 20% in alcune grandi città»
di Federica Bosco
Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»
Per la prima volta un paese europeo torna tra i territori con più contagi. Oms avverte il mondo, ancora tanti sono esposti al virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco