Meteo 12 ottobre 2017

Milano, Ospedale San Giuseppe: inaugurata la nuova ala di Radiologia

Stamattina, presso l’Aula Pampuri dell’Ospedale San Giuseppe di Milano ed alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e del Direttore Generale ATS Milano Marco Bosio, è stata inaugurata la nuova ala di Radiologia dell’Ospedale San Giuseppe. La struttura ospiterà due Tac caratterizzate da sistemi hardware e software di ultima generazione in grado […]

Stamattina, presso l’Aula Pampuri dell’Ospedale San Giuseppe di Milano ed alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e del Direttore Generale ATS Milano Marco Bosio, è stata inaugurata la nuova ala di Radiologia dell’Ospedale San Giuseppe. La struttura ospiterà due Tac caratterizzate da sistemi hardware e software di ultima generazione in grado di coniugare una qualità d’immagine tale da mettere a fuoco anche il più piccolo dettaglio anatomico, con una riduzione fino all’80% delle radiazioni assorbite dal paziente. Molte indagini potranno così essere eseguite con una dose di radiazioni inferiore a 1 mSv, compresa la Tac coronarica che fino a pochi anni fa comportava dosi di 15-20 mSv.

Da oggi, dunque, è possibile eseguire una Tac del cuore e delle coronarie in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco, grazie  alla nuova strumentazione acquisita dalla struttura che permette di ottenere immagini accurate, proteggendo al contempo il paziente, sottoposto a meno radiazioni. Tra le funzioni dei nuovi macchinari, anche la “mappa dello iodio” che consente, ad esempio, di stabilire l’eventuale carattere tumorale di una lesione, mettendone in evidenza la vascolarizzazione.

«Sono onorato – ha dichiarato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera – di inaugurare oggi questi macchinari di ultima generazione perché impreziosiscono la già eccellente dotazione della sanità lombarda. Nell’ottica della nostra Riforma di passare ‘dalla cura’ al ‘prendersi cura’ del paziente, queste nuove Tac, altamente sofisticate che contengono al massimo la quantità di radiazioni irradiate, sono molto importanti soprattutto per chi è costretto a continui controlli diagnostici. Sono, inoltre, importanti perché si trovano in una struttura ubicata in centro a Milano, utili quindi non solo ai tanti cittadini lombardi che vi accedono ma anche ai tanti turisti di passaggio».

«Grazie a questa innovativa strumentazione potremo lavorare con un’elevata velocità di acquisizione delle immagini», sottolinea Maurizio Zompatori, Direttore Unità di Diagnostica per Immagini del Gruppo MultiMedica. «Parliamo di 46 centimetri al secondo. Questo vuol dire che è possibile eseguire una Tac in alta risoluzione del torace in meno di un secondo o valutazioni delle coronarie e del cuore in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco. Se il processo dura poco, il paziente è sottoposto a meno radiazioni e ci sono meno probabilità che si muova, problema che a volte rende necessario ripetere la scansione o trattare preventivamente il soggetto con farmaci betabloccanti che ne rallentano il ritmo cardiaco».

«Oltre alla velocità e alla riduzione del tempo di esposizione dei pazienti alle radiazioni, la nuova tecnologia in uso all’Ospedale San Giuseppe consentirà diagnosi particolarmente accurate. Abbiamo la possibilità di ‘scomporre i materiali’ – prosegue Zompatori – ossia di analizzare la composizione dei tessuti, sulla base di tre mappe di densità: tessuti molli, grasso e iodio, che di fatto è il liquido di contrasto. Quest’ultima mappa, in particolare, ha diverse applicazioni. Permette, ad esempio, di individuare e caratterizzare le lesioni tumorali, mostrandoci se sono vascolarizzate. Per certe neoplasie è anche possibile osservare se rispondono o meno alle terapie, perché andando in necrosi o cicatrizzazione saranno meno irrorate di sangue. Oppure si può valutare in modo non invasivo la composizione dei calcoli renali e stabilire la cura più adeguata. Gli impieghi sono moltissimi e la precisione della mappa dello iodio ci consente, inoltre, di ridurre la quantità di liquido di contrasto da iniettare al paziente e i relativi rischi».

«L’aggiornamento tecnologico è da sempre un asset fondamentale per la nostra azienda», commenta Daniele Schwarz, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo MultiMedica. «Questa recente acquisizione, grazie alla quale il parco tecnologico del Gruppo MultiMedica si arricchisce di due strumenti estremamente sofisticati, si inserisce in un ampio piano di investimenti che nel 2017 può essere quantificato in oltre 15 milioni di euro».

 

Articoli correlati
Sanità, a Milano nasce il nuovo Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS)
Da tempo la formazione esperienziale ha raggiunto e abbracciato l’ambito sanitario. Non più solo lezioni teoriche di tipo frontale ma vere e proprie simulazioni di ciò che accade nella pratica clinica quotidiana. In quest’ottica, apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a […]
Velenosi, allucinogeni, commestibili se cotti: è tempo di funghi. Assisi (Niguarda): «Anche troppi porcini possono far male»
La dottoressa del Centro Antiveleni milanese: «Tra i più pericolosi quelli con le amatossine che producono danno epatico». Poi mette in guardia: «Fateli prima vedere da un micologo e non date retta alle credenze popolari»
Epidemia di polmonite in Lombardia, oltre 150 al Pronto Soccorso. ATS Brescia: «Occhio a docce e vasche»
Tra i comuni più colpiti Montichiari, Calvisano e Carpenedolo. L’assessore alla Sanità Gallera: «Fino ad ora 52 campionamenti, stiamo lavorando per capire origine»
Light of Cherenkov, la luce azzurra che “guida” la cura. Grimm (radiologo): «Puntare solo al tumore risparmiando parti sane del corpo»
«Grazie alla luce di Cherenkov è possibile attivare gli agenti utilizzati nella diagnostica per immagini o monitorare l’attività enzimatica. In futuro riusciremo ad utilizzarla per minimizzare i danni della radioterapia». Parla Jam Grimm, professore associato di Radiologia alla School of Biomedical Sciences di New York
di Isabella Faggiano
Il paradosso di Vanzago: 1600 bambini e nessun pediatra. Il sindaco: «Cure a rischio per chi non può spostarsi»
Gli abitanti del Comune dell’hinterland milanese dovranno presto andare altrove per curare i loro figli. Problemi anche per il medico di famiglia. Il primo cittadino Sangiovanni: «Chiedo al Ministro di rinegoziare il contratto con i pediatri e i medici di base, serve flessibilità in deroga alle norme attuali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...