Lavoro 8 novembre 2018

Sostenibilità SSN, Silenzi (Università Cattolica): «La chiave è il value based healthcare. Vi spiego che cos’è»

Una strategia che intende ottenere maggiori esiti di salute con un minore consumo di risorse. «Così si possono ottenere risultati di salute omogenei per tutta la popolazione italiana», spiega Andrea Silenzi del Centro di ricerca sulla leadership in medicina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Letteralmente si chiama “sanità basata sul valore”. Nome meno accattivante dell’anglosassone e più contemporaneo “value based healthcare”, parole che infatti tempestano sempre più spesso le pagine dei programmi di congressi e convegni. Si tratta di una strategia che tenta di trovare una soluzione alla sostenibilità dei sistemi sanitari, garantendo al contempo i risultati di salute dei pazienti. Non solo garantire l’accesso alle cure a tutti, quindi, ma prestare anche particolare attenzione ai costi. Massimizzare appunto il valore in sanità, raggiungendo l’obiettivo di ottenere maggiori esiti di salute con un minore consumo di risorse. In che modo? In pratica, superando i modelli basati su pagamenti a prestazione e introducendo modelli basati sul pagamento dell’intero ciclo di assistenza e, quindi, sui benefici prodotti. È con queste parole che è il value based healthcare è stato definito ai nostri microfoni da Andrea Silenzi, relatore di uno di quegli interventi dedicati al tema previsti nel programma del recente congresso di chirurgia, nonché membro del Centro di ricerca sulla leadership in medicina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

LEGGI ANCHE: COME SARA L’OSPEDALE DEL FUTURO? ANDREA SILENZI (SIMM): «MEDICI E INTELLIGENZA ARTIFICIALE LAVORERANNO INSIEME»

«Il value based healthcare è una strategia – spiega Silenzi – che rimette al centro lo scopo di ogni organizzazione sanitaria: la produzione di salute. Intende quindi rappresentare in un rapporto gli esiti di salute raggiunti da un’organizzazione o da un professionista sanitario rispetto ai costi diretti e indiretti investiti per erogare quelle prestazioni».

Per attuare questa strategia, è quindi necessario «superare il rispetto dei budget delle singole aziende ospedaliere o Asl – prosegue Silenzi – cercando invece un approccio di popolazione. Dobbiamo poi ragionare sulla misurazione dei dati epidemiologici e trasformarli in informazioni cliniche rilevanti per integrare tutti i passaggi del percorso. In questo modo – continua – il paziente non dovrà costruirsi da solo la sua strada tra ospedale, medico di medicina generale o altri servizi territoriali, ma avrà un percorso ben definito e misurabile in ogni passaggio nel rapporto tra esiti di salute e costi sostenuti».

Ma a che punto siamo con l’applicazione di questo sistema nel mondo? «Sicuramente – risponde Andrea Silenzi – i modelli di libero mercato o assicurativi come quelli del Nord Europa e degli Stati Uniti sono facilitati, perché è più semplice ragionare su perimetri di organizzazione più piccoli e più raccolti per natura. Per l’Italia la sfida è più ardua – precisa Silenzi – perché il nostro Sistema Sanitario è formato da 21 sistemi sanitari differenti. D’altra parte, tuttavia, è in grado di raggiungere risultati maggiori, perché il value based healthcare permetterebbe di coordinare le attività e raggiungere risultati di salute omogenei da Trento a Palermo, superando le cosiddette variazioni ingiustificate e garantendo un futuro più sereno a tutti noi e alla nostra sanità».

LEGGI ANCHE: ASSEMBLEA OMS, BARTOLAZZI (SOTT. SALUTE): «OTTIMIZZARE RISORSE PER SOSTENIBILITÀ SSN. INTERVENTO SU TICKET PER RIDURRE SPESA OUT OF POCKET»

Articoli correlati
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
Come sarà l’ospedale del futuro? Andrea Silenzi (SIMM): «Medici e intelligenza artificiale lavoreranno insieme»
«Servono nuove competenze per gestire il progresso». L’intervista al Presidente della Società Giovani Medici
Carenza medici, Consulcesi: «Bene SIGM, elezioni occasione per riprogrammare la sanità»
Anche la principale realtà di tutela della classe medica appoggia la posizione di Andrea Silenzi, Presidente SIGM: «Felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale. Prioritaria nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata»
Sostenibilità SSN, la Commissione Sanità approva il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva
«La sostenibilità del sistema sanitario è prima di tutto un problema culturale e politico». Ecco le conclusioni adottate all’unanimità dalla Commissione
Value Academy: formazione e “program budgeting” per un SSN condiviso ed efficace
  La Fondazione Charta promuove un progetto formativo rivolto ai decisori politico-amministrativi della sanità italiana per uniformare al rialzo l’offerta di salute su tutto il territorio nazionale. Fornire gli strumenti di Governance necessari a mettere le diverse realtà locali a confronto per permettergli di agire in un’ottica di program budgeting, ovvero in base ai piani e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...