Salute 6 luglio 2018

Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»

«Solo con recupero dell’autonomia e della dignità possiamo contrastare fake news in sanità e la violenza contro gli operatori», spiega il Presidente della Federazione degli Ordini che ha annunciato una pubblicità progresso sul tema

Immagine articolo

Gli Stati Generali della professione medica si avvicinano. Si svolgeranno il 16 novembre e avranno come tema centrale il ripensamento del ruolo del medico. Sarà «un documento storico», sottolinea il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, «la Magna Carta della professione medica e odontoiatrica, scritta dai medici insieme a tutta la società civile come rifondazione della medicina e della professione».

Un percorso che sta muovendo i suoi primi passi e «attraverserà tutta la professione nelle sue diverse componenti ed espressioni, l’opinione pubblica, la società civile». Ad annunciarlo è stato lo stesso Anelli oggi a Roma, di fronte alla platea dei 106 presidenti degli Ordini dei medici territoriali, riuniti nel Consiglio nazionale. La convocazione degli Stati generali nasce – ricorda la Fnomceo – dalla crisi d’identità del medico che, a fronte di una vocazione, «oggi si trova vessato da aggressioni, violenze, dal diffondersi arrogante di fake news che pretendono di sostituirsi alle evidenze scientifiche».

LEGGI ANCHE: CONSIGLIO FNOMCeO, ANELLI CONVOCA STATI GENERALI PROFESSIONE MEDICA: «COINVOLGIAMO SOCIETA’ CIVILE E DECIDIAMO NOSTRO DESTINO»

«Solo attraverso il recupero della libertà, dell’autonomia, dell’indipendenza e della dignità che in questi ultimi anni la nostra professione ha perso potremo efficacemente contrastare due fenomeni di grande attualità come le fake news in sanità e la violenza contro gli operatori sanitari», sottolinea Anelli. Si tratta infatti di due fenomeni apparentemente lontani, che hanno però le medesime radici culturali, «quelle di un mondo in cui il sapere è illusoriamente alla portata di tutti».

Una battaglia culturale che vede medici e professori, tra le categorie maggiormente vittima di violenza, in primo piano. Anelli ha annunciato la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare. Il 26 luglio fissato l’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo per creare una pubblicità progresso sul tema delle aggressioni al personale sanitario.

Per riscrivere le regole della loro professione i medici partiranno dalle macroaree individuate dall’apposita Commissione che è al lavoro da aprile, dopo l’indizione degli Stati Generali: i cambiamenti e le crisi; i rapporti del medico rispettivamente con la società, con l’economia, con la scienza, con il lavoro; la medicina e il medico verso il futuro. «Se vogliamo salvare il medico ippocratico – conclude il presidente Fnomceo – dobbiamo avere il coraggio intellettuale di distinguere quello che va da quello che non va. Se ammettiamo al futuro ciò che non va, abbiamo perso la nostra battaglia e la professione diventerà quella che noi non vogliamo e che al malato e a questa società non serve».

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Caso ‘INPS’, Fnomceo: «Chiediamo al Ministro Grillo un tavolo sui medici fiscali e convenzionati»
«Chiediamo che il Ministro della Salute Giulia Grillo intervenga per lo stralcio, da parte dell’Inps, di quelle parti del Piano della Performance incompatibili con il Codice di Deontologia Medica, e istituisca un Tavolo sulle problematiche della Medicina fiscale». Torna a parlare del “caso Inps” il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli, a una settimana di distanza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila