Lavoro 13 Ottobre 2017

SSN: è possibile ‘fare economia’ senza tagliare servizi? «La soluzione è l’HTA» l’intervista al Presidente Cicchetti (Sihta)

Risorse pubbliche e tecnologie sanitarie sul piatto della bilancia: se ne parla al 10° Congresso della Società italiana di Health Technology Assessment international. «Un confronto indispensabile in un momento in cui il Def ci apre gli occhi sulla situazione finanziaria del nostro Paese» ai nostri microfoni Americo Cicchetti, Presidente Sihta

«La Società Italiana Health Technology Assessment in questi ultimi tre anni è cresciuta sia in termini numerici che d’impatto qualitativo. Questo Congresso capita proprio nel momento giusto, quando nasce l’intesa tra Stato e Regioni sui programmi nazionali di HTA». Lo dichiara Americo Cicchetti, Presidente della  Società Italiana Health Technology Assessment (Sihta) che in questi giorni si è riunita in Congresso a Roma per lanciare al mondo dell’HTA e dei sistemi sanitari, una nuova sfida coinvolgendo in una profonda riflessione giuristi, filosofi, bioeticisti, economisti e sociologi nel declinare un nuovo paradigma per l’HTA.

Quando si parla di Health Technology Assessment (HTA), ci si riferisce ad «una metodologia per valutare le prestazioni sanitarie disponibili per l’assistenza ai cittadini – ha spiegato Cicchetti -. Questo ambito è chiaramente strettamente legato alle decisioni di politica sanitaria. L’’incontro organizzato in questi giorni è utile a pianificare e valutare le iniziative nelle quali viene riconosciuta l’importanza di un approccio alla valutazione multidimensionale dell’Health Technology Assessment. L’obiettivo è migliorare la capacità di prendere decisioni, allocare meglio le risorse, questione che purtroppo in questo momento è diventata sempre più critica, soprattutto alla luce di quello che è lo scenario nazionale delle risorse disponibili per la sanità. Purtroppo, come il Def ci insegna, le risorse certamente non stanno crescendo come noi vorremmo, ecco, in questo panorama, l’HTA è proprio lo strumento idoneo che garantisce il fare ‘economia’ senza tagliare i servizi».

«Devo ringraziare il Ministero della Salute per la fiducia che ripone nella nostra società scientifica – conclude il Presidente Cicchetti – in particolare ringrazio la Direzione dei Dispositivi Medici dei Farmaci del Ministero che ha concesso alla nostra realtà la possibilità di essere inserita all’interno del tavolo dell’innovazione per tracciare un bilancio e far parte di quelle decisioni che possono stimolare un miglioramento nel contesto sanitario del Paese».

Articoli correlati
«I punti di forza del nostro SSN? Resilienza e formazione. Tecnologia e sostenibilità le sfide da affrontare»
L’analisi di Americo Cicchetti, direttore ALTEMS: «La gestione della pandemia ha accelerato lo sviluppo della telemedicina. In 12 settimane ideate 174 nuove soluzioni digitali, di cui solo il 30% per gestire pazienti Covid a domicilio»
di Isabella Faggiano
Premio Innovazione Digitale nella Sclerosi Multipla: in palio 2 premi da 40.000 € ciascuno
Anche quest’anno l’iniziativa è patrocinata dalla SIN (Società Italiana di Neurologia) per favorire l’adattamento e la convivenza con la Sclerosi Multipla attraverso la Digital Technology
Medici e giornalisti a scuola di comunicazione sanitaria. Il nuovo master alla Cattolica di Roma
Cicchetti (ALTEMS): «Puntiamo alla formazione di professionisti capaci di diffondere in modo semplice notizie complesse come quelle medico-scientifiche. Durante la pandemia siamo stati tutti vittime di “infodemia”»
di Isabella Faggiano
Equivalenza terapeutica dei farmaci anti-HCV, Galli: «Si potevano percorrere altre strade per abbattere i costi»
Presentato al Senato il documento di farmacologia che arriva dopo le decisioni dell’Aifa. Gli esperti d’accordo: «Occorre più confronto»
di Tommaso Caldarelli
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 settembre, sono 33.081.725 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 997.777 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...