Mondo 9 Febbraio 2023 18:38

Giorgia, “manager della prevenzione” ha inventato la prima clinica di medici italiani a Londra

Con Dottore London si diffonde il concetto di prevenzione anche tra gli inglesi che oggi scelgono la clinica italiana per i check up post Covid

È giovane, intraprendente e quando arriva nel 2014 a Londra per un Master capisce che esiste una carenza nel sistema sanitario inglese. Non si fa prevenzione sanitaria. Così Giorgia Bacco, genovese di nascita, ma milanese per formazione universitaria, decide di dare vita alla prima clinica di medici italiani in UK, che chiama Dottore London. «L’idea è nata da una esigenza – spiega a Sanità informazione Giorgia – perché quanto sono arrivata in città, mi sono resa conto che non c’erano cliniche italiane a Londra e la maggior parte dei nostri connazionali tornava in Italia per fare degli esami o una visita medica specialistica».

Nessuna prevenzione, nasce Dottore London

Una realtà che preoccupa la giovane manager ligure, ma che, al tempo stesso, diventa occasione di studio e di idee da sviluppare. «Ho condotto una ricerca di mercato e sono entrata a far parte dell’incubatore di Startup nell’Università dove avevo appena finito il Master – spiega -. Il mio progetto per fare prevenzione è piaciuto e ho vinto un concorso».  Giorgia riceve dei fondi che impiega per realizzare la prima clinica di medici italiani a Londra che chiama Dottore London.

50 specialisti per la prevenzione

«Ho aperto la prima clinica con una ginecologa e un pediatra – racconta – oggi abbiamo 50 specialisti». Il progetto decolla, col tempo le cliniche diventano due mentre il numero dei pazienti cresce di anno in anno. «Non posso dire che manchi qualcosa alla sanità inglese – puntualizza la manager italiana – ma il sistema  è molto diverso.  Per arrivare a fare una visita specialistica ci vuole molto tempo e soprattutto non c’è prevenzione, cosa inconcepibile per noi italiani che in questo siamo molto attenti».

Tutti medici italiani

«Tutti i medici sono italiani, hanno avuto  una formazione in Italia, ma lavorano anche per il sistema sanitario inglese», dice con orgoglio Giorgia Bacco, che aggiunge: «la maggior parte dei pazienti sono italiani, turisti  o professionisti che vivono a Londra,  ma ci sono anche molti inglesi che vogliono fare prevenzione e scelgono la visita di routine, in particolare pediatrica per i bambini o ginecologica per le donne. In Inghilterra la visita di controllo ginecologica non esiste».

Dopo il Covid in aumento i Check up

Un cambio di passo e soprattutto di mentalità, verso una maggiore prevenzione, promosso da Giorgia attraverso le cliniche Dottore London, che nel dopo Covid è ancora più evidente. «Oggi c’è un numero più alto di pazienti che chiede i check up, mentre prima succedeva raramente, ora è un servizio molto richiesto».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...