Lavoro 21 Maggio 2020 13:22

Uneba e Regione Lombardia: pronto protocollo d’intesa per gestione RSA nella fase 2

Perrillo (vicepresidente Uneba): «Chiediamo garanzie, professionalità mediche e fondi per ripartire»

di Federica Bosco

Dopo lo tsunami sanitario causato dal Covid-19, le RSA chiedono garanzie, professionalità e fondi per ripartire. Uneba, associazione che gestisce oltre 400 residenze per anziani in Lombardia, ha messo nero su bianco le richieste avanzate alla Regione: un piano aziendale di secondo livello, medici ospedalieri nelle RSA e un fondo per sostenere la ripresa economica delle strutture. Ora attende fiduciosa la sottoscrizione di un protocollo di intesa che potrebbe dettare le linee guida per la gestione di future emergenze sanitarie.

«Noi chiediamo in questo momento che l’ospedale con le sue professionalità venga incontro al settore socio-sanitario  – esordisce Marco Perrillo, vicepresidente di Uneba –. Voglio ricordare che non sono solo gli anziani, ma anche le persone con disabilità e i minori di cui ci facciamo carico. Ci sono disabili che vivono in comunità o in casa in attesa di andare in comunità e ancora minori non accompagnati che vivono chiusi da circa quattro mesi nelle comunità in attesa di conoscere il proprio destino. Ecco, questa triplice fascia di utenza deve essere aiutata dall’ambito ospedaliero con delle consulenze specialistiche».

LEGGI ANCHE: FASE 2, DEGANI (UNEBA LOMBARDIA): «VIROLOGI E MEDICI SPECIALISTI SI TRASFERISCANO NELLE RSA»

«Questo è un punto fondamentale all’interno di un piano di gestione – dice Marco Perrillo -. Il governo ha demandato alle Regioni la fase due con la stesura di piani territoriali per l’apertura del settore sanitario, e Regione Lombardia ha già legiferato sul settore sociosanitario, per il quale stiamo qui oggi ad approfondire i vari punti. Le strutture poi dovranno redigere un piano aziendale e noi chiediamo che sia un piano aziendale di secondo livello rispetto ad un piano territoriale regionale, redatto e steso dalle regioni con le loro articolazioni territoriali, ovvero ATS e ASST».

Una nota dolente riguarda la fornitura delle protezioni individuali, su tutte le mascherine, per il personale delle residenze per anziani. «Nella fase uno abbiamo coordinato degli acquisti condivisi, abbiamo fatto una piccola scorta che ora sta finendo – ammette Perrillo -. Dobbiamo ora tornare sul mercato per fare una scorta che guarda un orizzonte di tempo mediamente fino a Natale, ma l’apertura delle altre attività produttive sta mettendo in difficoltà le nostre scorte, perché i fornitori incominciano, per le leggi di mercato corrette, ad approvvigionare altri settori produttivi che non sono solo il sociosanitario. C’è un punto che fa ben sperare: che la riconversione industriale italiana in corso, nell’ambito tessile, potrà permettere nel breve termine di accedere ai mercati di approvvigionamento nuovi a prezzi calmierati».

A fianco di Uneba si sono schierati anche Confcoop e Anffas per arrivare ad una soluzione in tempi rapidi e al contempo trovare le risorse economiche che possano garantire alle RSA e RSD la ripresa nella fase 2. «Stiamo aspettando la convocazione da Regione Lombardia – conclude il vicepresidente di Uneba -. Nel frattempo abbiamo costituito una commissione a latere che vada ad indagare le perdite economiche pesantissime avute dal 20 febbraio in poi e che ci permetta di individuare forme di finanziamento a fondo perduto a tutti i livelli, dal nazionale fino al locale, in modo che si possa alleviare la perdita economica delle RSA».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La settimana mondiale della Tiroide 2021 promuove la telemedicina
Si svolgerà dal 24 al 30 maggio, con il patrocino di ISS e con la partecipazione delle principali società scientifiche endocrinologiche, mediche e chirurgiche
di Federica Bosco
Reithera: la Corte dei Conti blocca i fondi per il vaccino italiano. Figliuolo: «A giugno avremo CureVac»
Con il mancato via libera da parte della Corte dei Conti, il vaccino made in Italy resta senza fondi per la fase 3 e rischia di non vedere mai la luce
Vaccini, Rasi (Consulcesi): «Criticità per Sputnik e vaccino cinese, non facciamo gli stessi errori di Astrazeneca»
Sputnik, test, numeri dosi e soggetti non responder: ecco cosa vogliono sapere i medici su vaccini e varianti. Le risposte durante la masterclass Consulcesi con Rasi e Andreoni
Una radiografia salva la vita: costo 5 euro
di Giorgio Bartolomucci, medico e specialista in malattie infettive
di Giorgio Bartolomucci, medico e specialista in malattie infettive
Vaccinazione anti Covid-19, Iss: «Crollano dell’80% le infezioni, del 90% i ricoveri e del 95% i decessi»
Il primo studio nazionale sull'impatto della vaccinazione anti Covid-19 è un’analisi congiunta dei dati dell’anagrafe nazionale vaccini e della sorveglianza Integrata Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...