Lavoro 17 Aprile 2019

Smart working in sanità, Magi (OMCeO Roma): «Una bella scommessa, ma non aumenti la distanza medico-paziente»

Al parziale scetticismo del presidente dell’Ordine dei Medici di Roma si contrappone l’entusiasmo di Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli ingegneri della Capitale: «Le potenzialità sono enormi: lavorare a distanza riuscendo a fornire la stessa qualità del servizio e garantendo la sicurezza dei dati personali consente di risparmiare su tutte le procedure e sopperire a carenze sociali»

di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Lo smart working è una nuova modalità di lavoro che permette flessibilità ed autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti di lavoro a fronte di una maggiore responsabilizzazione dei risultati. Il lavoro “agile” è in costante crescita nella PA e nel privato e comincia ad affacciarsi anche in ambito sanitario.

L’innovazione tecnologica e la possibilità di lavorare da remoto rende possibile, a distanza, l’interazione medico-paziente. Gli scenari di impiego del lavoro agile in Sanità sono molteplici, a partire dal medico di famiglia, che può offrire servizi di teleconsulto delle analisi cliniche, prescrivere visite ed esami specialistici ai pazienti con patologie croniche, anziani o che hanno difficoltà a spostarsi, riducendo i costi per il Sistema sanitario nazionale.

Ma quali sono i benefici della medicina a distanza e quali i rischi? Secondo Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, c’è ancora molta strada da fare: «Lo Smart working in sanità è una bella scommessa: la medicina, infatti, si basa su un rapporto diretto e di fiducia tra medico e paziente. Gli strumenti elettronici e la “medicina a distanza” potrebbero anche creare qualche problema – ha commentato Magi a Sanità Informazione a margine dell’evento in Senato “Lo smart working nella sanità”, promosso dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma -. È utile, senza dubbio, in contesti e condizioni particolari, dove si deve garantire un’assistenza sanitaria – ha specificato Antonio Magi – il fatto di comunicare a distanza e in qualsiasi momento senza la presenza fisica e grazie alle nuove tecnologie può aiutare moltissimo. L’importante, in sanità, è non superare certi limiti».

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma non è del tutto convinto delle potenzialità del lavoro agile in sanità perché intravede un limite nel mancato rapporto diretto con il paziente: «Dare un parere totalmente positivo allo smart working al momento non è possibile. Insisto: in medicina già c’è poca fiducia, questa modalità rischia di aumentare le distanze tra il malato e lo specialista».

Di tutt’altra idea Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli ingegneri della Capitale: «I vantaggi sono enormi: lavorare a distanza rispetto all’azienda riuscendo a fornire lo stesso livello qualitativo del servizio e garantendo la sicurezza dei dati personali consente un risparmio economico su tutte le procedure e sopperisce a carenze sociali» ha sottolineato ai nostri microfoni.

Per abilitare in modo effettivo questo cambiamento anche nel settore sanitario è necessario investire sulla formazione del personale e anche il cittadino deve essere informato in modo appropriato sulle possibilità offerte dalle cure a distanza. «Il ruolo dell’ingegnere – ha concluso Carla Cappiello – è fondamentale nella formazione di medici e operatori sanitari per ciò che riguarda l’utilizzo delle nuove tecnologie e la progettazione dei sistemi informativi adeguati e sicuri».

Articoli correlati
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Dl Milleproroghe, Claus (Federspecializzandi): «No a specializzandi assunti già dal 3° anno e a medici in pensione a 70 anni»
Il testo del decreto, in attesa dell’approvazione della Camera, prevede medici operativi oltre i 40 anni di attività e concorsi accessibili agli specializzandi dal terzo anno. Ferma contrarietà da FederSpecializzandi: vediamo perché con il presidente Mirko Claus
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...