Meteo 26 Ottobre 2018

San Filippo Neri, taglio del nastro per il nuovo centro Smile House di Roma

A meno di un anno dall’inizio dell’attività chirurgica, sono stati formalmente inaugurati i locali della Smile House di Roma, Centro di Cura multispecialistico per il trattamento dei pazienti nati con malformazioni congenite cranio-maxillo-facciali, presso l’Ospedale San Filippo Neri della ASL Roma 1. Il progetto si colloca all’interno di un più ampio processo di ristrutturazione e […]

A meno di un anno dall’inizio dell’attività chirurgica, sono stati formalmente inaugurati i locali della Smile House di Roma, Centro di Cura multispecialistico per il trattamento dei pazienti nati con malformazioni congenite cranio-maxillo-facciali, presso l’Ospedale San Filippo Neri della ASL Roma 1.

Il progetto si colloca all’interno di un più ampio processo di ristrutturazione e valorizzazione dell’Ospedale San Filippo Neri avviato in questi ultimi anni. La Smile House di Roma è, infatti, parte integrante dell’Unità di Chirurgia Maxillo-Facciale e svolge attività di diagnosi, cura, trattamento delle malformazioni in regime di ricovero e ambulatoriale, utilizzando il nuovo blocco operatorio dell’Ospedale, colloqui prenatali e pre-adozione mirati a fornire un supporto medico e psicologico ai futuri genitori di bambini nati con queste patologie.

«Sono lieto che il progetto Smile House, dopo l’esperienza positiva di Milano, si sia concretizzato anche a Roma. Siamo grati alla Regione Lazio e alla ASL Roma 1 per avere accolto questo progetto, che è per noi motivo di grande soddisfazione e che ci consentirà di offrire, in ambito ospedaliero ed in un’unica struttura, le cure necessarie ai bambini nati con la labiopalatoschisi, anche oltre l’età pediatrica» ha affermato Carlo Salvatori, Presidente della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, che non ha potuto essere presente oggi al taglio del nastro.

Il progetto Smile House nasce dall’esigenza di seguire con un approccio multidisciplinare di tipo olistico il trattamento delle malformazioni al volto, coinvolgendo un team di specialisti che valutino insieme i bisogni del paziente ed il percorso di cure da seguire in relazione alla patologia.

Gli ambulatori sono attivi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e per accedere alle visite si può telefonare al numero 06 87692455 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30. Un polo di riferimento, quindi, per il Centro Sud Italia che vede la collaborazione virtuosa tra servizio sanitario pubblico ed una Fondazione privata non profit, che sulla patologia trattata vanta un’importante esperienza, maturata in tutto il mondo.

«Il San Filippo Neri è un ospedale in cui abbiamo ottimi professionisti. Con questi interventi stiamo migliorando anche il comfort della struttura, aprendo nuovi servizi di eccellenza con tecnologie avanzate. Oggi abbiamo inaugurato il nuovo reparto di ortopedia, il Laboratorio analisi, come HUB Regionale e la Smile House di Roma, che sono esempi tangibili di questo progetto» ha sottolineato Angelo Tanese, Direttore Generale della ASL Roma 1.

«Finalmente si inaugura la Smile House di Roma – ha concluso Domenico Scopelliti, Direttore dell’Unità di Chirurgia Maxillo-Facciale e Vicepresidente Scientifico della Fondazione – un percorso multidisciplinare che sarà in grado di seguire i bambini con malformazioni al volto dall’epoca gestazionale fino al termine dello sviluppo. La sinergia creata con la Regione Lazio e la ASL Roma 1 ha dato i suoi frutti già evidenti, considerando l’attività chirurgica svolta da quasi un anno. Forte dell’esperienza della Smile House di Milano, questo secondo centro rappresenta un modello assistenziale che sarà replicato in molti dei Paesi in cui opera Operation Smile».

Il progetto è stato realizzato anche grazie all’impegno ed al prezioso contributo di fondazioni, enti, ed aziende partner della Fondazione come AbbVie, Fondazione Nazionale delle Comunicazioni, Banco BPM, Confederazione Generale Italiana Imprese, Ernesto Invernizzi, High-Tech Screw, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, ma anche grazie a grandi donatori ed ad eventi di raccolta fondi specificamente destinati al progetto, organizzati da alcuni degli Ambasciatori  e volontari di Operation Smile. Dopo il Centro di Cura Smile House di Milano, attivo dal 2011 con una casistica di grande rilievo, adesso anche Roma ha una struttura all’avanguardia che seguirà i pazienti con malformazioni congenite quali il labbro leporino, la palatoschisi e la labiopalatoschisi, fino alla fine della crescita.

 

 

Articoli correlati
Labbro leporino, la missione umanitaria in Senegal diventa un docu-film. Il chirurgo Maestrini: «Così regaliamo un sorriso ai più piccoli»
Il giovane medico è il protagonista della pellicola “Sulla strada giusta - rinascere medico in Senegal”, dedicata alla missione chirurgica della Onlus Emergenza Sorrisi e prodotta in collaborazione con il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione ed il sostegno di Consulcesi Onlus. Il 7 marzo a Roma la presentazione
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
In Italia sempre meno chirurghi, Schillaci (Tor Vergata): «Necessario ricreare rapporto di fiducia tra medico e paziente»
Il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Tor Vergata di Roma spiega ai nostri microfoni cosa bisogna fare per superare la “crisi di vocazione” in atto in Italia
Chirurgia, Marini (Acoi): «Per paura dei contenziosi, i giovani non vogliono più fare i chirurghi e i chirurghi non vogliono più operare»
Il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani sostiene la proposta di istituire un Tribunale della Salute per portare un po' di serenità nel settore e salvare il sistema chirurgia italiano, messo fortemente a rischio da pensionamenti, calo della vocazione e fuga all'estero
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone