Meteo 12 ottobre 2017

Milano, Ospedale San Giuseppe: inaugurata la nuova ala di Radiologia

Stamattina, presso l’Aula Pampuri dell’Ospedale San Giuseppe di Milano ed alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e del Direttore Generale ATS Milano Marco Bosio, è stata inaugurata la nuova ala di Radiologia dell’Ospedale San Giuseppe. La struttura ospiterà due Tac caratterizzate da sistemi hardware e software di ultima generazione in grado […]

Stamattina, presso l’Aula Pampuri dell’Ospedale San Giuseppe di Milano ed alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e del Direttore Generale ATS Milano Marco Bosio, è stata inaugurata la nuova ala di Radiologia dell’Ospedale San Giuseppe. La struttura ospiterà due Tac caratterizzate da sistemi hardware e software di ultima generazione in grado di coniugare una qualità d’immagine tale da mettere a fuoco anche il più piccolo dettaglio anatomico, con una riduzione fino all’80% delle radiazioni assorbite dal paziente. Molte indagini potranno così essere eseguite con una dose di radiazioni inferiore a 1 mSv, compresa la Tac coronarica che fino a pochi anni fa comportava dosi di 15-20 mSv.

Da oggi, dunque, è possibile eseguire una Tac del cuore e delle coronarie in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco, grazie  alla nuova strumentazione acquisita dalla struttura che permette di ottenere immagini accurate, proteggendo al contempo il paziente, sottoposto a meno radiazioni. Tra le funzioni dei nuovi macchinari, anche la “mappa dello iodio” che consente, ad esempio, di stabilire l’eventuale carattere tumorale di una lesione, mettendone in evidenza la vascolarizzazione.

«Sono onorato – ha dichiarato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera – di inaugurare oggi questi macchinari di ultima generazione perché impreziosiscono la già eccellente dotazione della sanità lombarda. Nell’ottica della nostra Riforma di passare ‘dalla cura’ al ‘prendersi cura’ del paziente, queste nuove Tac, altamente sofisticate che contengono al massimo la quantità di radiazioni irradiate, sono molto importanti soprattutto per chi è costretto a continui controlli diagnostici. Sono, inoltre, importanti perché si trovano in una struttura ubicata in centro a Milano, utili quindi non solo ai tanti cittadini lombardi che vi accedono ma anche ai tanti turisti di passaggio».

«Grazie a questa innovativa strumentazione potremo lavorare con un’elevata velocità di acquisizione delle immagini», sottolinea Maurizio Zompatori, Direttore Unità di Diagnostica per Immagini del Gruppo MultiMedica. «Parliamo di 46 centimetri al secondo. Questo vuol dire che è possibile eseguire una Tac in alta risoluzione del torace in meno di un secondo o valutazioni delle coronarie e del cuore in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco. Se il processo dura poco, il paziente è sottoposto a meno radiazioni e ci sono meno probabilità che si muova, problema che a volte rende necessario ripetere la scansione o trattare preventivamente il soggetto con farmaci betabloccanti che ne rallentano il ritmo cardiaco».

«Oltre alla velocità e alla riduzione del tempo di esposizione dei pazienti alle radiazioni, la nuova tecnologia in uso all’Ospedale San Giuseppe consentirà diagnosi particolarmente accurate. Abbiamo la possibilità di ‘scomporre i materiali’ – prosegue Zompatori – ossia di analizzare la composizione dei tessuti, sulla base di tre mappe di densità: tessuti molli, grasso e iodio, che di fatto è il liquido di contrasto. Quest’ultima mappa, in particolare, ha diverse applicazioni. Permette, ad esempio, di individuare e caratterizzare le lesioni tumorali, mostrandoci se sono vascolarizzate. Per certe neoplasie è anche possibile osservare se rispondono o meno alle terapie, perché andando in necrosi o cicatrizzazione saranno meno irrorate di sangue. Oppure si può valutare in modo non invasivo la composizione dei calcoli renali e stabilire la cura più adeguata. Gli impieghi sono moltissimi e la precisione della mappa dello iodio ci consente, inoltre, di ridurre la quantità di liquido di contrasto da iniettare al paziente e i relativi rischi».

«L’aggiornamento tecnologico è da sempre un asset fondamentale per la nostra azienda», commenta Daniele Schwarz, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo MultiMedica. «Questa recente acquisizione, grazie alla quale il parco tecnologico del Gruppo MultiMedica si arricchisce di due strumenti estremamente sofisticati, si inserisce in un ampio piano di investimenti che nel 2017 può essere quantificato in oltre 15 milioni di euro».

 

Articoli correlati
Disturbo bipolare, a Milano parte l’ambulatorio per adolescenti “Smart”. Maisano (Psicoterapeuta): «Non sottovalutare la familiarità della malattia»
Circa l’1,8% dei ragazzi tra i 12 e i 21 anni vengono colpiti dalla patologia. L’iniziativa del Fatebenefratelli Sacco per affrontare una tematica che negli ultimi anni ha evidenziato una crescita esponenziale. La psicologa: «I primi campanelli di allarme sono disturbi d’ansia nella prima- media infanzia. In adolescenza lo sviluppo di una ampia gamma di disturbi dell’umore è sintomatico per la successiva comparsa di bipolarismo»
di Federica Bosco
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
Milano, al Niguarda nasce centro per bambini affetti da ipovisione. Giusy Versace (Forza Italia): «Importante prendersi cura anche delle famiglie»
Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. Anche l’atleta paraolimpica e parlamentare presente all’inaugurazione del centro. L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera: «Fondamentale collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare, infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini»
di Federica Bosco
Balbuzie, al Vivavoce di Milano un metodo per lavorare alla ‘rieducazione’. Letorio (psicologa): «Studiamo cosa accade nel corpo umano quando parliamo»
Nel centro milanese si attua il percorso rieducativo MRM-S che non si limita ad insegnare rimedi per evitare la balbuzie ma prevede un lavoro di rieducazione. La responsabile dell’Area psicologica del Centro: «La produzione di ogni suono presuppone un movimento sottostante. Occorre imparare a controllarlo tramite un software, che si chiama riablo, attraverso l’applicazione di appositi sensori che permettono di fare un lavoro di coordinazione motoria molto preciso e accurato»
di Federica Bosco
Ostetriche, in Italia sempre meno in organico. Nadia Rovelli (Milano): «Adottare modello di presa in carico della madre. Oggi 3 ostetriche per 3mila parti»
Nel nostro paese solo 16507 professioniste contro le 31mila della Gb. La presidente dell’Ordine della Professione Ostetrica interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza Brianza sottolinea: «Oggi l’accordo Stato-Regioni prevede che ci sia una correlazione tra ostetriche e numero di parti, ma l’interpretazione della legge è lasciata alla discrezionalità delle varie aziende»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...