Meteo 25 Luglio 2016

Veneto: una App indica il pronto soccorso più vicino

La Regione Veneto apre alla rivoluzione digitale e lancia Info Pronto Soccorso, una App che sfruttando la geolocalizzazione dello smartphone indica il pronto soccorso più vicino e le liste di attesa di ognuno di essi, aggiornandole con una frequenza di 5 minuti. «E’ una grande rivoluzione – ha dichiarato il Presidente Zaia – Quella di […]

La Regione Veneto apre alla rivoluzione digitale e lancia Info Pronto Soccorso, una App che sfruttando la geolocalizzazione dello smartphone indica il pronto soccorso più vicino e le liste di attesa di ognuno di essi, aggiornandole con una frequenza di 5 minuti. «E’ una grande rivoluzione – ha dichiarato il Presidente Zaia – Quella di oggi è solo la parte iniziale di un’iniziativa che vorremmo i cittadini leggessero come il futuro della sanità».

Articoli correlati
Radiologia, nuovo mammografo digitale allo IOV
«Immagini ad alta risoluzione in 3D che permettono una ricostruzione stratificata della mammella, ma con meno radiazioni per garantire più sicurezza per le pazienti. È arrivato all’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS di Padova il nuovo mammografo digitale dotato di tomosintesi e modulo per la mammografia con mezzo di contrasto, acquistato tramite gara regionale gestita da […]
A Vo’ Euganeo test sierologici anche sui gatti. L’esperto: «Gli animali domestici non sono diffusori di contagio, anzi vanno difesi»
Massimo Castagnaro, ordinario di Patologia generale veterinaria all'università di Padova: «Il virus potrebbe diffondersi dall’uomo ai gatti; per questo il paziente positivo che vive con un gatto o un cane deve restare lontano da lui come dagli altri familiari»
App Coronavirus, l’avvocato Ciurcina: «La tutela dei dati personali è più importante della semplicità»
Intervista al titolare di StudioLegale.it: «La comunità tecnica e scientifica valuti approfonditamente la soluzione tecnologica»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, D’Amato: «Parte la nuova app ‘Lazio Doctor Covid’»
La nuova app nasce in collaborazione con i medici di medicina generale e permetterà il rapido monitoraggio delle persone in sorveglianza domiciliare per Covid-19 nel Lazio
«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto
Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche che le sintomatiche: avendole isolate, il tasso di infezione è calato di circa 12 volte». Poi sottolinea: «Bene le zone rosse ma serve sorveglianza attiva altrimenti diventano grandi incubatori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...