Salute 6 Luglio 2018 16:47

Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»

«Solo con recupero dell’autonomia e della dignità possiamo contrastare fake news in sanità e la violenza contro gli operatori», spiega il Presidente della Federazione degli Ordini che ha annunciato una pubblicità progresso sul tema

Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»

Gli Stati Generali della professione medica si avvicinano. Si svolgeranno il 16 novembre e avranno come tema centrale il ripensamento del ruolo del medico. Sarà «un documento storico», sottolinea il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, «la Magna Carta della professione medica e odontoiatrica, scritta dai medici insieme a tutta la società civile come rifondazione della medicina e della professione».

Un percorso che sta muovendo i suoi primi passi e «attraverserà tutta la professione nelle sue diverse componenti ed espressioni, l’opinione pubblica, la società civile». Ad annunciarlo è stato lo stesso Anelli oggi a Roma, di fronte alla platea dei 106 presidenti degli Ordini dei medici territoriali, riuniti nel Consiglio nazionale. La convocazione degli Stati generali nasce – ricorda la Fnomceo – dalla crisi d’identità del medico che, a fronte di una vocazione, «oggi si trova vessato da aggressioni, violenze, dal diffondersi arrogante di fake news che pretendono di sostituirsi alle evidenze scientifiche».

LEGGI ANCHE: CONSIGLIO FNOMCeO, ANELLI CONVOCA STATI GENERALI PROFESSIONE MEDICA: «COINVOLGIAMO SOCIETA’ CIVILE E DECIDIAMO NOSTRO DESTINO»

«Solo attraverso il recupero della libertà, dell’autonomia, dell’indipendenza e della dignità che in questi ultimi anni la nostra professione ha perso potremo efficacemente contrastare due fenomeni di grande attualità come le fake news in sanità e la violenza contro gli operatori sanitari», sottolinea Anelli. Si tratta infatti di due fenomeni apparentemente lontani, che hanno però le medesime radici culturali, «quelle di un mondo in cui il sapere è illusoriamente alla portata di tutti».

Una battaglia culturale che vede medici e professori, tra le categorie maggiormente vittima di violenza, in primo piano. Anelli ha annunciato la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare. Il 26 luglio fissato l’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo per creare una pubblicità progresso sul tema delle aggressioni al personale sanitario.

Per riscrivere le regole della loro professione i medici partiranno dalle macroaree individuate dall’apposita Commissione che è al lavoro da aprile, dopo l’indizione degli Stati Generali: i cambiamenti e le crisi; i rapporti del medico rispettivamente con la società, con l’economia, con la scienza, con il lavoro; la medicina e il medico verso il futuro. «Se vogliamo salvare il medico ippocratico – conclude il presidente Fnomceo – dobbiamo avere il coraggio intellettuale di distinguere quello che va da quello che non va. Se ammettiamo al futuro ciò che non va, abbiamo perso la nostra battaglia e la professione diventerà quella che noi non vogliamo e che al malato e a questa società non serve».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...