Politica 20 Settembre 2018

Taglio alle pensioni d’oro, Damiano (Pd): «No al ricalcolo retroattivo: è un principio pericoloso»

«Un contributo di solidarietà temporaneo, della durata di tre anni, sulle pensioni al di sopra dei 4-5 mila euro netti mensili. La Corte Costituzionale lo approverebbe». La proposta dell’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano

di Isabella Faggiano

Taglio delle pensioni d’oro per sostenere quelle da fame? Sì, ma con il giusto metodo. Cesare Damiano, che da ex ministro del Lavoro durante il secondo governo Prodi di pensioni se ne intende, è favorevole al taglio di quelle d’oro, ma contrario al ricalcolo retroattivo. «Mettere in circolo questo principio (quello del ricalcolo retroattivo ) è molto pericoloso  – ha spiegato Damiano – perché oggi si parla solo di pensioni d’oro, ma in futuro, se ci sarà bisogno di fare cassa come già accaduto in passato, ci si rivolgerà alle pensioni di argento, di bronzo, fino a quelle degli operai».

Un’opposizione alle proposte sostenute dal Governo già espressa anche dai sindacati medici. Massimiliano Bucari, coordinatore nazionale Cimo pensionati, le aveva definite «una vera e propria aggressione alla dignità e ai diritti di medici, professionisti, dirigenti pubblici e privati e di tutti coloro che finora hanno pagato correttamente i contributi richiesti per costruire la loro attuale pensione».

Per comprendere il vero nodo della questione per Cesare Damiano è necessaria un’attenta lettura del testo, poiché fermarsi ad un’interpretazione del titolo potrebbe trarre in inganno. «La proposta di legge presentata sull’argomento “pensioni d’oro” dai capigruppo della Camera del M5S e della Lega – ha spiegato l’ex ministro – ha un titolo che parla di “ricalcolo retroattivo dei contributi”. Stando a questi termini – ha sottolineato Damiano – la proposta sarebbe di ricalcolare la pensione a coloro che oggi godono di una pensione alta pur avendo versato pochi contributi. In questo modo l’importo delle pensioni sarebbe rapportato ai reali contributi versati. Ma questo – ha sottolineato l’ex ministro – è solo il titolo. Il corpo, la legge, va in tutt’altra direzione».

«Nel testo – ha aggiunto Cesare Damiano –  si parla di un ricalcolo retroattivo che tiene conto del momento in cui una persona è andata in pensione». Facciamo un esempio: «Se io sono andato in pensione a 60 anni di età, perché all’epoca la normativa lo prevedeva o perché ho cominciato a lavorare a 15 anni – ha spiegato l’ex ministro del Lavoro – dovrei avere una pensione tagliata perché oggi la fissazione del nuovo limite di età per la pensione è di 67 anni. Questa – ha sottolineato Damiano – è una cosa assurda».

LEGGI ANCHE: ENPAM, PENSIONI AL SICURO. IL PRESIDENTE OLIVETI: «COSÌ RESISTEREMO ALL’IMPATTO DEI CAMBIAMENTI DEMOGRAFICI»

La contrarietà di Cesare Damiano a pensioni d’oro e vitalizi non è una novità:  «Quando ero ministro – ha raccontato – sono intervenuto bloccando l’indicizzazione delle pensioni nella parte superiore ai 4mila euro lordi, quindi otto volte il cosiddetto minino di 500 euro. Dunque, sono favorevole a questa pratica. Ma – ha ribadito – non condivido la scelta del Governo di introdurre il ricalcolo retroattivo. È un principio molto pericoloso e, soprattutto, non necessario».

E allora, qual è la strada giusta da seguire? «Un contributo di solidarietà dalle pensioni al di sopra dei 4-5 mila euro netti mensili. – ha detto Damiano – Un contributo temporaneo, della durata di tre anni, non tributario. La Corte Costituzionale lo approverebbe e – ha concluso l’ex ministro del Lavoro –  si otterrebbe lo stesso risultato».

Articoli correlati
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»
Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5.260 euro per ciascun anno»
Riscatto agevolato della laurea, l’INPS chiarisce: «Può chiederlo anche chi ha studiato prima del ‘96»
Previsto un pagamento annuo della cifra agevolata di 5.260 euro per ogni anno di Università
Giappone, Abe vara l’aumento dell’IVA per pagare pensioni e sanità
L’invecchiamento della popolazione ha fatto aumentare i costi della previdenza sociale, per questo l’imposta sul valore aggiunto aumenterà dall’8 al 10%. Per l’erario 5,7 miliardi di Yen in più di gettito
Quota 100, nelle Pa oltre 2mila domande di pensionamento. Anaao: «Sostituiamo i medici che vanno via sfruttando il Decreto Calabria»
Secondo i dati del sindacato Anaao Assomed, potenzialmente con Quota 100 possono chiedere di andare in pensione tutti i dirigenti medici del Servizio sanitario nazionale (Ssn) nati tra il 1954 e il 1959: sei classi che corrispondono a 38 mila camici bianchi su 105 mila
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»