Lavoro 6 Ottobre 2020 15:26

Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan

«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»

Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan

In un articolo pubblicato la settimana scorsa su Sanità Informazione, il professor Filippo Festini dell’Università degli Studi di Firenze ha sollevato il problema dei tamponi Covid sui bambini, sostenendo che troppe prescrizioni non tengono conto dei rischi intra-procedurali. Un tema specifico che però fa riflettere anche sul problema generale della prescrizione dei tamponi a pazienti che manifestano sintomi riconducibili al Covid o che risultano asintomatici. Siamo di fronte ad un caso di medicina difensiva? E cosa rischia (se rischia qualcosa) un medico che prescrive troppi (o troppo pochi) tamponi, anche alla luce della Legge Gelli-Bianco sulla responsabilità professionale? Lo abbiamo chiesto all’avvocato Maurizio Hazan, tra i principali esperti in Italia di responsabilità professionale in sanità.

Avvocato Hazan, ha letto l’articolo pubblicato su Sanità Informazione a firma del professor Festini? Cosa ne pensa?

«In quell’articolo viene evidenziato che esistono delle situazioni correlate alla difficoltà di avere una collaborazione attiva da parte del paziente piccolo. È chiaro che, in casi del genere, si potrebbe entrare nella sfera della responsabilità nel momento in cui vengono creati dei danni. Su questo non c’è dubbio».

Se un medico sbaglia qualcosa nel fare il tampone può essere denunciato?

«Certamente. Poi, se a ciò corrisponda un errore tecnico o un rischio ineliminabile, questo è da capire. Bisogna insomma comprendere se questo tipo di rischi siano preventivabili e comunicabili al paziente, e quindi in qualche modo ineliminabili. Senz’altro si può dire che, a fronte di un maggior grado di rischio dato dal tipo di paziente e dalla maggior probabilità che si verifichi un qualche evento riconducibile o meno alla responsabilità, il rischio che poi qualcuno ti chieda conto sicuramente c’è».

In quell’articolo si parla anche di medicina difensiva. È possibile che si verifichino dei casi di medici che prescrivono il tampone anche se non necessario? Considerando che la sintomatologia di Covid e influenza stagionale sono simili, è un caso che si può verificare?

«Sicuramente è una situazione che si verifica, nel senso che i tamponi precauzionali oggi sono la regola. Può succedere e accadrà sicuramente che, con l’equivoco sintomatico, verranno effettuati tantissimi tamponi solo per capire se una persona è positiva o no. Questo però attiene a tutte le incertezze che il Covid porta con sé. È difficile parlare di medicina difensiva per come la conosciamo, visto che ci sono sintomi facilmente confondibili. Discorso diverso sarebbe se venisse qualcuno a dirci che esistono dei sintomi riconducibili solo ed esclusivamente al Covid. Questo però ce lo deve dire la medicina, ma con linee guida convincenti».

La Legge Gelli è applicabile a questi casi?

«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. La responsabilità per colpa, tendenzialmente, si ha nel momento in cui la condotta espressa dalle linee guida non viene eseguita o correttamente adempiuta. Ma nel caso del Covid, quali sono le condotte idonee, quali sono le linee guida? Non ci sono ancora. Non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare».

E invece, se un medico ha di fronte un paziente che ha sintomi che possono essere tanto dell’influenza quanto del Covid, cosa rischia nel caso in cui non prescrive il tampone e poi quello stesso paziente scopre di essere positivo? Rischia una denuncia?

«Potrebbe, certo. Il problema è lo stesso ma visto da parti opposte. In assenza di sicurezze, quali regole devo rispettare? La medicina difensiva non è soltanto un problema di dispendio di soldi. Questo potrebbe essere un classico evento di medicina difensiva in cui sottopongo qualcuno ad alcuni esami anche invasivi e non necessari e creo dei danni. Quindi parliamo di una medicina difensiva con una iperprescrizione di attività che possono essere dannose. Conseguentemente, abbiamo un profilo di responsabilità non soltanto economica ma anche civilistica. Al contrario, se non eccedo e faccio meno di quel che si deve fare, se seguo la raccomandazione più lasca secondo cui “stiamo esagerando, controlliamo solo i sintomatici”, è chiaro che è più facile che vi sia una responsabilità. Questo è sicuro. Tra i due estremi, in mancanza di una risposta netta in termini generali, meglio essere prudenti che non esserlo. Il rischio in termini di responsabilità è molto maggiore nel non fare che nel fare. È la mancanza di elementi e riferimenti certi che rende la situazione problematica. Mentre la medicina difensiva è, sostanzialmente, una forma di cautela rispetto a riferimenti che sono abbastanza certi, in questo caso i riferimenti sono molto ballerini. Bisognerebbe dunque avere il coraggio di abbassare gli oneri di responsabilità per soluzioni più serene».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Picco di contagi, fino a 5mila euro a medici e dentisti positivi
Gli importi del sussidio Enpam variano a seconda della gravità della condizione. Ecco come fare domanda
Decessi per Covid: età media 80 anni, più alta per i vaccinati. Il report dell’Iss
Pubblicato il rapporto con le caratteristiche di 138.099 pazienti deceduti e positivi al Sars-CoV-2 in Italia dall’inizio della sorveglianza al 10 gennaio 2022
«Investire su personale sanitario o fondi PNRR saranno inutili». L’allarme di Aceti (Salutequità)
Il presidente dell’associazione Salutequità spiega: «Per non interrompere assistenza ai pazienti non Covid serve più personale, strategia stop&go non più sostenibile». E aggiunge: «Non basta aumentare gli organici ad invarianza di modelli professionali e organizzativi». Anche con la stabilizzazione dei precari Covid mancheranno all’appello 30mila infermieri
di Francesco Torre
Pene più corto per Covid? L’esperto: «Trombi nei genitali ostacolano afflusso di sangue»
L'infezione Covid-19 potrebbe rimpicciolire il pene, oltre a creare una serie di disturbi che possono compromettere la vita sessuale. Tra le ipotesi l'insorgenza di piccoli coaguli di sangue nelle vene
Il grande fallimento di Immuni. Sull’app presenti solo il 2% dei positivi
L'app Immuni è stata un gran fallimento in Italia. Attualmente l'applicazione segnala solo il 2% dei positivi e si stima che abbia contribuito al tracciamento di solo l'1% dei casi. Ma le app di tracciamento hanno fallito anche negli altri paesi d'Europa.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 gennaio, sono 358.832.734 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.616.925 i decessi. Ad oggi, oltre 9,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre