Lavoro 19 Gennaio 2016

«Turni e assunzioni: le strategie di Anaao»

Parla Domenico Iscaro, presidente della sigla sindacale: «La sanità deve essere una priorità nell’agenda del Governo. Il 2016 sarà un nuovo anno di battaglie per i medici italiani»

Immagine articolo

Siamo stanchi di tutto questo. Il nostro lavoro peggiora ogni giorno di più». Una lunga stagione di lotta si è conclusa per i medici, ma il nuovo anno li vede ancora sul piede di guerra. Tante le istanze, spesso complementari tra loro, che ancora non trovano risposte concrete e soddisfacenti.


Dal blocco del turn over agli orari di lavoro, Sanità informazione ha approfondito con Domenico Iscaro, presidente Anaao – Assomed, le principali criticità che, in questo avvio di 2016, non smettono di preoccupare i camici bianchi italiani.

«L’efficienza della nostra sanità è fortemente minata dalle recenti manovre economiche – attacca Iscaro -. Meno servizi, meno posti letto, liste d’attesa più lunghe e rincaro del ticket. Risulta sempre più difficile per il medico esercitare la professione con adeguati standard di qualità. Per i medici, inoltre, soggiunge il gravissimo problema delle dotazioni organiche: è da 7 anni ormai che il turnover è bloccato, e che quindi coloro che vanno in pensione non possono essere sostituiti. Le Regioni, dal canto loro – spiega -, ricorrono al lavoro precario quando possono, pagandolo in modo inadeguato, oppure non erogano il servizio. La conseguenza è che i cittadini sono costretti a rivolgersi a strutture private o, peggio, a rinunciare alle cure. Noi medici siamo stanchi di tutto questo – sbotta il presidente di Anaao -. Il nostro lavoro peggiora ogni giorno di più e, dal punto di vista etico e deontologico non ci sentiamo più in grado di rispondere a quella domanda di salute che dovremmo invece prioritariamente assolvere».

C’è un altro tema in questa protesta: quello dei turni massacranti. Lo scorso 25 novembre è entrata in vigore una legge per adempiere alla norma europea sugli orari di lavoro. Ma effettivamente, negli ospedali, si riescono a rispettare gli orari imposti da questa norma?
«Siamo l’unico Paese europeo che ha derogato rispetto alla normativa sull’orario di lavoro, ma a seguito della procedura di infrazione l’Italia ha dovuto adeguarsi e l’avrebbe dovuto fare con la legge del 25 novembre. Tuttavia – commenta Iscaro -, niente è cambiato. Siamo fermi alla proposta del ministro della Sanità di un emendamento in legge di Stabilità, che dovrebbe prevedere l’assunzione di 6000 medici. Ma pensare che le Regioni, già sottofinanziate e in grave deficit provvedano a queste assunzioni con risorse proprie, è un’utopia. I medici  – continua – sono quindi costretti ancora una volta a ricorrere a migliaia di ore di straordinario non retribuite, con un maggiore carico di stanchezza e un maggiore rischio per il cittadino/paziente».

Una delle forme di resistenza per vedersi almeno riconoscere questo sacrificio è fare ricorso in tribunale. Laddove lo Stato non riesce a garantire un diritto forse potranno farlo i tribunali…
«Certo, è possibile ricorrere ai Tribunali dal momento che ormai l’orario è fissato per legge. Il nostro servizio sanitario come standard di qualità e performance è fra i migliori in Europa, con dati concreti a dimostrarlo. È da lì  – conclude il presidente Iscaro – che dobbiamo ripartire e possiamo farcela, ma è ormai non più procrastinabile per il governo inserire la sanità tra le priorità in agenda».

Articoli correlati
Bonus ai sanitari per il “disagio” Covid. Palermo (Anaao): «Su mille euro, un medico ne intasca 350»
Le risorse provengono dal “Cura Italia” (250 milioni) e dal “Decreto Rilancio” (190). Le Regioni possono integrare. Indennità infettivologica e straordinari altri punti problematici
Emergenza Coronavirus, le richieste dei sindacati: «Scudo giudiziario, fondo per gli indennizzi e revisione della responsabilità professionale»
Palermo (Anaao): «Passare da impianto basato sulla colpa ad uno basato sull’errore». Vergallo (AAROI-EMAC): «La pandemia ha esacerbato il sovraccarico di responsabilità degli operatori sanitari». Quici (Cimo-Fesmed): «Gravi responsabilità da parte di ISS, Protezione Civile e Direttori Generali». Filippi (Fp Cgil Medici): «Medici e pazienti che si infettano a causa di carenze nell’organizzazione devono poter ricorrere contro l’ente»
Coronavirus, Palermo (Anaao): «Richiamare medici pensionati? In pochi accetterebbero. Meglio contratti ai giovani»
Il Segretario del sindacato commenta le proposte messe in campo dal Governo per contrastare la diffusione del Covid-19: «I camici bianchi vedono la pensione come un fine pena, chi esce oggi dal Servizio sanitario nazionale lo fa perché non ne può più. Perché mai dovrebbe tornare a lavorare, ora che la situazione è ancora più difficile e anche rischiosa? E per i giovani le risorse ci sarebbero»
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
«Il riposo deve essere di 11 ore e continuativo anche dopo la reperibilità». Anaao ricorre alla Commissione Europea
Per gli operatori sanitari del Ssn sarebbe stato violato il sistema minimo di tutele della salute e della sicurezza dei lavoratori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...