Mondo 11 Maggio 2020

Coronavirus, le due lezioni dalla provincia di Bergamo sul New England Journal of Medicine

L’intervento di tre medici orobici arriva sulla più prestigiosa rivista scientifica mondiale: «Servivano tamponi per tutti i medici e lockdown immediato della Lombardia»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

Una corrispondenza dal fronte: il New England Journal of Medicine torna a dare spazio ai medici italiani con un contributo firmato da due camici bianchi dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (Stefano Fagiuoli e Ferdinando Luca Lorini) e da Giuseppe Remuzzi, in forza all’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS, tutti parte dell’unità Coronavirus di Bergamo: «Due sono le principali lezioni che possono essere imparate dall’esperienza orobica», scrivono i sanitari nel ciclo Covid-19 Notes della principale rivista di medicina del mondo, in un articolo intitolato “Adattamenti e lezioni nella provincia di Bergamo”: «Primo, tutti i lavoratori di ospedali e case di cura e la comunità in generale avrebbero dovuto essere testati per il Covid-19 e tutti i positivi avrebbero dovuto essere isolati anche se asintomatici».

Secondo i dottori, infatti, sarebbe stato proprio l’indefesso impegno dei medici di base nel cercare i primi infetti ad averli esposti al contagio da Covid-19, «assieme alla mancanza di equipaggiamento protettivo destinato soprattutto ai presidi di famiglia»: sono stati 19 i medici in provincia di Bergamo a morire a causa del Coronavirus e «ognuno di loro era coinvolto nel trattamento di pazienti Covid-19, anche se nessuno di loro era in servizio presso il Papa Giovanni XXIII». La seconda lezione, «anche più importante», risiederebbe nel fatto che «un lockdown a livello regionale, immediato e generalizzato avrebbe dovuto essere implementato. Sarebbe stato un passo decisivo per ridurre i casi da Covid-19, prevenendo la saturazione degli ospedali e potenzialmente limitando il numero di morti nella provincia» .

LEGGI ANCHE: «MORTI E CONTAGIATI TRA NOI, MA IL VERO PROFESSIONISTA SI VEDE NEL MOMENTO CRITICO». LA VITA DI UN TECNICO DI RADIOLOGIA SUL ‘FRONTE’ DI BERGAMO

Il contributo inizia ripercorrendo le tappe dell’esplosione dell’epidemia da Coronavirus dopo i primi, noti focolai di Alzano Lombardo e Nembro: i primi casi nell’ospedale di Alzano si sono registrati il 23 di febbraio, ma il lockdown della provincia non si è verificato prima dell’8 marzo. «Nel frattempo – spiegano i dottori – il virus aveva però contagiato migliaia di persone» e la capacità dei presidi sanitari bergamaschi veniva progressivamente saturata. Entro il 28 di marzo, i pazienti Covid-19 avevano occupato 498 dei 779 posti a disposizione del “PapaGio”, come viene affettuosamente chiamato il presidio sanitario bergamasco: «Di questi, 92 sono stati avviati alla terapia intensiva e 12 alla sezione dedicata della subintensiva». Entro poche settimane, «il 70% dei medici di ruolo è stato assegnato alle unità Covid-19», ricevendo un percorso di peer education che ha coinvolto «più di 1500 persone in una settimana». Intanto, il servizio di terapia intensiva veniva riconfigurato e potenziato, con un decollo di posti letto a disposizione che in 20 giorni è riuscito ad aggiungere oltre 100 postazioni operative.

La storia che raccontano i medici è fatta di «decisioni difficili» che i professionisti della sanità hanno dovuto prendere, principalmente riguardanti le assegnazioni dei ventilatori polmonari in base ad un punteggio di urgenza elaborato dai sanitari: «Anestesisti ed intensivisti hanno cancellato le chirurgie meno urgenti, inclusi tutti i trapianti» tranne un trapianto di polmone che appariva improcrastinabile. Dei primi 510 pazienti ammessi per Coronavirus, raccontano i tre medici bergamaschi, «il 30% ha perso la vita»; fortunatamente, «dopo mesi di lavoro da parte dei medici, la mortalità in ospedale è scesa da una media di 17/18 persone al giorno, con picchi di 19, fino alla cifra di due morti per giorno», simile alla media di 2,5 morti per giorno registrata prima della fase Coronavirus.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
L’Africa ha “schivato” il Coronavirus? Le spiegazioni degli esperti
I numeri ormai lo dimostrano: il continente ha meno casi e meno malati. Quali le ragioni? Gli studiosi si interrogano
di Tommaso Caldarelli
Emofilia: Csl Behring mette a disposizione servizio per consegna a domicilio dei farmaci
La pandemia di Covid-19 ha messo in evidenza l’esigenza di servizi sul territorio, non solo per i soggetti Covid positivi ma per tutti quelli considerati ‘fragili’ a causa di una condizione patologica preesistente. «Oggi CSL Behring ha deciso di rinnovare ‘sine die’ – per i pazienti emofilici trattati con i suoi prodotti – un servizio […]
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 313.011 (1.648 in più rispetto a ieri). 90.185 i […]
Andreoni (Tor Vergata): «Con lattoferrina i tempi di eliminazione del Sars-Cov-2 si accorciano»
«La lattoferrina ha un doppio meccanismo d’azione dimostrato scientificamente: non solo agisce sull’immunità naturale ma impedisce “fisicamente” al virus di entrare nella cellula». Ma non è tutto. Massimo Andreoni illustra i primi dati dello studio pilota dell’università di Tor Vergata sui contagiati da Sars-CoV-2
«Stanchi, depressi e con la paura che l’incubo ritorni». Gli internisti tracciano identikit sopravvissuti al Covid
Presentato al Congresso FADOI il modello di day hospital per gli ex pazienti Covid già adottato da Liguria e Toscana, ma che potrebbe essere esteso al resto d’Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...