Salute 3 Aprile 2023 12:32

Migranti e senza fissa dimora, così INTERSOS ha portato il vaccino Covid agli emarginati

L’organizzazione non governativa ha operato in quattro regioni: Lazio, Puglia, Sicilia e Calabria. L’esitazione vaccinale tra gli ostacoli più grandi. Verona (Coord. Medico Europa): «Coinvolgere le ASL in una dimensione di medicina di prossimità»

Migranti e senza fissa dimora, così INTERSOS ha portato il vaccino Covid agli emarginati

Coinvolgere migranti e persone senza fissa dimora nella più grande campagna vaccinale della storia, quella per il vaccino Covid 19. Un lavoro di cui si è fatto carico l’organizzazione non governativa INTERSOS che, oltre a collaborare alla campagna COVAX in Nigeria e Yemen, ha operato nelle comunità marginalizzati anche in Italia. Quattro le regioni coinvolte: Lazio, Calabria, Puglia e Sicilia. La parola chiave è stata “prossimità” perché quasi sempre si è trattato di un lavoro fatto sul territorio, andando fisicamente nei luoghi dove queste persone vivono, come nel caso delle comunità di braccianti del foggiano.

«I nostri interventi sono stati immediatamente convertiti su strada – spiega a Sanità Informazione Alessandro Verona, Coordinatore medico Europa INTERSOS -. Col sopraggiungere della possibilità di vaccinazione abbiamo cercato di mediare più rapidamente possibile con comunità altamente marginalizzate sul piano sociale e geografico. Ci siamo trovati di fronte a ghettizzazioni fisiche, per cui c’erano tanti ostacoli per l’accesso alla vaccinazione. Abbiamo coinvolto le comunità e le aziende sanitarie locali con sperimentazioni che si sono rivelate efficaci».

Il problema della disinformazione e dell’esitazione vaccinale

Uno dei grandi ostacoli che hanno incontrato gli operatori di INTERSOS è stato quello dell’esitazione vaccinale: la disinformazione ha spopolato ancora di più in contesti ai margini, come nelle comunità di persone in attesa di permesso di soggiorno. Uno dei metodi è stato quello di creare delle vere e proprie “stanze della salute” all’interno delle occupazioni per spiegare l’importanza della vaccinazione e formare dei promotori di salute.

«L’esitazione vaccinale – spiega Verona – è stata uno degli elementi più difficili su cui lavorare nell’andare a confrontarsi su culture diverse. Inoltre, la disinformazione che abbiamo vissuto trasversalmente in tutto il globo sulla questione della pandemia è stata difficile da eradicare nel momento in cui si trattava di comunità che vivono molto distanti socialmente e percettivamente dalla società integrata. Per questo è fondamentale ragionare in termini di coinvolgimento attivo delle comunità e nella capacità di formare promotori di salute».

Il sistema delle Community Base Organization

Per INTERSOS il metodo utilizzato che vede in primis il coinvolgimento comunitario e poi una reale medicina di prossimità può essere una buona pratica da replicare altre per altre campagne di salute.

«Su Foggia – spiega Verona – solo con l’attività del nostro intervento abbiamo raggiunto 6360 persone. un risultato notevole, visto che durante l’estate la raccolta agricola del pomodoro richiama tra le 6500 e le 7mila persone. Ma anche dove non eravamo presenti siamo riusciti comunque ad avere un buon impatto grazie a delle associazioni che noi chiamiamo ‘Community Base Organization’ che hanno replicato il nostro metodo anche in altre regioni coinvolgendo quasi 6mila persone».

La sfida per il futuro resta la medicina di prossimità, che non si esaurisce però solo nelle Case e negli ospedali di Comunità previsti dal PNRR. «È molto importante andare a cercare di coinvolgere le Aziende sanitarie in una dimensione di medicina di prossimità, anche ripresa concettualmente dal PNRR, che però deve essere applicata bene. Ciò significa portare i servizi vicino alle persone. Un errore grande a nostro avviso è stato quello di definire le comunità marginalizzate ‘hard to reach’: ma sono davvero le persone ad essere ‘hard to reach’ o piuttosto il sistema?» conclude il Coordinatore medico per l’Europa di INTERSOS.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid 19, il lavoro di INTERSOS in Nigeria e Yemen. Accardi: «Covax ha funzionato ma ora rafforzare i sistemi sanitari locali»
L’organizzazione non governativa ha supportato la campagna vaccinale nei due paesi raggiungendo i target prefissati. Tra le difficoltà l’infodemia, la carenza di operatori sanitari e i finanziamenti a singhiozzo. Il coordinatore della campagna Andrea Accardi: «L’integrazione con altri servizi di salute primari è essenziale e permette un impatto più di medio-lungo periodo»
L’orrore della guerra in Ucraina lascia senza parole. Visone (Intersos): «Molti bambini non parlano più»
L’organizzazione umanitaria Intersos ha allestito un presidio medico a Korczowa, in Polonia, a 4 km dal confine con l’Ucraina, sulla principale autostrada in direzione di Leopoli. La struttura sorge all’interno di un centro di prima accoglienza in un centro commerciale: davanti alle saracinesche dei negozi chiusi sono state sistemate le brandine. In altre aree sono stati raccolti i beni di prima di necessità e organizzato un presidio di primo soccorso
«In Afghanistan il rischio di morte in parto è 300 volte superiore all’Italia. Governo non paga i medici», il quadro di Brunelli (Intersos)
I progetti già realizzati da Intersos, il vicedirettore regionale per l’Afghanistan: «Operativi due Trauma Point, due centri di salute e tre cliniche mobili. Trattiamo la malnutrizione grave tra i bambini. Sosteniamo psicologicamente, legalmente ed economicamente le categorie fragili»
A Foggia lo strano caso delle trattenute ai MMG a distanza di decenni. Ma i medici non ci stanno e sono pronti al ricorso
A una quindicina di medici trattenute come recupero coatto di somme corrisposte per pazienti che in realtà erano deceduti o si erano trasferiti. Il caso sbarca in Parlamento con una interrogazione di Rosa Menga. E si muove anche il Direttore della Programmazione del Ministero della Salute Andrea Urbani
di Francesco Torre
#FoggiaLiberaFoggia: la Federazione degli Ordini TSRM PSTRP alla manifestazione di Libera contro la violenza
#FoggiaLiberaFoggia è la mobilitazione per rispondere alla violenza criminale promossa da Libera per venerdì 10 gennaio alle ore 15 a Foggia. L’associazione Libera invita alla partecipazione la cittadinanza, le associazioni, le forze sindacali, gli studenti, gli amministratori e la chiesa. L’Ordine dei Tecnici di radiologia e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...