Lavoro 13 Maggio 2020 14:44

Violenza medici, trend in aumento: il 55% degli operatori vittima di aggressioni. L’indagine Anaao Assomed

Gli psichiatri i camici bianchi più colpiti, seguiti dai colleghi del pronto soccorso. Ma l’80% delle aggressioni non viene denunciato

Il Ddl aggressioni, nato per arginare la preoccupante escalation di violenza ai danni degli operatori sanitari, è in discussione alla Camera dei Deputati, già approvato dal Senato. Vista la discussione politica sul tema, l’Anaao Assomed ha deciso di lanciare una nuova survey destinata al personale medico, per dar voce agli addetti ai lavori. «L’analisi – spiega il sindacato – condotta da gennaio a febbraio 2020, ha interessato 2059 soggetti, con una responsività crescente con il progredire dell’età. Il 55,44% dei responders ha affermato di essere stato personalmente vittima di violenza, in valore assoluto 1137 medici rispetto agli 832 del 2018, nel 76,52% dei casi di carattere solamente verbale. I più colpiti dal fenomeno gli psichiatri: l’86% degli utenti dichiara di aver subito aggressioni, il 77% dei medici di medicina d’urgenza, il 60% dei chirurghi, il 54% dei medici del territorio, il 40% degli anestesisti».

LEGGI L’INDAGINE ANAAO ASSOMED

All’analisi hanno partecipato 19 regioni con picchi in Lombardia, Campania, Veneto; il 21% delle risposte proviene dalle regioni del sud e delle isole, mentre il 57% arriva dalle regioni del nord ed il 22% da quelle del centro. Questi dati dimostrano che «la violenza sugli operatori sanitari, per lungo tempo attribuita prevalentemente a regioni del sud Italia ed alle isole dove le situazioni socio-economiche e sanitarie sono più complesse, è ormai diventato fenomeno largamente diffuso su scala nazionale».

I PRINCIPALI NUMERI DELLE AGGRESSIONI
86%    psichiatria
77%    pronto soccorso emergenza-urgenza
60%    chirurgia
54%    medicina territoriale
40%    anestesia e rianimazione

Ma il dato preoccupante è che il 79,26% degli operatori vittime di violenza non ha presentato denuncia e che il 66% dichiara di essere a conoscenza di episodi simili ai danni di operatori. Il 23% dei partecipanti afferma, inoltre, di essere venuto a conoscenza di casi da cui è scaturita invalidità permanente o decesso conseguenti ad episodi di violenza.

Un fenomeno, dunque, sottostimato e anche sottovalutato dagli addetti ai lavori: solo il 37%, infatti, risponde di conoscere le leggi attualmente vigenti in termini di prevenzione delle aggressioni, mentre il 50% non conosce nemmeno il protocollo della propria azienda.

Secondo il 40% di coloro che hanno risposto, la causa principale delle violenze è da individuare in fattori strutturali di natura socioculturale e per questo non sono sufficienti misure estemporanee per contrastare il problema. Contrastanti le opinioni sul ruolo degli operatori: un 40% indica un approccio non idoneo da parte del medico o dell’infermiere e un altro 43% nega che questo possa rappresentare un fattore scatenante.

Nel rintracciare le possibili soluzioni, il 75%, dei responders pensa all’introduzione della punibilità d’ufficio come deterrente ma il 47% chiede anche l’introduzione negli ospedali di posti di polizia. Tra le richieste, campagne di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza (44%) e maggiori investimenti in termini di personale (51%) e strutture.

«Il vuoto applicativo di norme pur esistenti nonostante le sollecitazioni continue da parte di sindacati ed istituzioni – precisa il sindacato – rende necessaria una maggiore consapevolezza del rischio da parte del management aziendale, che spesso lo sottostima o, peggio, lo ignora volutamente per non impegnare risorse nella sua prevenzione».

Inoltre, secondo l’Anaao Assomed, il sovraffollamento del Pronto Soccorso non aiuta: dalla survey risulta essere la struttura organizzativa più colpita dalle aggressioni verbali e fisiche, con percentuali insostenibili per chi vi lavora e alla radice del burnout di medici e infermieri.

«Occorre mutare velocemente – conclude l’Anaao Assomed – sia l’attuale organizzazione delle cure, soprattutto in emergenza urgenza, sia il paradigma dell’accettazione del paziente, umanizzando l’accesso alle cure prima e più che le cure stesse. Umanizzare vuol dire valorizzare figure professionali che fino ad oggi sono state poco e male coinvolte nei percorsi di cure, quali assistente sociale e psicologo, che possono diventare strumento di rassicurazione durante l’attesa».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti
Il punto su normativa e rischi nel webinar Anaao Assomed. Il giuslavorista: «Chiusura del rapporto è l’ultima possibilità»
di Tommaso Caldarelli
Recovery Plan, la sfida della Campania: «È la nostra occasione per riorganizzare la sanità del territorio»
Cappiello (Anaao): «Abbattere liste d’attesa e istituire i Pronto Soccorso nelle AOU tra le priorità»
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»