Lavoro 12 Luglio 2016

Turni massacranti: quando il medico ospedaliero è solo…

Medici sempre più stremati dalla mancanza di riposo. I Dg e le ASL sono dalla loro parte, ma alcuni fanno muro e non trasmettono i tabulati degli orari. I legali Consulcesi: «Pronti a denunciare per omissione d’atti d’ufficio». CIMO in pressing, Cassi: «Subito assunzioni e pieno appoggio ai ricorsi»

Sale operatorie chiuse, interventi rinviati a data da destinarsi, liste d’attese sempre più lunghe. L’estate rende ancora più rovente la situazione negli ospedali di tutta Italia. Ma la voglia di superare questo momentaccio è tanta. Ancora oggi, laddove si applica la Legge 161 che dal novembre dello scorso anno vieta i turni massacranti, come già prevedeva la direttiva europea 2003/88 (rimasta inapplicata in Italia per sette lunghi anni…), non si riesce a garantire il servizio richiesto ai cittadini e si produce, di conseguenza, un allungamento all’infinito delle liste d’attesa. Dove, invece, il rispetto delle normative resta un optional, il personale sanitario è allo stremo delle forze per via degli orari no-stop che non tengono minimamente conto del limite imposto dalla legge delle 11 ore di riposo tra un turno e l’altro.

E mentre nella stragrande maggioranza dei casi medici e Direttori Generali lottano fianco a fianco per cercare di offrire ai cittadini un servizio di qualità, accade – per fortuna in rari casi – che gli stessi Direttori neghino ai camici bianchi alle prese con i turni massacranti, i tabulati degli orari di servizio, utili per avviare contenziosi con lo Stato – e non contro la propria Azienda sanitaria – in modo da ottenere i rimborsi. Una situazione che ha portato il gruppo Consulcesi a preparare denunce alla Procura della Repubblica nei confronti di quei Dg per omissione d’atti d’ufficio. «Una vicenda assurda – commentano da Consulcesi Group –. Alcuni Direttori Generali pensano di essere nella sceneggiatura della nuova serie di “Gomorra”… Ma non ci fermeremo alla denuncia: siamo pronti con l’aiuto dei medici a creare una ‘black list’ di quei pochi Dg che impediscono ai medici di accedere ai rimborsi avviando azioni contro lo Stato».

Una problematica che va, quindi, ad acuire una situazione già estremamente delicata e che impone un rapido intervento attraverso le assunzioni, come si sottolinea anche da Cimo-  il principale sindacato di riferimento dei medici ospedalieri – attraverso il Presidente nazionale Riccardo Cassi: «C’è assolutamente la necessità d’intervenire con lo sblocco sul turnover. Poniamo un caso concreto: quello dei turni di guardia notturna. Non possono certo avere lo stesso effetto su un trentenne o su un collega che ha tra i 45 ed i 60 anni. Tutto questo, ovviamente, senza tener conto dei mancati riposi che tendono a creare ulteriori difficoltà ai medici più in avanti con gli anni. Quindi bisogna fare spazio ai giovani all’interno degli ospedali al più presto possibile perché imparino, perché si formino e perché scoprano la realtà dei turni di guardia notturna. Inoltre – aggiunge Cassi – , a mio avviso, un medico specialista affermato di 55-60 anni potrebbe essere più utile ad abbattere le liste d’attesa che a fare i turni di guardia». Davanti ai numerosi ricorsi già avviati, la posizione di Cimo, che come tanti altri OMCeO e sindacati ha convenzionato i propri iscritti con Consulcesi, è chiara: «Come sindacato abbiamo stipulato una convenzione per fornire ai nostri iscritti lo strumento per fare ricorso. D’altra parte c’è comunque la necessità di assumere nuovo personale. Del resto le due cose non sono in contraddizione».

Articoli correlati
Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»
Il presidente della Federazione: «Accorpamento fondi danneggia i medici e favorisce la dirigenza sanitaria non medica». Sulla doppia carriera: «Se si attinge alla posizione variabile dello stipendio del singolo medico, lo stipendio di chi non ha un incarico di alta specialità verrà decurtato»
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Psicologi negli studi dei medici di famiglia, Magi (Sumai): «No. La Fimmg ha ragione»
«Siamo perfettamente in sintonia con quanto dichiarato da Silvestro Scotti, Segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, il quale, in merito all’ipotesi prevista da Dl Calabria di introdurre gli Psicologi negli studi dei medici di base ha espresso tutta la sua contrarietà. Al contrario, la figura del medico di base dovrebbe essere affiancata da […]
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi
Secondo gli ultimi dati aggiornati, all'appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano