Mondo assicurativo 5 giugno 2017

Ma questa legge Gelli è realmente efficace ed in vigore?

Sono un giovane anestesista; ho acquisito da poco tempo la specializzazione e sto vagliando alcune opportunità di lavoro che mi si sono presentate. Tra le altre, sto prendendo in seria considerazione quella di una clinica privata di una certa notorietà ed importanza nella zona dove opero. Il trattamento propostomi, certo non esaltante economicamente, prevede un […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un giovane anestesista; ho acquisito da poco tempo la specializzazione e sto vagliando alcune opportunità di lavoro che mi si sono presentate. Tra le altre, sto prendendo in seria considerazione quella di una clinica privata di una certa notorietà ed importanza nella zona dove opero. Il trattamento propostomi, certo non esaltante economicamente, prevede un rapporto di libero professionista con pagamento delle mie prestazioni a presentazione di fattura. Non mi lamento per questo; so bene che questa è una fase dalla quale transitano tutti, anche al fine di acquisire la miglior esperienza professionale sul campo. Ma c’è invece un’altra cosa che non mi convince: quella dell’assicurazione. Mi è stato richiesto di presentare la mia polizza di assicurazione per la responsabilità professionale; questa polizza mi costerà più o meno il 20% del mio emolumento. Dovrò ovviamente provvedere. Ma mi chiedo, e le chiedo: ma non doveva la legge Gelli risolvere anche questa questione? Ma allora la Gelli è in vigore o è ancora una mera proposta?

 

Il suo caso non è certo isolato ed è stato preso in considerazione dalla legge Gelli al fine primario di garantire comunque il paziente evitandogli spiacevoli scoperture assicurative. La legge dispone infatti che chiunque si rechi presso una struttura sanitaria debba essere certo che esista un’adeguata copertura assicurativa. A tal fine la legge obbliga la struttura ad assicurare non solo sé stessa ma anche tutti coloro che a qualsiasi titolo vi operano. Quindi nel suo caso l’onere della copertura assicurativa spetta certamente alla Struttura Sanitaria. La legge prevede che, soltanto nel caso di danno provocato da sua colpa grave, la struttura possa rivalersi nei suoi confronti. A tal fine la obbliga a stipulare una sua personale polizza limitata al caso di colpa grave.

Fino a qui tutto appare coerente e corretto. Ma c’è un particolare che dalle nostre parti spesso rappresenta il piccolo granellino di sabbia che blocca un macchinario imponente e sofisticato. La Legge Gelli, per essere pienamente operativa, ha bisogno dell’emanazione di un Regolamento Esecutivo, di un Decreto che ne fissi le regole operative. La legge stabiliva che questo Decreto avrebbe dovuto essere emanato entro 90 giorni; il termine è già scaduto e tutti si spera che non attenderemo molto tempo dopo aver atteso anni la legge.

Fino ad allora valgono le vecchie regole e quindi, mi spiace confermarlo, la sua struttura privata non fa nulla di illegittimo richiedendole la esibizione della sua polizza personale.

Articoli correlati
FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici
Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Il ministro Grillo incontra i rappresentanti del Patto delle Società Scientifiche: impegno per accreditamento, linee guida e decreto assicurazioni
Tra gli obiettivi dell'incontro, la piena attuazione della Legge Gelli, l’analisi dell’evoluzione epidemiologica nazionale, la definizione dei criteri per il calcolo dei fabbisogni di personale specialistico, la programmazione delle reti formative post-laurea, l’analisi dei bisogni di informatizzazione e innovazione tecnologica e la definizione degli standard appropriati a sostenere la prevenzione, le cure materno-infantili, le cure oncologiche, le terapie chirurgiche e interventistiche e le cure intensive
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...