Mondo 11 Marzo 2022 11:36

L’orrore della guerra in Ucraina lascia senza parole. Visone (Intersos): «Molti bambini non parlano più»

L’organizzazione umanitaria Intersos ha allestito un presidio medico a Korczowa, in Polonia, a 4 km dal confine con l’Ucraina, sulla principale autostrada in direzione di Leopoli. La struttura sorge all’interno di un centro di prima accoglienza in un centro commerciale: davanti alle saracinesche dei negozi chiusi sono state sistemate le brandine. In altre aree sono stati raccolti i beni di prima di necessità e organizzato un presidio di primo soccorso

«Molti bambini non parlano più. Sembrano aver dimenticato come si fa». È l’orrore della guerra ad averli lasciati senza parole. Un orrore che Giovanni Visone, direttore della comunicazione dell’organizzazione umanitaria Intersos, ha visto trasparire dagli occhi di ognuno di loro. Visone è appena tornato in Italia dopo una settimana trascorsa a Korczowa, in Polonia. «Qui, a 4 km dal confine, sulla principale autostrada in direzione di Leopoli, le autorità polacche hanno allestito un centro di prima accoglienza all’interno di un centro commerciale», racconta il direttore della comunicazione.

Il centro di prima accoglienza

Davanti alle saracinesche dei negozi chiusi sono state sistemate le brandine. In altre aree sono stati raccolti i beni di prima di necessità, dal cibo ai vestiti. Alcune stanze sono state riservate ai più piccoli, tra giochi e pareti da decorare con i pennarelli. Nella stessa struttura Intersos ha allestito anche un presidio di primo soccorso.

«I nostri medici continuano a lavorare senza sosta, visitando migliaia di persone ogni giorno. Sono tanti i malati cronici che per fuggire dalla guerra hanno dovuto completamente rinunciare alle terapie, con conseguenze devastati per la salute. Sono tanti, anzi troppi, pure i bambini: un terzo ha meno di cinque anni. Molti di loro sono venuti alla luce da pochi giorni. Hanno bisogno di assistenza immediata anche le donne che hanno appena partorito, spesso in condizioni igienico-sanitarie del tutto precarie. I pazienti più gravi vengono trasferiti, in collaborazione con le autorità sanitarie locali, agli ospedali vicini e, laddove necessario, ulteriormente trasportati nei centri d’eccellenza dislocati in tutta Europa già pronti ad accoglierli».

Il sostegno psicologico

Tra le persone giunte a Korczowa non ci sono feriti di guerra. Chi è arrivato fin qui è fuggito dalle bombe, dalla miseria, dalla devastazione. È salvo, ma non sano. Almeno non nell’anima. «Tutti hanno subito traumi psicologici enormi – dice Visone -. Hanno bisogno di accoglienza, ma anche di calore umano. Di vicinanza, comprensione».

Sono donne (il 78%) la maggior parte delle persone che ha raggiunto finora il centro di prima accoglienza di Intersos. Quasi la metà (il 46%) ha tra i 18 e i 64 anni, il 28% meno di 5, il 17% over 65. Otto su 10 sono nati in Ucraina, il 7% in Uzbekistan, il 2% Tajikistan, il restante 1% in altri Paesi.

L’impegno di Intersos per l’Ucraina

Gli operatori e le operatrici di Intersos sono anche in altri luoghi della Polonia e in Moldavia per garantire cure mediche, protezione e sostegno psico-sociale ai rifugiati provenienti dall’Ucraina. Secondo i dati delle Nazioni Unite, le persone in fuga dal Paese, dirette verso i territori confinanti, come Polonia, Ungheria, Romania, Slovacchia e Moldavia sono oltre un milione e 700 mila.

«In questo momento in Polonia è confluita un’enorme quantità di volontari. È meraviglioso vedere come la “macchina” di risposta umanitaria sia stata capace di attivarsi nel giro di pochi giorni. Ovviamente – conclude Visone – questo è solo l’inizio. Il popolo ucraino avrà ancora tanto bisogno di aiuto, anche quando la guerra sarà finita».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...