Lavoro 25 agosto 2015

Specializzazioni: il futuro è un test migliore Il presente è la solita ondata di ricorsi…

Ancora una volta numerose irregolarità nella prova: dialogo aperto con le Istituzioniper trovare le soluzioni. Intanto, con oltre 6mila esclusi, sono già pronti a partire i ricorsi

Immagine articolo

Sono più di 6mila i giovani medici che quest’anno non sono riusciti a conquistare la borsa di studio per la scuola di specializzazione in Medicina. Dal 6 agosto sul portale www.universitaly.it  sono pubblicate le graduatorie con i 6.363 contratti di formazione assegnati in base al posizionamento nei test e le scelti di sede effettuate al momento del bando.


Alla seconda edizione su base nazionale del “concorsone” si erano presentati 12.786 candidati. Più della metà dovranno riprovarci, o – come strada alternativa ormai sempre più battuta – cercare fortuna all’estero. Una eventualità che oltre ad alimentare la fuga di cervelli, comporta comunque uno spreco di risorse allo Stato.

Nonostante, rispetto allo scorso anno, non siano state ravvisate anomalie eclatanti (come si ricorderà, nel 2014 erano state addirittura invertite le domande per un errore tecnico che aveva scatenato una pioggia di ricorsi e ammissioni in sovrannumero), anche nella recente prova di fine luglio qualcosa è andato storto. Sono state registrate, infatti, diverse irregolarità. Alcuni candidati sleali, sorpresi ad usare smartphone e addirittura microfoni e auricolari, sono stati allontanati dalle aule ed eliminati dal concorso. Ma gli aspiranti specializzandi hanno denunciato anche la carenza degli annunciati presidi delle forze dell’ordine, la non totale uniformità delle procedure, guasti tecnici ai terminali da utilizzare per i quiz. A questo va aggiunto il taglio delle domande, che stando al bando emesso dal Miur, non dovevano più essere caratterizzate da contenuti nozionistici ed essere, invece, più affini alla professione. Così, dunque, mentre una parte dei candidati si prepara a tentare di avviare la propria carriera con il camice bianco partendo dalla scuola di specializzazione, un’altra grande fetta potrebbe decidere di rivolgersi alla giustizia.

Al loro fianco è già scesa Consulcesi, realtà internazionale leader nella tutela dei camici, da sempre attenta alle problematiche dei giovani medici, mettendo a disposizione i suoi oltre 350 tra avvocati e consulenti legali, che rispondono al numero verde 800.122.777 o direttamente sul sito www.consulcesi.it. Consulcesi, però, sta cercando di dialogare con le Istituzioni proponendo soluzioni per risolvere, una volta per tutte, i problemi legati alle modalità d’accesso alla professione medica. «Siamo al fianco – spiega il presidente Massimo Tortorella –di tutte quelle associazioni di giovani medici che sul tema dell’ingresso alle scuole di specializzazione stanno protestando in queste ore. Da tempo cerchiamo di trovare una soluzione condivisa anche con le Istituzioni per risolvere una volta per tutte il problema: solo alcuni mesi fa, abbiamo inviato una lettera al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini per mettere a disposizione la nostra esperienza legale per verificare che il bando e le prove di concorso fossero ispirati a criteri di trasparenza e meritocrazia. È necessario, insomma, porre un freno ad una spiacevole situazione che si ripete ogni anno».

Sull’esigenza di sistemare i criteri di selezione, insiste anche il SIGM. L’associazione dei Giovani Medici riconosce al MIUR i passi avanti fatti rispetto lo scorso anno,  ma fa notare che «le criticità permangono e non possono essere taciute o sminuite e, dopo un’esperienza biennale, queste dovranno essere affrontate e risolte con soluzioni differenti da quelle adottate dal MIUR in questa edizione». Insieme  al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) è stata fatta una ricognizione di una prova, finalmente con qualche luce ma ancora con troppe ombre. Per il futuro sono già pronte una serie di proposte da porre all’attenzione del Miur: «Puntiamo ad ottenere l’adozione della graduatoria unica nazionale – si legge nella nota congiunta di Sigm e Cnas – e poi la semplificazione dei titoli curriculari ed il superamento della attuale complessità organizzativa, attraverso la centralizzazione delle prove in una sede centrale o al massimo in un numero esiguo di sedi individuate su base macro-regionale. Al contempo, sarà inoltre indispensabile ricorrere all’adozione di un piano di rientro almeno triennale, nonché ad una adeguata pianificazione del fabbisogno di medici». Si ragiona, insomma, già sul futuro del “concorsone” ma il presente – come il passato… – potrebbe ancora essere costellato di ricorsi e ammissioni in sovrannumero. E questo proprio mentre ci si proietta all’imminente prova per l’accesso a numero chiuso alla facoltà di Medicina: saranno più di 60mila le aspiranti matricole che l’8 settembre si contenderanno appena 9513 posti.

Articoli correlati
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»
«Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol», spiega la numero uno dell’associazione non governativa che ricorda i danni che il consumo di bevande alcoliche può provocare soprattutto tra i giovanissimi
Durante il corso di medicina generale ho continuato a fare il medico di continuità assistenziale: ho diritto ugualmente al rimborso?
Durante lo svolgimento del corso la legge ritiene ammissibili solo le sostituzioni a tempo determinato (art. 19 co. 11 della l. 448/2001) dei medici di medicina generale convenzionati con il SSN e le guardie mediche notturne, festive e turistiche. Se la sua attività rientra in queste casistiche può sicuramente presentare la richiesta di risarcimento. Diversamente, […]
L’Emilia-Romagna finanzia 100 contratti per gli specializzandi, il doppio rispetto allo scorso anno
Più medici specialisti in Emilia-Romagna, grazie alle risorse stanziate dalla Regione. Raddoppiano quest’anno i contratti di formazione per i medici specializzandi finanziati interamente da fondi regionali, che passano dai 52 del 2017 ai 100 del 2018: il numero più alto in Italia. Contratti che si aggiungono a quelli finanziati dal ministero, incrementati anch’essi: da 619 […]
Congresso Anaao-Assomed, il Ministro Grillo: «No a una sanità per i ricchi e una per i poveri. Su specialistica apriremo tavolo con Regioni»
«Sulle liste d’attesa una delle mie più grandi battaglie», annuncia la titolare del dicastero di Lungotevere Ripa. Poi la critica alla politica: «Finora non ha considerato la sanità centrale nel dibattito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila