Lavoro 16 Luglio 2019

Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica

Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»

Alla vigilia della ripresa delle trattative per il rinnovo del contratto della dirigenza medica, nasce una nuova unione sindacale: anche la storica Associazione Sindacale ANPO-ASCOTI-FIALS Medici aderisce al Patto Federativo costituito lo scorso maggio da CIMO-FESMED e CIMOP (Confederazione Italiana Medici Ospedalità Privata).

Con tale aggregazione nasce oggi il Patto per la professione medica, alleanza di sigle sindacali che ricomprende circa 19mila medici e che, di fatto, diventa il sindacato di soli medici della dipendenza pubblica e privata più rappresentativo, assumendo un ruolo di leadership unitaria a difesa dei medici che lavorano in tale ambito.

Gli obiettivi del nuovo Patto per la Professione Medica si basano su una profonda determinazione e unità di programma espresse dalle parti: sostenere condizioni contrattuali eque e migliorative, promuovere il SSN e aumentarne la sostenibilità, opporsi alle politiche tese a sminuire la figura della professione del medico, sviluppare l’aggiornamento e la formazione, sostenere la valorizzazione del medico e del suo rapporto con il paziente, confrontarsi in materia di accordi nazionali, regionali e aziendali.

LEGGI ANCHE: SI UNISCONO CIMO E FESMED: NASCE SINDACATO DA 15MILA ISCRITTI

Presidente del Patto per la Professione Medica è designato Guido Quici (CIMO-FESMED), Presidente Onorario è Raffaele Perrone Donnorso (ANPO-ASCOTI-FIALS Medici); Vicepresidenti sono Giuseppe Ettore per CIMO-FESMED e Carmela De Rango per CIMOP, Segretario è Francesco Vitale per ANPO (Associazione Nazionale Primari Ospedalieri).

«La nascita del Patto per la Professione medica, con l’aggregazione di ANPO-ASCOTI-FIALS Medici, rappresenta il successo di un nuovo modo di essere e fare sindacato, che vuole creare dinamismo e proiezione verso il futuro», commenta il Presidente Guido Quici. «Siamo coscienti dei forti cambiamenti in atto nel lavoro e nelle professioni, ma proprio per questo siamo convinti che il valore venga dalla tutela e non dallo smantellamento dei diritti e che la crescita parta dalle persone. In particolare, un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica, che sia sostenibile per chi ci lavora e per chi vi accede, senza distinzioni geografiche o di governo politico».

«Siamo convinti e orgogliosi di questa nuova intesa, che punta ad una organizzazione forte e articolata nel rispetto delle diversità, focalizzata a raggiungere obiettivi per tutta la categoria dei primari e di tutti i medici, di cui oggi troppo spesso si dimentica il ruolo chiave nel pilastro sociale della sanità pubblica», dichiara Raffaele Perrone Donnorso, Presidente nazionale ANPO. «Da sempre ANPO-ASCOTI-FIALS Medici condivide la politica sindacale di CIMO e FESMED anche attraverso comuni iniziative sindacali, non ultima quella sul tavolo ARAN per il rinnovo del contratto dei medici, e attraverso il Patto proseguiremo sempre più determinati».

I rappresentanti del Patto per la Professione Medica attiveranno sin d’ora il coordinamento al tavolo delle trattive per il contratto in Aran, ancorché con la presenza e la firma distinta delle singole delegazioni. L’obiettivo finale è raggiungere in breve tempo un assetto strutturale e definito delle attività comuni, pur nell’autonomia gestionale ed organizzativa tra organizzazioni sindacali che hanno contrattualità diverse.

«Questo Patto aiuterà ancora di più il superamento di barriere che hanno contraddistinto il mondo sindacale degli ultimi anni e, dopo tre anni dalla sua costituzione, dà ragione ai fondatori del primo patto federativo per le importanti ricadute e guarda oltre i distinguo di categoria intra professionale», commenta Giuseppe Ettore, Presidente di FESMED. «Siamo convinti che il presente e il futuro coinvolgono in un orizzonte comune il mondo medico pubblico e privato, il mondo sindacale e quello delle società scientifiche, ed è per questo che uno dei principali obiettivi del Patto sarà quello di promuovere tra le organizzazioni una crescita culturale comune su tematiche che hanno impatto immediato sulle scelte formative, sulla tutela e sulla qualità del lavoro dei medici italiani».

«In un sistema, quello sanitario, in profonda evoluzione, è imprescindibile assumere decisioni non del tutto scontate che tendano a raggiungere il comune obiettivo di rilancio della professione medica», afferma Carmela De Rango, Segretario nazionale CIMOP. «Un nuovo modo di fare sindacato attraverso una comune crescita, nel pubblico e nel privato, è la strada maestra. Siamo orgogliosi di essere parte attiva di questo processo in cui la pluralità di voci, diretta all’unisono, arricchirà indubbiamente la capacità di farsi sentire e incidere sulle decisioni che fanno la differenza sulla vita dei medici e dei pazienti».

La nuova aggregazione sindacale, aperta all’adesioni di nuove organizzazioni sindacali, sarà da subito affiancata da un board scientifico, la cui attività sarà principalmente indirizzata sull’analisi di tematiche di comune interesse quali il finanziamento del SSN, il patto della salute, i LEA, gli standard, la formazione, la carriera del medico, ed iniziative per la crescita culturale a sostegno della professione medica.

Articoli correlati
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
#DestinazioneSanità | Viaggio in Veneto, il miglior sistema sanitario regionale d’Italia (?)
GUARDA IL VIDEO | Un sistema che assicura ottimi risultati ma che non è più attrattivo per i medici, che scappano all’estero o si rifugiano nella medicina generale. Dal Sasso (Cimo Veneto): «Ci sarà un motivo se ad un concorso per 10 posti di postino si presentano 20mila candidati e per 80 posti di medici di pronto soccorso se ne presentano solo tre…»
Campagna Nursing Up #NoViolenzasuglinfermieri: l’appello di Eva Grimaldi
All’indomani dell’ennesima aggressione a due infermiere all’ospedale Cardarelli di Napoli, prosegue la campagna di sensibilizzazione del sindacato Nursing Up contro le aggressioni agli operatori sanitari con l’adesione di Eva Grimaldi, dopo Simona Ventura e gli attori Giorgio Colangeli, Michela Giraud e Massimiliano Vado. Già impegnata nella lotta per i diritti umani, e in particolare di […]
Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»
La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»
CIMO impugna la delibera del Veneto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie
«La deliberazione impugnata è in pretesa applicazione del contratto collettivo nazionale del comparto Sanità ed in contrasto con la normativa di legge nazionale», spiega il sindacato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...