Mondo 6 Marzo 2019 11:19

AIDS, paziente guarisce dopo trapianto cellule staminali

Per la seconda volta da quando è scoppiata l’epidemia legata all’Hiv, il virus che causa l’Aids, un paziente a Londra sembrerebbe essere stato curato dall’infezione: lo riporta la rivista scientifica Nature

«Tutti credevano, dopo il paziente di Berlino, che fosse quasi necessario morire per curare l’Hiv, ma ora forse non occorre. Penso che questo cambi un po’ le cose». Così Ravindra Gupta, virologo all’University College di Londra, ha commentato sul Daily Nation lo studio sul secondo paziente al mondo con Hiv-1 che ha raggiunto la remissione completa dopo un trapianto di cellule staminali.

Nel caso del paziente di Londra, il trapianto ha eliminato il linfoma senza effetti collaterali dannosi. E le cellule immunitarie trapiantate, ora resistenti all’Hiv, sembrano avere sostituito le sue cellule vulnerabili. Risultato? L’uomo è in remissione da 18 mesi.

«Sento un senso di responsabilità per aiutare i medici a capire come tutto questo sia accaduto, per poter far progredire la scienza ha scritto ancora Gupta –. Non avrei mai pensato che poteva esserci una cura durante la mia vita». Avendo ottenuto «la remissione in un secondo paziente utilizzando un approccio simile, abbiamo dimostrato che il paziente di Berlino non era un’anomalia e che sono stati proprio i trattamenti ad aver eliminato l’Hiv in queste due persone».

I ricercatori avvertono però che questo approccio non è appropriato come trattamento standard per l’Hiv, a causa della tossicità della chemioterapia, ma offre una speranza per nuove strategie di trattamento che potrebbero eliminare del tutto il virus. «Continuando la nostra ricerca, dobbiamo capire se possiamo mettere fuori uso questo recettore nelle persone con Hiv, il che potrebbe essere possibile con la terapia genica», ha aggiunto Gupta.

Secondo il co-autore Ian Gabriel dell’Imperial College Healthcare Nhs Trust, il trattamento impiegato per il paziente di Londra «è diverso da quello usato per il paziente di Berlino, perché non prevedeva la radioterapia: la sua efficacia sottolinea l’importanza di sviluppare nuove strategie basate sulla prevenzione dell’espressione di CCR5». «Se è troppo presto per dire con certezza che il nostro paziente è ora guarito dall’Hiv, e i medici continueranno a monitorare le sue condizioni, l’apparente successo del trapianto di cellule staminali ematopoietiche offre una speranza nella ricerca di una cura tanto attesa per l’Hiv/Aids», ha concluso Eduardo Olavarria dell’Imperial College Healthcare Nhs Trust.

 

Articoli correlati
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
Fast Track Cities, le città italiane si attrezzano per eliminare HIV e Epatite C entro il 2030
Decisori politici e amministratori locali insieme a Società Scientifiche e Associazioni Pazienti per illustrare e rafforzare le "Fast Track Cities - Città a misura di Paziente HIV-HCV". Il progetto ha già prodotto risultati significativi nella percezione e nei servizi per la lotta all’HIV. Adesso si estende anche all’HCV, con "Checkpoint", ambulatori, percorsi facilitati per screening e controlli per malattie infettive oggi divenute curabili
Vaccinare tutto il mondo e farlo velocemente: è davvero possibile?
Le proposte per aumentare la produzione di vaccini: licenza intellettuale sospesa temporaneamente, accordi tra aziende in competizione e formazione
Covid e superfici, c’è troppa confusione. La trasmissione dagli oggetti è “molto rara”
Gli studi sono andati avanti, dimostrando che Sars-CoV-2 si trasmette per via aerea e molto raramente da superfici. Allora perché le agenzie di sanità pubblica non correggono le loro guide? Bisogna concentrarsi sulla depurazione dell'aria non sull'igienizzazione costante
AIDS, Bologna (PP): «In Parlamento proposta per piano triennale d’intervento»
La proposta é entrata nel calendario della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera. La deputata: «Speriamo di poter iniziare presto l'iter di audizioni e discussione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...