Lavoro 9 Luglio 2018

Stati Generali della Professione, Anelli (FNOMCeO): «Medico torni ad essere al servizio del cittadino e non dello Stato»

La relazione del Presidente applaudita dal Consiglio nazionale. Magi (OMCeO Roma): «Si inizia a fare sul serio. Bisogna ridare dignità alla professione e difendere il SSN». Rossi (OMCeO Milano): «Percorso condivisibile ma molto complesso. Per ottenere veri risultati, bisogna riuscire a redigere un documento finale realmente condiviso da professionisti e società civile»

Immagine articolo

L’Italia in camice bianco è rappresentata da (quasi) tutti i Presidenti degli Ordini provinciali. La sala della sede ENPAM di Roma è al completo, c’è anche gente in piedi. Il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli guadagna il podio e inizia ad illustrare la propria relazione al Consiglio nazionale. Presenta gli “Stati Generali della Professione Medica”, una mobilitazione che dal prossimo novembre coinvolgerà operatori sanitari e professori, società civile e opinione pubblica e che si concluderà con la redazione di una “Magna Charta” per rifondare la medicina e la professione.

Anelli parla di vocazione, formazione, responsabilità, autonomia e indipendenza, elementi che devono contraddistinguere il ruolo del medico, «professionista e non impresa, garante della democrazia, al servizio del cittadino e non dello Stato». Una relazione incentrata sulla «promozione della professione liberale medica, intesa come migliore tutela del diritto alla salute dei cittadini, oggi spesso messa in discussione e trasformata in una professione tecnica», sottolinea Anelli a Sanità Informazione poco prima del suo intervento.

Ma nel tempo anche «il rapporto tra medico e cittadino si è modificato – prosegue – e per questo gli Stati Generali vogliono riaprire una discussione con la società civile riflettendo su questo rapporto, che oggi troppo spesso sfocia in aggressioni e violenze nei confronti degli operatori sanitari». E proprio su questo tema Anelli annuncia al Consiglio nazionale FNOMCeO una proposta di legge di iniziativa popolare che verrà presentata a settembre e una pubblicità progresso da concordare il prossimo 26 luglio con il Ministro Grillo sullo slogan “Chi aggredisce un medico aggredisce se stesso”.

LEGGI ANCHE: I DATI CHOC DEL SONDAGGIO ANAAO: DUE MEDICI SU TRE DENUNCIANO AGGRESSIONI

Dopo gli applausi che chiudono l’intervento di Anelli, nei corridoi del piano terra del palazzo ENPAM i Presidenti si incontrano, si salutano, commentano i fatti del giorno e le strade future da intraprendere. «È una giornata importante perché si inizia a fare sul serio – commenta Antonio Magi, Presidente OMCeO Roma, ai nostri microfoni -. È fondamentale cominciare a discutere di tutti i temi che verranno affrontati agli Stati Generali, ma oltre alle chiacchiere bisogna arrivare a fatti concreti, ridando alla professione quella dignità che deve avere e difendendo in maniera molto forte il Servizio Sanitario Nazionale».

Un’opinione condivisa dal Presidente dell’Ordine di Milano Roberto Carlo Rossi: «Il percorso scelto da Filippo Anelli è condivisibile, è una bella sfida e onore al merito per avere almeno il coraggio di provarci. I medici hanno preso l’ascensore sociale in discesa, ma i responsabili siamo solo noi, e se vogliamo che il rapporto tra medici e cittadini torni ad essere equo e diventi nuovamente un processo da fare insieme, bisogna coinvolgere filosofi, mondo scientifico, giornalisti, politici e fare massa critica per affermare con forza che i medici sono importanti sotto diversi punti di vista: anche nella stesura di provvedimenti di carattere sanitario, ad esempio, sarebbe importante chiedere prima al mondo medico un parere tecnico. Ma dobbiamo essere noi a farci promotori di un ruolo diverso, proponendoci al mondo esterno con attitudini e facciate nuove».

Il Presidente Rossi non nasconde, tuttavia, le difficoltà di un percorso di questo genere: «È come pretendere di invertire una rotta che è già tracciata e percorsa da molto tempo. Anche la scorsa Presidenza organizzò un paio di anni fa una Conferenza sulla professione che ha riunito il mondo sanitario con obiettivi simili, ma non è riuscita ad ottenere alcun risultato concreto. Secondo me, per non ripetere gli stessi errori, prima di arrivare in plenaria, nel momento in cui nelle diverse tappe non si riesce ad ottenere una condivisione da parte del mondo esterno, bisognerà avere il coraggio di fermarsi e riflettere. Se si arriva a un documento finale, deve essere davvero condiviso da tutti. Una cosa di difficoltà impervia».

E Filippo Anelli è ben consapevole della complessità del percorso. Conclude la sua relazione ricordando che «per redigere il primo codice deontologico adottato dopo il fascismo era stato previsto un anno di tempo. Ne furono necessari dieci. Io spero che per ottenere la Magna Carta della professione un anno di lavoro sia sufficiente, ma è questa la difficoltà della strada che stiamo per intraprendere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Anelli (Fnomceo): «Le mascherine arrivate agli Ordini non sono per uso sanitario»
«Abbiamo contattato la Protezione Civile, ci ha confermato che il materiale non era conforme a quello ordinato – precisa Anelli -. Ho avvisato i Presidenti degli Ordini affinché fermassero le procedure. Ci attendiamo che a breve si possa rimediare e che i medici possano contare finalmente su dispositivi idonei e adeguati all’esposizione professionale»
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Coronavirus, più protezione e test rapidi in ospedale. Sul British Medical Journal le richieste immediate dei medici italiani
Aumenta il numero degli operatori sanitari contagiati: sono più del 9% dei casi totali. Si allunga anche l’elenco dei medici che non ce l’hanno fatta
Coronavirus, lettera di Speranza alla FNOMCeO: «Gratitudine per il lavoro svolto, medici italiani tra i migliori al mondo»
La risposta di Anelli: «La consapevolezza che il ministro considera i medici e i sanitari come una priorità da preservare per la tutela della salute di tutti i cittadini ci sostiene e ci dà forza in questi momenti difficili. Insieme, ce la faremo»
Ambulatori ‘a porte chiuse’ e unità speciali per assistenza domiciliare: le proposte FNOMCeO per arginare il Coronavirus
Il Presidente Anelli ha firmato una lettera indirizzata, tra gli altri, al Presidente del Consiglio Conte, al Ministro della Salute Speranza e a tutti gli Assessori alla Salute per invitarli a stabilire nuovi modelli organizzativi per gli studi medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 aprile, sono 1.016.534 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 53.164 i decessi e 211.856 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollett...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...