Sanità internazionale 4 Aprile 2017

Carenza di medici in Francia: ecco le proposte dei candidati alle Elezioni Presidenziali

In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente […]

In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente al confine con la Svizzera, dove molti medici francesi decidono di trasferirsi, e Parigi, dove i prezzi degli immobili sono eccessivamente elevati.

Il problema coinvolge più di 7 milioni di francesi (il 10,4% della popolazione), costretti a recarsi in strutture preposte per le cure urgenti a mezz’ora dal loro domicilio. Secondo Le Monde, il 72% dei pazienti rinuncia alle cure, scoraggiati non solo dalle lunghe attese e dai costi, ma anche dalle eccessive distanze.  Inoltre, sono registrate altissime discrepanze nel tasso di mortalità nei vari comuni francesi: se a Parigi il tasso è del -3% rispetto alla media nazionale, nel Comune di Hénin-Beaumont, vicino al confine con il Belgio, il dato è più alto del 61%.

Mentre il gruppo di lavoro istituito ‘ad hoc’ dal Senato francese continua ad esaminare il problema e cercare delle soluzioni appropriate, il tema è stato affrontato anche dai candidati alle elezioni presidenziali che si svolgeranno il 23 aprile. Se per Benoît Hamon (candidato Partito Socialista) la soluzione potrebbe essere non rilasciare le convenzioni ai medici che vogliono lavorare nelle aree dove non c’è necessità di personale, per Francois Fillon (candidato Partito Repubblicano) bisognerebbe sfruttare la telemedicina. Jean-Luc Mélenchon (candidato Partito di Sinistra) propone invece incentivi economici a coloro che sono disposti a trasferirsi nelle aree dove la carenza di dottori è più rilevante mentre Marine Le Pen (candidata Fronte Nazionale) invierebbe in queste aree gli studenti di medicina per fargli svolgere stage. Infine, Emmanuel Macron (En Marche!) vorrebbe raddoppiare il numero delle “maisons medicales”, poliambulatori simili alle nostre guardie mediche, che permetterebbero di favorire la capillarità della rete.

Nel dibattito sono intervenute anche le agenzie di collocamento europee, che propongono, come soluzione, d’importare medici dagli altri Paesi europei per ripopolare le aree sguarnite di medici. Stipendi più remunerativi rispetto a quelli italiani, potrebbero attrarre i camici bianchi nostrani in possesso di una certificazione di livello A2 in francese, convincendoli ad emigrare per esercitare altrove.

Per approfondire:

In Francia è caccia ai camici bianchi italiani. La parola a un giovane medico italiano Oltralpe…

Articoli correlati
In Europa c’è un ospedale transfrontaliero, condiviso da Francia e Spagna
In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono […]
Fuga di cervelli, la denuncia di Amsi: «In 5 anni richieste da più di 5mila medici e mille infermieri italiani per andare all’estero»
Le richieste hanno avuto un’impennata del 40% dal primo gennaio del 2018. Amsi, Umem e il movimento internazionale interprofessionale "Uniti per Unire" aderiscono alla campagna promossa dalla Fnomceo "Offre l'Italia" sulla fuga dei medici italiani all'estero e la carenza dei specialisti
In Francia c’è una clinica dedicata alla salute mentale di medici e professionisti sanitari
ESCLUSIVA | Intervista allo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz, che lavora con camici bianchi che combattono sempre più con stress e burnout: «Chi opera in sanità tende a non ammettere di essere malato e a non prendersi cura della propria salute. Finora abbiamo accolto soprattutto infermieri, ma i più esposti sono medici di famiglia e di Pronto soccorso»
Mistero in Francia: troppi bambini sono nati senza braccia nella stessa regione
Tra il 2009 ed il 2014, nella regione francese di Ain sono nati sette bambini con arti superiori non formati. Senza mani, senza braccia, senza dita. Si tratta di una forma di agenesia, che impedisce al feto di formare correttamente parti del corpo. Le autorità francesi hanno aperto un’indagine, conclusa qualche settimana fa senza trovare […]
In Francia si vogliono affidare attività mediche a farmacisti
Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...