Salute 3 Aprile 2020

Coronavirus, l’appello di Psichiatria Democratica: «L’emergenza sanitaria non lasci indietro i pazienti psichiatrici»

Il Segretario Nazionale Salvatore Di Fede: «L’attuale modello di presa in carico, basato sulla territorialità e la centralità del paziente, è una conquista minata dalle attuale misure di contenimento. Necessarie linee guida ad hoc»

Immagine articolo

L’emergenza Coronavirus ha imposto delle priorità nuove al nostro sistema sanitario. Dal potenziamento della rete ospedaliera, dei pronto soccorso e delle terapie intensive, al reclutamento urgente di personale in anestesia e rianimazione. Inevitabilmente, alcuni settori del comparto salute italiano sono stati momentaneamente lasciati indietro. Una “mancanza” determinata dal carattere di urgenza che quest’epidemia ci ha messo di fronte, ma che, di fatto, si ripercuote sull’assistenza ad ampie categorie di pazienti. Tra questi, i pazienti psichiatrici.

L’emergenza, e le relative misure per fronteggiarla, hanno di fatto interrotto i percorsi terapeutici individuali di cura, che si svolgono presso le strutture territoriali di salute mentale di cui dispongono i distretti sanitari. Dalla legge 180/78 (Legge Basaglia) infatti, la presa in carico dei pazienti psichiatrici è basata su unità operative di salute mentale, organizzate in ambulatori, centri diurni, e strutture residenziali o semiresidenziali.

LEGGI ANCHE: RIABILITAZIONE PSICHIATRICA, FAMULARI (AITeRP): «IMPLEMENTARE PSICHIATRIA DI COMUNITÀ: LA CURA PARTE DAI LUOGHI DI VITA DEL PAZIENTE»

È un modello fortemente improntato alla capillarità e alla territorialità ma, soprattutto, alla relazione terapeutica medico-paziente. Il follow up dei pazienti non riguarda solo l’aspetto psicoterapico e farmacologico, ma anche la loro autonomia e l’inserimento in un contesto lavorativo. Allo stesso tempo è previsto un supporto di tipo familiare, una rete costruita attorno alla famiglia del paziente per rendere ancora più sostenibile il percorso di inclusione. Ebbene, le attuali misure di distanziamento sociale e isolamento domiciliare impattano in modo devastante su questo modello di presa in carico, come ci ha illustrato il Segretario Nazionale di Psichiatria Democratica, Salvatore Di Fede. «Auspichiamo linee guida urgenti da parte del governo per non lasciare indietro i pazienti psichiatrici, che si trovano quindi a vivere un doppio disagio: alla stigmatizzazione sociale si aggiunge l’isolamento forzato che aggrava inevitabilmente la solitudine e acuisce le angosce».

Tutto è rimesso alle singole realtà, alla rete, pur corposa, di associazioni e organizzazioni. «La riforma Basaglia – spiega Di Fede – ha avuto il merito, tra gli altri, di porre per la prima volta il paziente psichiatrico al centro del percorso di cura, rendendolo soggetto e non più oggetto. Il mio auspicio è che questa conquista non venga messa in discussione dalla situazione attuale, seppur (speriamo) contingente». Cosa fare nell’immediato, dunque? «Stiamo spingendo – continua il Segretario – affinché le istituzioni assicurino in primo luogo il sostegno alle risorse impiegate in quest’ambito sanitario, già vessate dall’atavica scelta di puntare tutto sull’ospedalizzazione e poco sulla territorialità. Sicuramente la riapertura dei centri diurni e il potenziamento dell’assistenza domiciliare, certo tenendo ben presenti le misure di sicurezza e fornendo il personale di adeguati DPI, ma anche l’assistenza agli operatori delle cooperative sociali, un baluardo nel nostro sistema di presa in carico, attualmente in attesa di cassa integrazione ma che avranno bisogno di ben altre misure di supporto per ripartire col piede giusto una volta che l’emergenza sarà acqua passata».

Al momento, si cerca di far fronte con strumenti alternativi, non sempre sufficienti. «In questa fase – osserva Di Fede – non si più pensare di sopperire a tutte le lacune assistenziali per i pazienti psichiatrici con la digitalizzazione o i colloqui telefonici. I pazienti cronici più gravi continuano ad essere assistiti nelle strutture residenziali, il problema si pone principalmente per i pazienti domiciliari, il cui percorso è strettamente legato al rapporto umano e alla vicinanza fisica. Spero che sia obiettivo condiviso il cercare di mantenere in vita questo modello vincente, seppur nella tutela e nel rispetto delle attuali norme per la sicurezza degli operatori e dei pazienti. È fondamentale – conclude – più che mai in questo frangente, che gli utenti, le loro famiglie e gli operatori della salute mentale continuino a costruire insieme processi di inclusione sociale così come la legge 180/78 ha affermato in tutti questi anni in Italia».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 2 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus in Africa, Emergency: «Il problema sarà l’impatto sui trattamenti delle patologie ordinarie»
Intervista alla coordinatrice della divisione medica della ONG Michela Paschetto: «Le misure di contenimento sociale affaticano la quotidianità di paesi già fragili»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli