Mondo 9 Luglio 2021 12:12

In Ciad un laboratorio specializzato per studiare le pandemie

Nel Paese subsahariano asintomatico il 98% dei casi Covid. Colizzi (Tor Vergata): «Popolazione immune per natura, anche grazie alla sabbia»

di Federica Bosco
In Ciad un laboratorio specializzato per studiare le pandemie

Poche strutture sanitarie e una previsione dell’OMS tragica. Così il Ciad, paese subsahariano del Sahel, ha affrontato la prima pandemia da Covid lo scorso anno. Tra gli enti più attivi sul territorio, la fondazione Magis di Roma, gestita dai padri gesuiti, che ha avviato, insieme all’Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo, un laboratorio di analisi biomediche presso l’ospedale universitario Le Bon Samaritain nella capitale N’Djamena, oggi centro di ricerca e monitoraggio anche delle malattie tropicali.

«I primi mesi sono stati difficili perché la pressione internazionale era forte e mancavano gli strumenti per contenere l’epidemia, dai dispositivi di protezione per il personale sanitario alle apparecchiature sofisticate per iniziare a fare i test e l’ossigeno per la terapia intensiva – racconta Sabrina Atturo, responsabile Progetti di Fondazione Magis, in collegamento dal Ciad -. Il governo è riuscito a creare 40 posti letto di terapia intensiva per una popolazione che è di 15 milioni di abitanti».

Poche attrezzature, gli aiuti internazionali

Nel mese di giugno 2020 sono arrivate in Ciad le prime attrezzature per fronteggiare la pandemia inviate dalla Cina, dagli Usa e dagli Emirati Arabi. «Solo allora siamo riusciti ad attrezzare un laboratorio di biologia molecolare, ad allestire 4 letti di terapia sub intensiva nell’ospedale, a donare al governo il necessario per fare il test Covid e cercare di offrire, per quanto possibile, una risposta epidemiologica all’emergenza che stava colpendo il paese», ricorda Atturo.

98% di asintomatici

Il lockdown ha aiutato a contenere il virus, ma a fare la differenza e proteggere gli abitanti potrebbe essere stata, per quanto strano possa sembrare, la sabbia del Sahara: «Il virus circola con percentuali analoghe all’Italia, ma i malati sono molti meno – spiega a Sanità Informazione il professor Vittorio Colizziconsulente sanitario del progetto e docente di Immunologia e Patologia presso l’Università di Roma Tor Vergata -. Le ragioni sono diverse, ma la principale è la capacità degli abitanti di smorzare l’attività infiammatoria del virus. Questo perché, probabilmente, la popolazione ha una immunità naturale, dal momento che deve affrontare molte malattie, come malaria e tubercolosi».

«Non solo – prosegue Colizzi -, nel Sahel c’è molta sabbia e il vento che spira per 4 o 5 mesi la porta dappertutto. Questa sabbia di silice ha una forte componente infiammatoria, quindi di fatto il sistema immunitario delle popolazioni sahariane ha sviluppato un’attività antinfiammatoria per bloccare l’effetto della sabbia. Quindi i polmoni di queste persone considerano il Covid un granello di sabbia in più, bloccano l’infiammazione e non si ammalano». Secondo i dati ufficiali, il 98% dei malati di Covid in Ciad è asintomatico ed in un anno sono state circa 300 le persone ricoverate.

Campagna vaccinale per sanitari e militari

Alla campagna vaccinale realizzata in prevalenza con le dosi donate dalla Cina e partita lo scorso 4 giugno hanno aderito operatori sanitari e militari ma poco gli abitanti delle zone rurali. Perché? Probabilmente il Covid fa meno paura di altre epidemie, mentre le varianti sono sconosciute. Questo non ha rallentato però il lavoro di ricerca sul virus e possibili nuove varianti che sono oggetto di studio nei 21 laboratori oggi presenti in Ciad.

Telemedicina e formazione nel futuro della sanità ciadiana

«Si lavora per far fronte ad eventuali varianti più aggressive, ma anche per studiare altre malattie che in Ciad e in tutte le zone del Sahel e dell’Africa sono endemiche e che ogni anno distruggono la popolazione – aggiunge Choua Ouchemi, coordinatore nazionale della risposta sanitaria contro il Covid in Ciad –. Per questo il nostro obiettivo primario è riuscire a mettere in rete tutti i laboratori per poter avere informazioni da ogni angolo del paese in tempo reale con la telemedicina. Non solo, per essere più performanti stiamo cercando con l’aiuto anche dell’Italia di mettere a disposizione alcuni formatori per i biologi e con tamponi e test sierologici poter sequenziare il virus e capire quante persone hanno avuto realmente il Covid».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano