Mondo 26 Aprile 2022 09:57

Guerra in Ucraina, lo choc delle violenze filmate e diffuse. Ma non è una novità

La psicologa spiega l’origine di fenomeni come la de-individuazione e l’effetto Lucifero, che portano l’essere umano a cambiare il suo comportamento

Guerra in Ucraina, lo choc delle violenze filmate e diffuse. Ma non è una novità

Filmare, mostrare, diffondere. Sono gli imperativi categorici dei nostri anni ’20: nell’era dei social e delle condivisioni in tempo reale di materiale fotografico e video, di qualsiasi genere, neanche le violenze perpetrate in guerra fanno eccezione. Durante l’attuale conflitto in Ucraina, è acclarato che tra i soldati russi sia in voga la prassi di non limitarsi a uccidere, torturare, stuprare, ma di documentare queste azioni filmandole e diffondendole.

È la spettacolarizzazione della violenza, una vera e propria pornografia dell’orrore. Che risponde, però, nella maggior parte dei casi, non (solo) a fenomeni di psicopatia individuali, ma che trovano una propria collocazione all’interno di complessi quanto ancestrali meccanismi di psicologia sociale. Non certo una giustificazione, ma una spiegazione in ragione del contesto di riferimento. Ne abbiamo parlato con la psicologa Francesca Andronico, responsabile del network dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.

Rabbia, aggressività, de-individuazione

«Prima di andare al cuore della questione è necessario fare un passo indietro per spiegare il contesto – esordisce la dottoressa -. L’aggressività, che nasce dall’emozione primaria della rabbia, è una pulsione insita nell’essere umano. Nei contesti caratterizzati da due opposti schieramenti – spiega –  identificati con rispettivi gruppi di appartenenza, numerosi di psicologia sociale hanno dimostrato che nel momento in cui si indossa un’uniforme, una divisa, qualcosa che identifica appunto la propria appartenenza a un gruppo (e questo vale in guerra come nel calcio) questo senso di appartenenza diventa più forte della volontà individuale, dando vita al fenomeno della de-individuazione, che fa compiere all’essere umano delle azioni che come singolo non farebbe».

«Negli anni ’70 il famoso esperimento di Stanford condotto dal professor Philip Zimbardo – prosegue Andronico – ha riprodotto le condizioni di vita carceraria ha evidenziato come i partecipanti allo studio che interpretavano il ruolo di guardie carcerarie iniziassero a compiere vessazioni di vario genere sui partecipanti che interpretavano i carcerati, solo perché in un contesto di coercizione potevano usare il potere su di loro. Un fenomeno denominato “effetto Lucifero” che ha ispirato anche alcune pellicole cinematografiche. Questo per contestualizzare la genesi dei fenomeni di aggressività in un contesto bellico».

La spettacolarizzazione e il mezzo social

«La spettacolarizzazione di questi fenomeni è un ulteriore step. Vediamo quotidianamente alcuni fenomeni come il cyberbullismo e il revenge porn – osserva la psicologa – e questo ci dice quanto il mezzo video e la diffusione social diventino lo strumento per mostrare e dimostrare agli altri il proprio potere e la propria forza e supremazia. È anche uno strumento che ha una valenza intimidatoria nei confronti dell’altro: per chi lo compie rafforza il senso di appartenenza e il potere, mentre per chi lo subisce o lo vede aumenta il senso di sottomissione e paura, e di inferiorità».

«Ma al di là del mezzo utilizzato – sottolinea Andronico – il fenomeno non è certo figlio dei giorni nostri. Già dal Medioevo abbiamo notizie delle gogne e delle esecuzioni di piazza, che rappresentavano una prassi, un momento pubblico e sociale addirittura. Nulla di nuovo, insomma, nell’attuale spettacolarizzazione e voyeurismo che accompagna la violenza, a cambiare è solo il mezzo attraverso cui renderla pubblica. Nel caso dei conflitti non è più Tizio che compie una violenza su Caio, ma il gruppo di potere che identifica il compimento di quella violenza utile per la propria causa, e il mostrarlo è ancora una volta una cassa di risonanza per l’affermazione del potere. Nel gruppo di appartenenza di chi le compie rafforza il messaggio: siamo i più forti. Nel gruppo di appartenenza di chi le subisce – conclude la psicologa – amplifica il senso di sottomissione e inferiorità ed è perciò strumentale alla causa bellica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita
Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita
Mykhailo, professore russo ucraino: una figlia al fronte con il cuore diviso a metà
Nato a Volgograd a due anni si trasferisce con la famiglia a Zaporozje, ma gli zii sono ancora in Russia e sono nemici. Oggi l’uomo vive a Milano con sensi di colpa e paura per la figlia in guerra «Ogni giorno quando mi sveglio la prima cosa che faccio è telefonare a lei, possono vivere se lei è viva»
Ucraina, Cittadini (Aiop): «Assistenza a profughi e disponibilità ad assumere medici»
«Aiop si è già attivata per assicurare il supporto necessario a chi sta fuggendo dalla guerra, garantendo prestazioni sanitarie come vaccini, tamponi, visite mediche e assistenza specialistica e complessa» spiega la presidente Aiop Barbara Cittadini
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali