Mondo 2 Settembre 2021 13:13

La legge anti-aborto in Texas non è stata bloccata dalla Corte Suprema

Non esaminato dai giudici conservatori il ricorso degli attivisti contro l’Heartbeat Act, che vieta alle donne texane di abortire dopo le sesta settimana. Protesta il personale sanitario, e il presidente Biden promette di difendere il diritto delle donne

La legge anti-aborto in Texas non è stata bloccata dalla Corte Suprema

La Corte Suprema non la blocca e in Texas passa la legge che impedisce l’interruzione di gravidanza oltre le sei settimane. Il presidente statunitense Joe Biden si è scagliato contro la decisione e ha definito la legge «estrema, che viola palesemente i diritti delle donne e danneggia fortemente il loro accesso alle cure».

L’Heartbeat Act

L’Heartbeat Act del Texas, che si chiama così perché impedisce l’aborto dopo la rilevazione del “battito cardiaco” del feto, aggira chiaramente il diritto all’aborto sancito proprio dalla Corte Suprema nel 1973. La comparsa del battito infatti, spesso avviene quando la donna non è ancora consapevole di essere incinta. Ora ogni cittadino potrà denunciare in tribunale i medici che praticano aborto dopo le sei settimane, impedendo loro di procedere con le interruzioni di gravidanza.

A schierarsi contro questa legge non solo associazioni in difesa dei diritti delle donne ma anche medici e personale sanitario. Si tratta di una delle leggi più restrittive degli Stati Uniti e le ragioni del blocco mancato vengono dalle posizioni della Corte Suprema. I giudici, in maggioranza di posizione conservatrice, non hanno voluto esaminare il ricorso presentato d’urgenza dagli attivisti anti-aborto. Biden ha ribadito che la sua amministrazione è in campo per proteggere i diritti costituzionali, ricordando la sentenza Roe contro Wade. Proprio quella che nel ’73 stabilì che le donne hanno diritto ad interrompere la gravidanza fino alla 22-24esima settimana.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
Aborto farmacologico o chirurgico? Come orientarsi nella scelta: cambiano le tempistiche e le modalità
Dopo la Toscana, la Regione Lazio ha approvato la somministrazione della pillola abortiva anche al di fuori delle strutture ospedaliere. Viora (Aogoi): «La RU486 può essere utilizzata pure a seguito di un aborto spontaneo per evitare il raschiamento»
di Isabella Faggiano
Aborto, a Roma presidio Pro-Choice. Le richieste delle manifestanti
Presidio per la piena applicazione della legge 194 davanti al ministero della Salute. La sottosegretaria Zampa riceve una delegazione e promette modifiche alle linee di indirizzo
Legge 194. E se in ospedale sono tutti obiettori? Viora (AOGOI): «La struttura deve garantire il diritto all’ivg»
«Siamo passati dalle 230 mila interruzioni negli anni ’80 alle attuali 76 mila. Aumentano, invece, i ginecologi obiettori, che rappresentano circa il 69% della categoria»
di Isabella Faggiano
Aborto e Covid-19, l’appello di Associazione Coscioni e AMICA per una corretta applicazione della 194: «Legge da difendere, oggi più che mai»
L’erogazione della IVG ha subito rallentamenti e difficoltà a causa dell’epidemia. Le associazioni prochoice: «Favorire il farmacologico in regime ambulatoriale e trasparenza su medici obiettori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco