Mondo 10 Giugno 2014

Lorenzin dagli U.S.A.: la sanità a stelle e strisce è un modello da importare

Il ministro della Salute, in vista del semestre europeo a guida italiana, annuncia riforme che ricalcheranno l’esempio d’oltreoceano. E la ricerca è in prima linea…

Immagine articolo

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin vola a Washington, U.S.A., con l’obiettivo di incrementare la collaborazione e la sinergia tra le istituzioni italiane e quelle statunitensi in ambito scientifico e sanitario.

Necessari, a tale scopo, il potenziamento delle intese bilaterali e di un coordinamento costante tra le commissioni tecnico – scientifiche dei due Paesi sui temi di interesse comune.

In un confronto al femminile con il ministro americano uscente della Sanità, Kathleen Sebelius, Lorenzin ha parlato a lungo dei temi decisivi che faranno parte dell’agenda del semestre europeo a guida italiana: l’aggiornamento del protocollo bilaterale, lo spirito che animerà l’imminente riforma sanitaria, la questione della sostenibilità, le patologie non trasmissibili e le malattie rare. Una unione d’intenti è emersa anche nella lotta al fumo e alle cosiddette patologie del benessere, come l’obesità:  vere e proprie emergenze, dai caratteri endemici, che affliggono il mondo occidentale con forti ripercussioni sui servizi sanitari nazionali. La promozione di corretti stili di vita, sin dall’infanzia, è la strategia condivisa dall’asse Italia – U.S.A.

Un esempio positivo a cui guarda il ministro Lorenzin è quello della FDA (Food and Drug Administration), l’agenzia preposta alla sicurezza di farmaci e generi alimentari. In visita alla sede, il ministro ha espresso la volontà di riformare l’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) ricalcando il modello della FDA. Il risultato a cui tendere è ottimizzare lo scambio di informazioni sulle ispezioni tra le due istituzioni, anche attraverso una banca dati internazionale creata ad hoc.

Quello che però ha maggiormente destato l’interesse del nostro ministro della Salute è il modello di finanziamento alla ricerca adottato negli Stati Uniti, vale a dire la totale defiscalizzazione degli investimenti legati alla ricerca scientifica. Un modello che – secondo Beatrice Lorenzin – adattato a quello italiano consentirebbe non solo di attrarre gli investimenti, ma anche le donazioni che negli ultimi anni, per ragioni fiscali, sono diminuite. Oltre, naturalmente, a far sì che la ricerca torni ad essere tra i nostri fiori all’occhiello, trasformandosi in una risorsa preziosa per lo sviluppo e la competitività del nostro Paese. “Se riuscissimo a rendere il sistema sanitario italiano più attrattivo – conclude il ministro – potremmo realizzare l’1% in più di PIL investendo solo sulla salute”.

Articoli correlati
Viaggio nell’ospedale degli Apache della Montagna Bianca, tra modernità e comunità
La reazione al Covid-19 delle tribù degli indiani d'America, il sistema sanitario delle riserve indigene e la sintesi fra medicina tradizionale e le moderne strutture sanitarie: intervista al dottor Ryan Close
di Tommaso Caldarelli
Delegazione Pd incontra Ministro Manfredi, tutte le richieste per gli specializzandi
Una delegazione del Partito Democratico e del Forum Sanità Giovani Democratici composta dall’Onorevole Beatrice Lorenzin e da Stefano Manai in qualità di Resposabile formazione sanitaria del PD, ha avuto un incontro con il ministro dell’Università Manfredi nel corso del quale ha avanzato delle proposte – frutto anche di una sintesi delle istanze portate avanti dalle diverse […]
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Speranza: «L’Italia si sta rialzando ma la battaglia non è vinta. Scriviamo insieme il futuro»
«Il virus è una grande sfida globale, non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta». Così il ministro della Salute in visita allo Spallanzani insieme all'ambasciatore Usa in Italia Eisenberg
Il Covid-19 fa ancora paura: Pechino richiude, giornata nera in Brasile e in Usa terapie intensive piene
A Pechino oltre 500 nuovi casi locali. Stop ai voli e scuole chiuse. Terapie intensive piene in Arizona, mentre il Brasile registra "il giorno più nero"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...