Lavoro 2 Luglio 2020 10:27

Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati

SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»

Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati

I medici convenzionati non sono coperti dall’assicurazione Inail. Quindi, in caso di contagio da Covid-19 non hanno diritto al riconoscimento dell’infortunio sul lavoro né, in caso di decesso, spetta ai loro familiari un indennizzo. Dopo la notizia apparsa sugli organi di stampa, immediata la reazione dei sindacati di categoria.

FISMU: «NESSUNO HA RECEPITO NOSTRA DENUNCIA»

«Il 15 aprile scorso abbiamo fatto appello al premier Giuseppe Conte e al ministro Roberto Speranza, ma anche alle istituzioni ordinistiche e previdenziali dei medici, chiedendo il riconoscimento dell’infortunio di lavoro per il coronavirus per i medici di medicina generale, gli specialisti ambulatoriali e i pediatri», tuona in una nota la Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-FISMU.

«Una denuncia – sottolinea Francesco Esposito, segretario generale FISMU – caduta nel dimenticatoio. Avevamo spiegato, a seguito di una chiara circolare dell’Inail (del 3 aprile), e forti di un parere legale dell’avvocato Antonio Puliatti, che in assenza di un intervento legislativo saremmo andati incontro a questa drammatica e grave situazione. Le assicurazioni non pagano, l’Inail non può. Medici di serie A e medici di Serie B. Eroi con tutele per infortunio e altri vittime senza diritti e indennizzi. Non si è fatto nulla – continua – e ora si andrà a una lunga stagione di ricorsi ai tribunali, affinché sia fatta giustizia. Noi tuteleremo in sede giudiziaria i medici».

«Facciamo quindi appello al premier Conte – conclude Esposito – affinché sia una priorità del Governo sanare questa grottesca vicenda. Altrimenti i nostri colleghi saranno due volte vittime: prima sul lavoro per colpa del Covid-19, poi per il menefreghismo della politica».

SMI: «LA POLITICA INTERVENGA»

«Restiamo basiti» il commento di Pina Onotri, segretario generale del Sindacato Medici Italiani (SMI). «Non sono bastati più di 170 medici di famiglia deceduti per far estendere le tutele sul lavoro al contagio da virus e farlo rientrare nei casi d’infortunio sul lavoro. Alla luce della recente pandemia – prosegue il segretario – tocca ripensare ad uno strumento normativo adeguato che riconosca ai medici convenzionati le tutele previste per tutti gli altri lavoratori».

«L’Inail deve ammettere che in questi mesi i medici di famiglia hanno subito veri e propri infortuni sul lavoro a causa del contagio trasmesso dai loro pazienti. Le loro famiglie – continua la Onotri – per questo, hanno diritto ad essere indennizzate in caso di morte dei propri congiunti. Il riconoscimento dell’infortunio per i medici di medicina generale, nel caso di decesso da coronavirus deve essere previsto anche dalle assicurazioni private, che al pari dell’istituto pubblico, non presumono questa copertura».

«Facciamo appello al Parlamento e al Ministro del Lavoro, dicastero a cui è affidata la competenza del caso – conclude Pina Onotri – affinché intervengano. Si tratta di un riconoscimento di un diritto dovuto a chi ha sacrificato la propria vita a difesa della salute dei cittadini».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...