Lavoro 13 ottobre 2017

SSN: è possibile ‘fare economia’ senza tagliare servizi? «La soluzione è l’HTA» l’intervista al Presidente Cicchetti (Sihta)

Risorse pubbliche e tecnologie sanitarie sul piatto della bilancia: se ne parla al 10° Congresso della Società italiana di Health Technology Assessment international. «Un confronto indispensabile in un momento in cui il Def ci apre gli occhi sulla situazione finanziaria del nostro Paese» ai nostri microfoni Americo Cicchetti, Presidente Sihta

«La Società Italiana Health Technology Assessment in questi ultimi tre anni è cresciuta sia in termini numerici che d’impatto qualitativo. Questo Congresso capita proprio nel momento giusto, quando nasce l’intesa tra Stato e Regioni sui programmi nazionali di HTA». Lo dichiara Americo Cicchetti, Presidente della  Società Italiana Health Technology Assessment (Sihta) che in questi giorni si è riunita in Congresso a Roma per lanciare al mondo dell’HTA e dei sistemi sanitari, una nuova sfida coinvolgendo in una profonda riflessione giuristi, filosofi, bioeticisti, economisti e sociologi nel declinare un nuovo paradigma per l’HTA.

Quando si parla di Health Technology Assessment (HTA), ci si riferisce ad «una metodologia per valutare le prestazioni sanitarie disponibili per l’assistenza ai cittadini – ha spiegato Cicchetti -. Questo ambito è chiaramente strettamente legato alle decisioni di politica sanitaria. L’’incontro organizzato in questi giorni è utile a pianificare e valutare le iniziative nelle quali viene riconosciuta l’importanza di un approccio alla valutazione multidimensionale dell’Health Technology Assessment. L’obiettivo è migliorare la capacità di prendere decisioni, allocare meglio le risorse, questione che purtroppo in questo momento è diventata sempre più critica, soprattutto alla luce di quello che è lo scenario nazionale delle risorse disponibili per la sanità. Purtroppo, come il Def ci insegna, le risorse certamente non stanno crescendo come noi vorremmo, ecco, in questo panorama, l’HTA è proprio lo strumento idoneo che garantisce il fare ‘economia’ senza tagliare i servizi».

«Devo ringraziare il Ministero della Salute per la fiducia che ripone nella nostra società scientifica – conclude il Presidente Cicchetti – in particolare ringrazio la Direzione dei Dispositivi Medici dei Farmaci del Ministero che ha concesso alla nostra realtà la possibilità di essere inserita all’interno del tavolo dell’innovazione per tracciare un bilancio e far parte di quelle decisioni che possono stimolare un miglioramento nel contesto sanitario del Paese».

Articoli correlati
Oncologia, al via a Bari la nona Edizione di Oncology for Primary Care
Fumo, alimentazione e stili di vita al centro della Nona Edizione di Oncology for Primary Care. Il convegno sulle cure primarie e le innovazioni terapeutiche del paziente oncologico, promosso da Eugenio Maiorano e da Nicola Marzano, torna a Bari venerdì 23 e sabato 24 novembre. Più dell’80% dei malati di cancro manifesta i sintomi per […]
Fiaso, l’orgoglio dei manager della sanità: «Abbiamo salvato il SSN». Ripa di Meana: «Ora fondo per innovazione e sblocco assunzioni»
A Roma il ventennale della Federazione Italiana Aziende sanitarie e ospedaliere che ha riunito i dirigenti di 170 aziende sanitarie. Il Presidente: «Abbiamo reso il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Chiediamo siano sbloccati i contratti»
Legge di Bilancio, Zingaretti la boccia: «Spread alto brucia risorse anche per la sanità. Nel Lazio tagliamo sprechi e facciamo innovazione»
Il governatore è intervenuto all’inaugurazione del Centro Studi Clinici Fase 1 dell’IFO Regina Elena a Roma. «Siamo preoccupati - ha sottolineato - dopo discussioni infinite ancora non è chiaro quale sarà la manovra economica del governo». Poi torna sull’accordo stipulato con Sardegna, Valle d’Aosta, Piemonte e Veneto sul prezzo dei farmaci: «Ci farà risparmiare in tutto 31 milioni di euro e riguarderà un’area di 17 milioni di cittadini»
Malattia di Crohn, in arrivo una nuova terapia. L’incontro a Milano
La malattia di Crohn è una patologia infiammatoria cronica dell’intestino che colpisce 1,3 milioni di persone nel mondo, di cui circa 60.000 in Italia, soprattutto tra i 20 e i 30 anni. I sintomi, dolori addominali, perdita di peso e diarrea, fatica, anoressia o febbre, si possono manifestare in maniera imprevedibile e per questo spesso […]
Aggressioni medici, Giuseppe Quintavalle (Asl Roma 4): «Lavorare su condizione umana e non cedere a provocazioni»
«Abbiamo creato uno sportello per cercare di motivare il nostro personale ad agire al meglio, inoltre fondamentale dialogo con parenti e amici del paziente» così Giuseppe Quintavalle sulle aggressioni al personale sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano