Mondo assicurativo 25 Luglio 2016

L’assicurazione estesa alla colpa lieve serve anche ai medici del Ssn?

Sono un medico legale operante presso una azienda sanitaria pubblica. Le richiedo cortesemente un parere circa una proposta che ho ricevuto, su segnalazione della mia associazione, riguardante la stipula di una polizza di assicurazione per la mia responsabilità professionale. I medici legali dipendenti delle ASL vengono correntemente coperti dall’assicurazione delle ASL per eventuali danni per responsabilità […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico legale operante presso una azienda sanitaria pubblica. Le richiedo cortesemente un parere circa una proposta che ho ricevuto, su segnalazione della mia associazione, riguardante la stipula di una polizza di assicurazione per la mia responsabilità professionale. I medici legali dipendenti delle ASL vengono correntemente coperti dall’assicurazione delle ASL per eventuali danni per responsabilità civile lieve, ma non quando venga riconosciuta la colpa grave (ad oggi non ho mai avuto sinistri per danni dopo 18 anni di servizio). Ciò comporta che la ASL, o la sua assicurazione, assume la difesa del medico dipendente comunque sin dal primo grado di giudizio. La copertura assicurativa propostami invece copre la responsabilità civile sia lieve che grave; essa infatti prevede che l’assicurato debba dare avviso del sinistro all’assicuratore per qualunque richiesta formale di risarcimento come pure per qualsiasi eventuale atto/citazione giudiziario avanzato da terzi all’assicurato assumendo conseguentemente la Compagnia la gestione della vertenza a nome dell’assicurato tanto in sede stragiudiziale che giudiziale.

Io sarei interessato ad aderire alla proposta ricevuta sia perché mi sembra buona dal punto di vista economico, sia perché contiene una serie di interessanti garanzie ivi compresa la estensione della copertura al danno patrimoniale (mi riferisco a quello che si non si verifica in conseguenza di un danno biologico). Tuttavia non capisco, essendo io un medico dipendente Asl, come si possa conciliare la difesa eventualmente assunta dalla mia assicurazione con quella certamente assunta dalla assicurazione della ASL o dalla ASL stessa (per previsione in tal senso del CCNL). Non vorrei quindi che la mia adesione a questa proposta generasse questioni, conflitti potenziali con la mia Azienda. Lei cosa ne pensa? Le mie perplessità sono fondate? Le invio la copia della polizza propostami e ringrazio anticipatamente per il cortese riscontro.

 

Ho letto con la necessaria attenzione il testo della polizza che mi ha fatto avere. Il mio parere è che si tratti di una buona polizza per altro proposta ad un premio competitivo. E’ questo un esempio di un buon lavoro fatto in applicazione di quanto la legge sulla obbligatorietà ha suggerito circa la stipula di Convenzioni agevolate tramite gli Ordini e gli Organi rappresentativi dei medici. Condivido inoltre con Lei circa l’utilità della previsione del c.d. Danno Patrimoniale Puro al quale il medico legale è esposto forse in misura maggiore del caso di danno biologico. Ritengo che l’idea di prevedere la copertura sia della colpa grave che di quella lieve nasca dalla osservazione dell’universo composito dei medici legali operanti in diverse posizioni e ruoli. Si è pensato quindi ad un complesso di coperture che, fermo il contenimento del costo, fosse valido per ogni situazione soggettiva del medico assicurato, sia questi un libero professionista che un dirigente del SSN.

In aggiunta l’esperienza sul campo ha suggerito di proporre comunque ai medici del SSN una copertura che li tenesse garantiti non solo in caso di ”invito a dedurre da parte della corte dei Conti per presunta colpa grave” ma anche in caso di citazione da parte di un terzo. Infatti spesso le situazioni risultano più complesse di quanto sia prevedibile nella normalità dei casi. Mi riferisco al caso del latente conflitto di interessi tra Azienda sanitaria e medico (situazione che può richiedere strategie difensive autonome) ovvero ai casi nei quali l’Ente essendo in regime di c.d. Autoassicurazione mostra qualche debolezza nella gestione del danno a tutto svantaggio anche del medico. Quanto ho espresso più sopra testimonia che non esiste alcuna contradizione per il dirigente medico del SSN nella sottoscrizione di una polizza estesa alla colpa lieve. Al contrario tale scelta, quando sostenibile con un premio contenuto, realizza una garanzia totale per il medico in ogni fase della vertenza, in sede civile ovvero presso la Corte dei Conti. Per altro la presenza di una copertura assicurativa personale del medico può costituire un vantaggio anche per l’Azienda sanitaria la quale, in base alla norma del codice civile che prevede il concorso delle due coperture nel pagamento del danno, ottiene un contenimento immediato dell’esborso risarcitorio.

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Il Decreto Calabria è legge: “stretta” sulle nomine di Asl e Ospedali, sbloccato il turn over
La legge contiene anche misure sulla formazione dei medici di medicina generale e una norma che interviene sulla carenza dei medicinali
Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»
Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la malpractice facendo giustizia di questi numeri impossibili»
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...