Lavoro 9 Dicembre 2015 16:23

Turni di lavoro, Binetti: «Staffetta necessaria. Una norma transitoria per sblocco turn over»

Il Parlamentare della Commissione Affari Sociali: «Sull’accesso alla professione dei giovani medici, bisogna trovare la giusta sintesi tra teoria e pratica nel percorso formativo»

Turni di lavoro, Binetti: «Staffetta necessaria. Una norma transitoria per sblocco turn over»

Il problema dei turni massacranti si risolve con lo sblocco del turnover e con l’ingresso nel mondo del lavoro di giovani medici accuratamente preparati dall’università italiana.


È questa, in sostanza, la ricetta dell’Onorevole Paola Binetti, membro della XII Commissione (Affari Sociali) della Camera, per risolvere due delle problematiche più sentite ad oggi da parte della classe medica: l’accesso alla professione e l’orario di lavoro. La prima criticità, ovviamente, riguarda chi il camice bianco deve ancora indossarlo, e si appresta a farlo al costo di mille difficoltà relative ad un percorso formativo non sempre lineare. Il secondo problema, invece, riguarda non solo i medici attualmente in servizio, ma anche quelli che lo diventeranno, a meno che non si trovi un modo per applicare una volta per tutte la legge 161/2014, che rende vigente anche nel nostro Paese la direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro. 
Per l’on. Binetti «gli obiettivi da perseguire sono tre: il primo è quello di dare ai sei anni del percorso di laurea un carattere più spiccatamente professionalizzante, il che comunque non significa rinunciare allo spessore della cultura teorica che gli studenti devono in ogni caso raggiungere; il secondo è cercare di ridurre quel periodo, che gli studenti vivono come una sorta di tempo perso, che comincia dal momento in cui si laureano, passa per quello in cui sostengono l’esame di abilitazione e finisce quando fanno l’esame di ammissione alla scuola di specializzazione. Questi tre momenti – continua Binetti – non sono sufficientemente legati tra loro, per cui riteniamo che nel momento in cui l’abilitazione viene conferita a otto giorni dall’esame di laurea, il decisore politico deve stabilire con più chiarezza la data dell’esame di accesso alle scuole di specializzazione, permettendo così un maggior risparmio di tempo e una razionalizzazione dei percorsi; il terzo obiettivo è quello di ricomporre una sorta di unità del sapere, in cui la competenza pratica e quella teorica diventino due facce di un’unica medaglia. Abbiamo bisogno di medici che sappiano prendere le giuste decisioni, sulla base di elementi scientificamente fondati. Serve dunque la giusta sintesi – conclude – di un sapere che si trasforma in un intervento operativo coerente».

I giovani medici sono quelli che, molto probabilmente, andranno a coprire il grosso buco generato dal blocco del turnover. La mancanza di personale è alla base dei turni di lavoro massacranti che gli operatori sanitari sono costretti a subire. In questi giorni l’Italia si è adeguata alle normative europee ma questa problematica di fondo non sembra essere stata risolta.
«Noi abbiamo bisogno di norme transitorie – concorda l’onorevole – per riconoscere alla divisione dei tempi quella razionalità che permette anche di evitare gli errori attribuibili alla stanchezza o le problematiche di comunicazione tra medico e paziente derivanti dallo stress. Con il via libera ad una vera staffetta all’interno del personale che, in questo modo, può prendersi cura del paziente 24 ore su 24, permetteremo anche al medico di essere totalmente presente durante le ore di lavoro».

Articoli correlati
Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»
L’allarme del coordinatore dell'Osservatorio giovani medici di Napoli: «La laurea abilitante ha questa grande criticità, e a questo si somma il pasticcio burocratico del blocco dei contratti di specializzazione»
Fibrosi cistica e Covid-19, l’esperto: «Pochi casi in tutto il mondo, ma non bisogna abbassare la guardia»
La Senatrice Binetti definisce tre strade da seguire per rispondere alle esigenze dei malati, chiarisce le potenzialità del nuovo farmaco e chiede a gran voce l’approvazione della Legge sulle malattie rare e del Piano nazionale
Media e sanità: siamo di fronte ad attacchi ingiustificati nei confronti del Ssn?
Ne parla Francesco Carbonetti, dirigente medico della Asl Roma 2, Ospedale Sant'Eugenio, e rappresentante dei giovani medici della Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. Stampa Cisl Medici Lazio
Oltre 9 milioni di euro per creare 85 borse di specializzazione per giovani medici in Lombardia
L’assessore al Welfare Gallera: «Fondi in cinque anni da investire nelle discipline maggiormente colpite dal Covid: anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore»
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...