Lavoro 27 giugno 2017

Ulcere croniche, la rivoluzione della luce biofotonica. Hebert (Ceo Klox): «Invenzione che arriverà in tutto il mondo»

Guarire ferite gravi senza attesa nè dolore, progressi significativi in medicina con il nuovo e sofisticato sistema brevettato da Klox Technologies

Guarire da una ferita è un percorso lungo e talvolta doloroso, soprattutto quando si tratta di ulcere croniche, difficilmente rimarginabili per motivi fisiologici e biologici. Le ferite croniche, nella maggior parte dei casi, sono i sintomi più comuni di alcune malattie irreversibili, come per esempio il diabete, patologie vascolari o malattie autoimmuni, un problema sanitario ad oggi sottovalutato e spesso affrontato in modo scorretto.

La medicina, negli ultimi anni, sta compiendo notevoli progressi nel settore della cura delle ferite croniche: soluzioni terapeutiche che progressivamente diventano sempre più sofisticate ed efficienti prendono piede, rivoluzionando i comuni trattamenti finora praticati. È il caso del sistema biofotonico Lumiheal, tecnologia sviluppata dall’azienda farmaceutica Klox Technologies, che permette di ottenere risultati soddisfacenti sulle ferite croniche difficilmente trattabili. Il sistema si basa sulla capacità di una luce Led, di colore blu, di attivare un gel vettore di molecole foto-assorbenti che innesca delle reazioni biologiche che permettono una guarigione più veloce e indolore.

«La particolarità di questo prodotto – spiega Lise Hebert, CEO di Klox Technologies, intervenuta in occasione del convegno dal titolo ‘La cura di piaghe e ferite difficili’ tenutosi di recente a Roma – è la tipologia di luce fluorescente che serve a trattare la pelle e, in particolare, le ferite di difficile guarigione. Questo sistema, fatto in partnership con Colgate-Palmolive, è decisamente rivoluzionario ed è una sistema che farà sicuramente il giro del mondo».

«Probabilmente, nel prossimo futuro, apriremo ad Ascoli il centro di produzione mondiale». La Dottoressa Hebert fa eco all’imprenditore italo-canadese Francesco Bellini, Presidente di Klox Technologies, che aveva già anticipato, nel corso del convegno a Roma, la prossima apertura del laboratorio Klox Technologies nella città marchigiana.

LEGGI ANCHE: PIAGHE E FERITE DIFFICILI: LA RIVOLUZIONE DELLA LUCE. BELLINI E KLOX PRESENTANO IL PRIMO SISTEMA BIOFOTONICO

«Inoltre, stabilire un laboratorio di raccordo mondiale – conclude Hebert – non significa solo crescere a livello aziendale e fare passi in avanti dal punto di vista della ricerca e della sperimentazione, ma si tratta anche di creare nuovi posti di lavoro e incentivare il settore scientifico in Italia».

Articoli correlati
Piaghe e ferite difficili: la rivoluzione della luce. Bellini e Klox presentano il primo sistema biofotonico
Dopo l’Epivir, il farmaco che ha trasformato la lotta all’AIDS, il Professor Francesco Bellini, Presidente di Klox Technologies, presenta a Roma un sistema rivoluzionario in grado di rimarginare piaghe e ferite gravi aperte da anni. E annuncia: «Apriremo ad Ascoli il centro di produzione mondiale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...