Mondo 2 Settembre 2021 13:13

La legge anti-aborto in Texas non è stata bloccata dalla Corte Suprema

Non esaminato dai giudici conservatori il ricorso degli attivisti contro l’Heartbeat Act, che vieta alle donne texane di abortire dopo le sesta settimana. Protesta il personale sanitario, e il presidente Biden promette di difendere il diritto delle donne

La legge anti-aborto in Texas non è stata bloccata dalla Corte Suprema

La Corte Suprema non la blocca e in Texas passa la legge che impedisce l’interruzione di gravidanza oltre le sei settimane. Il presidente statunitense Joe Biden si è scagliato contro la decisione e ha definito la legge «estrema, che viola palesemente i diritti delle donne e danneggia fortemente il loro accesso alle cure».

L’Heartbeat Act

L’Heartbeat Act del Texas, che si chiama così perché impedisce l’aborto dopo la rilevazione del “battito cardiaco” del feto, aggira chiaramente il diritto all’aborto sancito proprio dalla Corte Suprema nel 1973. La comparsa del battito infatti, spesso avviene quando la donna non è ancora consapevole di essere incinta. Ora ogni cittadino potrà denunciare in tribunale i medici che praticano aborto dopo le sei settimane, impedendo loro di procedere con le interruzioni di gravidanza.

A schierarsi contro questa legge non solo associazioni in difesa dei diritti delle donne ma anche medici e personale sanitario. Si tratta di una delle leggi più restrittive degli Stati Uniti e le ragioni del blocco mancato vengono dalle posizioni della Corte Suprema. I giudici, in maggioranza di posizione conservatrice, non hanno voluto esaminare il ricorso presentato d’urgenza dagli attivisti anti-aborto. Biden ha ribadito che la sua amministrazione è in campo per proteggere i diritti costituzionali, ricordando la sentenza Roe contro Wade. Proprio quella che nel ’73 stabilì che le donne hanno diritto ad interrompere la gravidanza fino alla 22-24esima settimana.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Creati embrioni umani sintetici: svolta su malattie genetiche. «Ma vanno rafforzate leggi per evitare abusi»
Creati embrioni umani sintetici a partire da cellule staminali, senza quindi ovuli e spermatozoi. Ad annunciarlo è stata Magdalena Żernicka-Goetz, scienziata dell’Università di Cambridge e del California Institute of Technology, in occasione del meeting annuale dell’International Society for Stem Cell Research a Boston
Usa, in oltre la metà degli Stati sarà vietato abortire
Dopo la decisione della Corte Suprema di ribaltare Roe v Wade, in stati come Louisiana e Tennessee non si potrà abortire neanche per stupro
Se gli USA vieteranno l’aborto, quali saranno le conseguenze per le donne?
I giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America vogliono abrogare il diritto all'aborto nel Paese, secondo un documento interno pubblicato da Politico. Il mondo scientifico si ribella a fronte di una decisione dettata da ragioni di carattere politico-ideologico e tutto questo sulla pelle delle donne
di Stefano Piazza
Aborto, in almeno 15 ospedali italiani tutti i ginecologi sono obiettori
L'Associazione Coscioni: «La più grave disapplicazione della 194». I risultati dell’indagine “Mai dati!”
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...