Salute 13 Ottobre 2017 11:52

SSN: è possibile ‘fare economia’ senza tagliare servizi? «La soluzione è l’HTA» l’intervista al Presidente Cicchetti (Sihta)

Risorse pubbliche e tecnologie sanitarie sul piatto della bilancia: se ne parla al 10° Congresso della Società italiana di Health Technology Assessment international. «Un confronto indispensabile in un momento in cui il Def ci apre gli occhi sulla situazione finanziaria del nostro Paese» ai nostri microfoni Americo Cicchetti, Presidente Sihta

«La Società Italiana Health Technology Assessment in questi ultimi tre anni è cresciuta sia in termini numerici che d’impatto qualitativo. Questo Congresso capita proprio nel momento giusto, quando nasce l’intesa tra Stato e Regioni sui programmi nazionali di HTA». Lo dichiara Americo Cicchetti, Presidente della  Società Italiana Health Technology Assessment (Sihta) che in questi giorni si è riunita in Congresso a Roma per lanciare al mondo dell’HTA e dei sistemi sanitari, una nuova sfida coinvolgendo in una profonda riflessione giuristi, filosofi, bioeticisti, economisti e sociologi nel declinare un nuovo paradigma per l’HTA.

Quando si parla di Health Technology Assessment (HTA), ci si riferisce ad «una metodologia per valutare le prestazioni sanitarie disponibili per l’assistenza ai cittadini – ha spiegato Cicchetti -. Questo ambito è chiaramente strettamente legato alle decisioni di politica sanitaria. L’’incontro organizzato in questi giorni è utile a pianificare e valutare le iniziative nelle quali viene riconosciuta l’importanza di un approccio alla valutazione multidimensionale dell’Health Technology Assessment. L’obiettivo è migliorare la capacità di prendere decisioni, allocare meglio le risorse, questione che purtroppo in questo momento è diventata sempre più critica, soprattutto alla luce di quello che è lo scenario nazionale delle risorse disponibili per la sanità. Purtroppo, come il Def ci insegna, le risorse certamente non stanno crescendo come noi vorremmo, ecco, in questo panorama, l’HTA è proprio lo strumento idoneo che garantisce il fare ‘economia’ senza tagliare i servizi».

«Devo ringraziare il Ministero della Salute per la fiducia che ripone nella nostra società scientifica – conclude il Presidente Cicchetti – in particolare ringrazio la Direzione dei Dispositivi Medici dei Farmaci del Ministero che ha concesso alla nostra realtà la possibilità di essere inserita all’interno del tavolo dell’innovazione per tracciare un bilancio e far parte di quelle decisioni che possono stimolare un miglioramento nel contesto sanitario del Paese».

Articoli correlati
Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico
La Fondazione, costituita per essere ancora più vicina al progresso medico-scientifico a favore della salute delle persone, opererà in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma nel perseguimento degli obiettivi e nel rispetto dei valori che ne ispirano da sempre l’azione: la Scienza per l’Uomo
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Torino avrà il più grande parco della salute post Covid
Luigi Genesio Icardi (assessore alla sanità Regione Piemonte): «È la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni. Sarà un polo di ricerca, didattica e cura. I lavori si concluderanno nel 2027»
di Federica Bosco
Ospedali di Comunità, telemedicina, e assistenza domiciliare: come saranno impiegati i 15,63 miliardi del PNRR per la sanità
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è arrivato in Parlamento dove sarà illustrato dal premier Draghi prima del voto. Al comparto salute in tutto 20,82 miliardi considerando anche il Fondo complementare e il React EU. Il Piano in tutto prevede investimenti per 222,1 miliardi. Previsti fondi per aumentare le borse per la medicina generale e le specializzazioni mediche
GIMBE, nel 25imo dalla fondazione il punto su passato, presente e futuro del nostro Ssn
Il presidente Cartabellotta: «I fondi del Recovery non vengano usati per costosi lifting del sistema ma per riforme coraggiose che promuovano l’uguaglianza nell’assistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali