Mondo 10 Aprile 2019

Allarme morbillo a New York, 285 i casi in città. Dichiarato lo stato d’emergenza sanitaria

Il timore è che l’epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. Il sindaco De Blasio ha scelto la linea dura. «Il vaccino contro il morbillo funziona – l’appello del sindaco – è sicuro, è efficace e salva la vita»

Immagine articolo

Emergenza morbillo a New York. Da oltreoceano arriva la notizia di una città alle prese con uno dei maggiori focolai degli ultimi decenni. Si moltiplicando gli sforzi per arginare l’epidemia, ma la preoccupazione cresce in tutti gli Stati Uniti per una malattia che sta rialzando la testa dopo che era stata completamente eradicata.

Il sindaco di New York Bill de Blasio ha scelto la linea dura, dichiarando lo stato di emergenza sanitaria per il timore che l’epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. L’ordine è di vaccinarsi obbligatoriamente nelle quattro aree più a rischio, pena multe salatissime e persino la chiusura di scuole e asili nido. Dal mese di settembre infatti sono almeno 285 le persone che hanno contratto il virus del morbillo, creando panico soprattutto tra la comunità ebraico ortodossa di Williamsburg. E molti dei nuovi casi sono stati confermati negli ultimi due mesi. Secondo il piano di de Blasio, tutte le persone non vaccinate che risiedono nelle quattro zone di Brooklyn epicentro del focolaio dovranno al più presto fare il trivalente contro morbillo, parotite e rosolia, compresi i bambini oltre i sei mesi di età. Chi non si sottoporrà al vaccino va incontro a una sanzione di mille dollari. Inoltre, il primo cittadino ha ordinato a tutte le scuole religiose e agli asili della comunità ebraico ortodossa di non accettare bambini, alunni e studenti non vaccinati, pena la chiusura degli istituti.

LEGGI: MORBILLO, OMS: «NEL 2018 RECORD DI CASI IN EUROPA. OLTRE 82MILA CONTAGI E 72 MORTI»

«Siamo di fronte a un’epidemia di morbillo che è molto, molto seria e preoccupante e la situazione deve essere affrontata immediatamente», ha affermato de Blasio nel corso di una conferenza stampa a Williamsburg. «Il vaccino contro il morbillo funziona – l’appello del sindaco – è sicuro, è efficace e salva la vita». Il morbillo – spiegano al Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), la massima autorità sanitaria negli Usa – è altamente contagioso, ma la vaccinazione è considerata efficace al 97%. Secondo quanto dichiarato dai funzionari sanitari, la stragrande maggioranza dei casi riguarda minori di 18 anni, la maggior parte dei quali non vaccinati o vaccinati in modo incompleto.

Secondo i dati su scala nazionale del Cdc, 469 casi di morbillo sono stati confermati in 19 stati Usa nel 2019, numero che è il secondo più alto da quando il morbillo era stato dichiarato debellato negli Stati Uniti, quasi vent’anni fa. Una escalation che le autorità imputano in parte all’azione sempre più persistente del movimento ‘No Vax’, visto che la maggioranza delle persone che ha contratto la malattia non è stata vaccinata. L’Oms ha descritto il morbillo come una causa importante di morte tra i bambini, nonostante la disponibilità di un vaccino efficace: in tutto il mondo nel 2017 oltre 110 mila persone, per lo più minori, sono decedute per a causa di tale malattia. L’ultimo decesso negli Usa risale al 2015.

Articoli correlati
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
Guariti da Covid-19, Vineis (CSS): «Risposta immunitaria durerebbe almeno 6 mesi, ma sono solo opinioni dei ricercatori»
«Per stimare la circolazione del virus in Italia è utile un’indagine campionaria di popolazione con un test anticorpale, ma non sappiamo molto sulla durata o l'efficacia dell'immunizzazione. E senza un test efficace e accurato, c'è il rischio di falsi positivi che darebbero ai soggetti la falsa sensazione di essere protetti». L’intervista al Vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità Paolo Vineis
Sanità privata chiede ammortizzatori sociali. Cgil Cisl Uil: «Paradossale con pandemia in corso. Regione Lazio ci convochi»
«In queste ore stiamo ricevendo tante richieste di attivazione della cassa integrazione (fis) da parte delle strutture della sanità privata del Lazio. Non possiamo che esprimere il nostro più profondo sconcerto e la nostra rabbia, anche a fronte dell’enorme peso che la pandemia da coronavirus sta riversando sugli operatori sanitari del pubblico e del privato». […]
Coronavirus negli Usa, un medico italiano in Arizona: «Pochi tamponi, si sottovaluta il rischio»
Francesca Polverino, pneumologa alla guida di un gruppo di ricerca sull’enfisema: «Il governo della mia regione invita a rimanere a casa solo in presenza di sintomi. Non ci sono strategie, il danno sarà più ingente dell’Italia»
di Federica Bosco
Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...