Lavoro 15 Ottobre 2020 16:02

«Stabilizzazione, aumenti salariali e riconoscimento della professione». Le richieste degli infermieri al Circo Massimo

«Siamo oltre duemila», comunica Nursing Up che ha convocato la piazza romana degli infermieri. Al centro della vertenza la richiesta di un comparto contrattuale autonomo. E il Ministero promette l’apertura dell’istruttoria

di Tommaso Caldarelli

Colorata e partecipata, scorre serena la manifestazione del sindacato nazionale infermieri Nursing Up, una delle principali sigle che associano gli appartenenti alla professione sanitaria infermieristica: una mattinata  di tempo ondeggiante, fra il sole a sprazzi e momenti di pioggia battente, ha visto sfilare al Circo Massimo oltre 2000 – comunicano gli organizzatori – fra infermiere e infermieri provenienti dalle più distanti regioni d’Italia. Marche, Liguria, Campania, Veneto, Lazio, Sardegna sono giunte nella Capitale, e la piattaforma rivendicativa di mobilitazione è netta: tutto parte da un ridisegno del sistema che porti gli infermieri al di fuori del comparto sanità.

MANIFESTAZIONE NURSING UP: UN NUOVO COMPARTO CONTRATTUALE

Una valutazione autonoma dunque della professione infermieristica, che consenta agli infermieri di poter avere un trattamento specifico, indennità misurate al carico di lavoro e avanzamenti di carriera basati sulla propria vicenda lavorativa, senza permanere un minuto di più nel “calderone” delle professioni sanitarie.

«Stabilizzazione, miglioramento delle condizioni contrattuali, riconoscimento della professione: queste le tre parole chiave della manifestazione di oggi. Chiediamo solo quanto è già previsto dalle norme di legge e che nessuno però si è ricordato finora di applicare: un contratto autonomo per gli infermieri», scandisce Antonio de Palma, presidente Nursing Up, ai microfoni di Sanità Informazione.

«Vogliamo un contratto autonomo con risorse autonome e dedicate. Gli infermieri rappresentano la maggior parte degli assunti e dei lavoratori del SSN, una specificità che merita attenzione al pari delle altre professioni sanitarie laureate. Chiediamo un riconoscimento economico specifico da almeno 500 euro al mese, che allinei gli stipendi degli infermieri italiani a quelli dei colleghi europei. Noi abbiamo gli infermieri più formati d’Europa e quelli che sono meno pagati del continente: una situazione che grida vendetta», spiega il leader sindacale.

ASSUNZIONI E ACCESSO ALLA PROFESSIONE

La piazza si riempie mano mano che giungono le delegazioni dalle regioni; l’area dedicata alla manifestazione è organizzata nel pieno rispetto delle normative anti-Coronavirus e un solerte dispositivo di sicurezza contingenta le entrate.

«Le procedure di assunzione sono ferme e, per contro – continua de Palma – servirebbero molti più infermieri, soprattutto in questa fase e soprattutto senza forme contrattuali inaccettabili, a partita Iva e senza garanzie che non spingono certo i giovani colleghi a mettere a rischio la propria vita e quella delle proprie famiglie. Dopo che ci hanno chiamato eroi, angeli della corsia, dopo che il governo si è dimenticato di noi, ecco che ci propongono contratti a tempo determinato salvo poi licenziarci e buttarci via. Queste politiche non pagano e a rimetterci sono i cittadini perché gli infermieri vanno a lavorare all’estero», conclude il presidente, che chiede un’assunzione di responsabilità molto più netta da parte del presidente Giuseppe Conte e del ministro Roberto Speranza.

In effetti, continuano le voci intervistate in piazza, la vicenda assunzionale dell’infermeria italiana è variegata. Prima dell’epoca Covid le assunzioni sono state storicamente rare e faticose; durante il periodo pandemico si è verificata certo un’impennata – sono molti gli infermieri in piazza a riconoscerlo – ma spesso con formule contrattuali precarie e non sicure: «Circa l’80% dei miei compagni di corso non è riuscito ad entrare nella professione», ci racconta una giovane infermiera campana al lavoro da non più di 3 mesi.

LE RICHIESTE

«Sull’accesso alla professione sinceramente si può fare ancora molto. Mancano tanti infermieri e la fase Covid l’ha dimostrato platealmente. Dalle università escono pochi infermieri perché sempre meno se ne iscrivono», spiega il delegato ligure Nursing Up, intervistato da Sanità Informazione. Continua: «Non sono soddisfatto della situazione economica e salariale del mio lavoro. Solo una contrattazione separata che si occupi specificamente della nostra professione può fare la differenza. Chiediamo quel che hanno fatto i medici molto tempo fa, incardinandosi nei ruoli dirigenti». C’è da riflettere «sull’infermiere di comunità – aggiunge poi il delegato delle Marche -. Si tratta di una professione prevista ma che ancora non ha avuto lo sviluppo che si merita».

LA REAZIONE DOPO LA MNIFESTAZIONE NURSING UP

Da quanto si apprende, al termine della manifestazione il Capo della Segreteria tecnica del Ministro della Salute Speranza ha informato il leader del Nursing Up che sarà presto avviata una istruttoria finalizzata alla realizzazione di quella area contrattuale autonoma che gli infermieri invocano da tempo.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Volo in mongolfiera per dire «2020 volte grazie agli infermieri»
L’iniziativa è stata organizzata dalla Balloon Team Italia Srl in collaborazione con l’Ordine delle Professioni Infermieristiche Interprovinciale Firenze-Pistoia
Vaccini, Ordini e sindacati: «Assicuriamo nostro impegno, ma intensificare opera di sensibilizzazione»
Ordini e sindacati dei professionisti sanitari e socio-sanitari si uniscono in un messaggio di impegno e fermezza: «Da questa pandemia si uscirà soltanto affidandosi alla scienza»
Covid-19, la grande fuga dagli ospedali. Il sondaggio di Anaao-Assomed
Solo il 54% dei medici si vede ancora in un ospedale pubblico tra due anni e il 75% ritiene che il proprio lavoro non sia stato valorizzato. Più positivo il giudizio dei dirigenti sanitari (biologi, chimici, fisici, psicologi, farmacisti)
Recovery Plan, Carbone (Fials): «Nove miliardi alla sanità una presa in giro, ne servono almeno 35-40. Abolire il numero chiuso»
Il Segretario generale del sindacato Fials tuona contro la bozza del Recovery Plan e chiede più risorse per la sanità. Poi contesta la discriminante sulle indennità tra professioni sanitarie nella Legge di Bilancio: «Non riempiamoci la bocca continuando a chiamarli eroi e poi materialmente li discriminiamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»