Mondo 11 Marzo 2022 11:36

L’orrore della guerra in Ucraina lascia senza parole. Visone (Intersos): «Molti bambini non parlano più»

L’organizzazione umanitaria Intersos ha allestito un presidio medico a Korczowa, in Polonia, a 4 km dal confine con l’Ucraina, sulla principale autostrada in direzione di Leopoli. La struttura sorge all’interno di un centro di prima accoglienza in un centro commerciale: davanti alle saracinesche dei negozi chiusi sono state sistemate le brandine. In altre aree sono stati raccolti i beni di prima di necessità e organizzato un presidio di primo soccorso

«Molti bambini non parlano più. Sembrano aver dimenticato come si fa». È l’orrore della guerra ad averli lasciati senza parole. Un orrore che Giovanni Visone, direttore della comunicazione dell’organizzazione umanitaria Intersos, ha visto trasparire dagli occhi di ognuno di loro. Visone è appena tornato in Italia dopo una settimana trascorsa a Korczowa, in Polonia. «Qui, a 4 km dal confine, sulla principale autostrada in direzione di Leopoli, le autorità polacche hanno allestito un centro di prima accoglienza all’interno di un centro commerciale», racconta il direttore della comunicazione.

Il centro di prima accoglienza

Davanti alle saracinesche dei negozi chiusi sono state sistemate le brandine. In altre aree sono stati raccolti i beni di prima di necessità, dal cibo ai vestiti. Alcune stanze sono state riservate ai più piccoli, tra giochi e pareti da decorare con i pennarelli. Nella stessa struttura Intersos ha allestito anche un presidio di primo soccorso.

«I nostri medici continuano a lavorare senza sosta, visitando migliaia di persone ogni giorno. Sono tanti i malati cronici che per fuggire dalla guerra hanno dovuto completamente rinunciare alle terapie, con conseguenze devastati per la salute. Sono tanti, anzi troppi, pure i bambini: un terzo ha meno di cinque anni. Molti di loro sono venuti alla luce da pochi giorni. Hanno bisogno di assistenza immediata anche le donne che hanno appena partorito, spesso in condizioni igienico-sanitarie del tutto precarie. I pazienti più gravi vengono trasferiti, in collaborazione con le autorità sanitarie locali, agli ospedali vicini e, laddove necessario, ulteriormente trasportati nei centri d’eccellenza dislocati in tutta Europa già pronti ad accoglierli».

Il sostegno psicologico

Tra le persone giunte a Korczowa non ci sono feriti di guerra. Chi è arrivato fin qui è fuggito dalle bombe, dalla miseria, dalla devastazione. È salvo, ma non sano. Almeno non nell’anima. «Tutti hanno subito traumi psicologici enormi – dice Visone -. Hanno bisogno di accoglienza, ma anche di calore umano. Di vicinanza, comprensione».

Sono donne (il 78%) la maggior parte delle persone che ha raggiunto finora il centro di prima accoglienza di Intersos. Quasi la metà (il 46%) ha tra i 18 e i 64 anni, il 28% meno di 5, il 17% over 65. Otto su 10 sono nati in Ucraina, il 7% in Uzbekistan, il 2% Tajikistan, il restante 1% in altri Paesi.

L’impegno di Intersos per l’Ucraina

Gli operatori e le operatrici di Intersos sono anche in altri luoghi della Polonia e in Moldavia per garantire cure mediche, protezione e sostegno psico-sociale ai rifugiati provenienti dall’Ucraina. Secondo i dati delle Nazioni Unite, le persone in fuga dal Paese, dirette verso i territori confinanti, come Polonia, Ungheria, Romania, Slovacchia e Moldavia sono oltre un milione e 700 mila.

«In questo momento in Polonia è confluita un’enorme quantità di volontari. È meraviglioso vedere come la “macchina” di risposta umanitaria sia stata capace di attivarsi nel giro di pochi giorni. Ovviamente – conclude Visone – questo è solo l’inizio. Il popolo ucraino avrà ancora tanto bisogno di aiuto, anche quando la guerra sarà finita».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ucraina: emergenza ferite da scheggia, allo studio IA per valutazioni «lampo»
Con l'invasione della Russia in corso, l'Ucraina sta cercando nuovi modi di utilizzare l'intelligenza artificiale per valutare e curare le ferite causate da schegge. Grazie al contributo di un gruppo di ricercatori britannici, l'IA viene addestrata con l'aiuto di modelli 3D di tessuti lesionati in laboratorio
Migranti e senza fissa dimora, così INTERSOS ha portato il vaccino Covid agli emarginati
L’organizzazione non governativa ha operato in quattro regioni: Lazio, Puglia, Sicilia e Calabria. L’esitazione vaccinale tra gli ostacoli più grandi. Verona (Coord. Medico Europa): «Coinvolgere le ASL in una dimensione di medicina di prossimità»
Covid 19, il lavoro di INTERSOS in Nigeria e Yemen. Accardi: «Covax ha funzionato ma ora rafforzare i sistemi sanitari locali»
L’organizzazione non governativa ha supportato la campagna vaccinale nei due paesi raggiungendo i target prefissati. Tra le difficoltà l’infodemia, la carenza di operatori sanitari e i finanziamenti a singhiozzo. Il coordinatore della campagna Andrea Accardi: «L’integrazione con altri servizi di salute primari è essenziale e permette un impatto più di medio-lungo periodo»
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...