Mondo 8 Aprile 2020

Covid-19 in Europa, l’Oms fa il punto. Il direttore Kluge: «Non è il momento di abbassare la guardia, oltre 50mila morti»

In Europa la metà dei casi totali e sette dei primi dieci Stati più colpiti. Preoccupa il caso Turchia. L’Organizzazione mondiale della sanità chiede una strategia unitaria e invita: «Proteggete i lavoratori della sanità e donate le mascherine»

di Gloria Frezza
Immagine articolo

Al momento attuale, in Europa, sono 687.236 le persone risultate positive al Covid-19 dopo le analisi di laboratorio. A renderlo noto è l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nelle parole del direttore regionale Hans Kluge, in conferenza stampa virtuale. «I pazienti deceduti – ha aggiunto – sono 52.824, per la maggior parte over 65, secondo i dati di 53 Paesi e sette territori. I casi europei rappresentano circa la metà dei totali e sette dei primi dieci Stati più colpiti si trovano in territorio europeo».

Dopo gli Stati Uniti, la Spagna con il nuovo primato di casi, l’Italia, la Germania, la Francia e, dietro Cina e Iran, Regno Unito, Turchia e Svizzera. «Grazie alle misure di contenimento sociale e sanità pubblica – ha chiarito Kluge – i Paesi con maggiore diffusione, Spagna e Italia nello specifico, stanno finalmente sperimentando un rallentamento nei contagi. In Germania invece si nota una diffusione in generale più lenta, dovuta a fattori come l’età media della popolazione e la distribuzione dei test». A preoccupare l’Oms è ora il caso Turchia, che negli ultimi giorni sta vivendo un drammatico aumento dei contagi, la maggior parte collocati a Istanbul.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, BUSTREO: «OMS SI E’ MOSSA TARDI. IN ITALIA SERVE CENTRO DI CONTROLLO MALATTIE SU MODELLO USA»

«Confrontando il virus con la prima diffusione in Cina, abbiamo potuto verificare che la malattia si comporta nello stesso modo – ha specificato il direttore regionale – e l’infezione può manifestarsi in soggetti di tutte le età, meno in chi è al di sotto dei 15 anni. Tuttavia due vittime del Covid-19, una dal Regno Unito e una dal Belgio, avevano rispettivamente 5 e 12 anni. Questo ci fa capire quanto può essere potente il virus». Kluge ha ribadito che il 5% dei contagiati viene poi trasportato in terapia intensiva e che l’infezione colpisce maggiormente soggetti con precedenti patologie, di cui i due terzi sono uomini.

È arrivata poi la richiesta di rimanere vigili, rafforzare le attività globali in tre principali doveri. In primis, la protezione dei lavoratori della sanità. «Siamo in debito con tutti coloro che lavorano giorno e notte per prendersi cura della persone con Covid-19 – ha detto Kluge con commozione –. Sono la spina dorsale dei nostri servizi sanitari». L’Oms invita dunque a proseguire al meglio con la formazione e preparazione di medici, infermieri e personale sanitario. Infine, di concentrarsi sulla protezione della loro salute fisica e mentale, garantendo loro il sostegno necessario per sé e per le loro famiglie.

Poi l’avvertimento: «Non è il momento di abbassare la guardia, anzi occorre triplicare gli sforzi che stiamo già facendo – ha proseguito –. L’impatto di questa pandemia sulle nostre vite è eccezionale, la strada per affrontarla è la condivisione di conoscenze e provvedimenti utili per dare una risposta univoca e forte al virus». Proprio della solidarietà Kluge ha parlato come dell’esempio più importante di forza globale, sottolineando il lavoro dei team di medici partiti alla volta dei territori più colpiti, l’ultimo dalla Polonia verso l’emergenza a Brescia.

Sulla discussa necessità di indossare o meno mascherine per la popolazione si è espressa Dorit Nitzan, coordinatrice per le emergenze sanitarie Oms nelle regioni europee: «Alcuni si sentono sicuri utilizzandole ma contribuiscono solo a diffondere ulteriormente il virus, facendo poca attenzione. Continuiamo a raccomandare che le mascherine vengano indossate da operatori sanitari, dagli infettati e da chi se ne prende cura», ha chiarito la dottoressa, aggiungendo infine: «Se ne avete in misura extra, donatele ai Paesi i cui medici e infermieri non ne hanno».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 agosto, sono 18.082.616 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 689.428 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 2 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 agosto, sono 18.082.616 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 689.428 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»