Lavoro 17 Settembre 2021 17:53

Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan

Il punto in occasione della “Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”

Il 17 settembre è la “Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”. E quale momento migliore per fare il punto sui diversi aspetti che riguardano il paziente, il suo rapporto con il professionista sanitario e tutte le politiche e le pratiche messe in atto dalle istituzioni e dalle strutture per mettere quest’ultimo in grado di offrire alla persona assistita il miglior supporto possibile. Dal rischio clinico (argomento particolarmente delicato in questo periodo di emergenza pandemica) al rapporto medico-paziente, dalla formazione del personale sanitario alle assicurazioni, ne abbiamo parlato con l’avvocato Maurizio Hazan (studio legale Taurini & Hazan), tra i maggiori esperti dell’argomento.

Avvocato, parto chiedendole com’è cambiata in epoca Covid la questione della sicurezza delle cure e della responsabilità professionale da parte dei sanitari.

«Evidentemente l’emergenza legata alla pandemia ha messo in evidenza alcune difficoltà collegate al fatto che il Covid-19 ha sgretolato regole e certezze. Quindi tutto ciò che è sicurezza è legato anzitutto alla capacità di gestire e prevenire il rischio clinico, che è un po’ la lezione della Legge Gelli, la quale sposta il fuoco della responsabilità risarcitoria alla sanità responsabile, cioè alla gestione preventiva, per consentire ai pazienti di poter fruire della massima sicurezza nel loro percorso di cura. È chiaro che quando la prevenzione, che è l’elemento centrale, non è attuabile o comunque viene superata da emergenze che scardinano le regole, la sicurezza sta semplicemente nella capacità di reagire in tempi rapidi alle nuove sollecitazioni di qualcosa che non si conosce. Questo ovviamente incide sulla responsabilità perché se non puoi prevenire devi cercare di limitare le conseguenze negative facendo del tuo meglio, in attesa che si formi l’esperienza vera e propria».

Cosa si può fare per migliorare questa situazione anche alla luce di quel che è successo in questi mesi e di eventuali “scontri” con i pazienti, in quanto proprio la pandemia ha messo in evidenza anche l’impreparazione del sistema sanitario?

«Le possibili risposte sono tante. La prima che mi viene in mente, ma che non riguarda solo il Covid, è: come si comunica. Si dice che il tempo di comunicazione è tempo di cura ed è fondamentale trovare il tempo di comunicare bene: a livello politico, professionale, ospedaliero, eccetera. Insomma, la comunicazione è spesso trascurata e molte delle liti nascono proprio da questa crisi. Detto questo, è vero che c’è stata una grossa difficoltà nel riuscire ad accoglierli, i pazienti, prima ancora che a curarli. È banale parlare di crisi del territorio, medicina di prossimità, eccetera. Sono tutte tematiche oggi caldissime, anche se non credo riguardino tematiche di responsabilità sanitaria in senso stretto, ovvero del singolo medico o della struttura. Sono delle responsabilità di sistema, quasi politiche. Bisogna capire se effettivamente tutto quel che è successo oggi sia figlio di politiche forse non totalmente mirate negli anni passati, che è un tema ovviamente molto più complesso. Qui ci stiamo occupando delle responsabilità di medici e strutture, ed è lì che dobbiamo lavorare. Poi è ovvio che per consentire a questi operatori sanitari di aiutarci occorre una struttura politica-organizzativa e amministrativa di fondo che li metta in condizione di lavorare al meglio».

Magari anche puntando sulla formazione…

«Certo, la formazione per un professionista è fondamentale. La comunicazione è importante ma prima è necessario sapere cosa comunicare. In un sistema sanitario, e questa è una lezione che la Legge Gelli ci ha dato e che la giurisprudenza ha accolto, rimane una obbligazione di mezzi e non di risultato. Una differenza tecnica e giuridica, questa, che vuol dire “io non devo costruire un muro ma darti il meglio di ciò che posso darti conoscendo le linee guida”. Quindi devo conoscerle, evidentemente sono tenuto ad uno sforzo di perizia e di studio e la formazione in tempo reale in questo è fondamentale. Altrimenti si rischia di non essere neanche in condizione di scegliere e leggere la soluzione corretta. E quando non scegli la soluzione corretta ne rispondi. La formazione è dunque fondamentale ma deve essere efficace, e questo è un tema importante. Certamente la formazione è l’elemento primo di qualsiasi fondante professionale».

Parliamo di responsabilità professionale e assicurazioni. Ci può dire se è cambiato qualcosa per i professionisti sanitari da questi due punti di vista?

«È cambiato poco. È chiaro che la legge Gelli pone un obbligo di assicurazione e punta l’indice sul fatto che per mettere in sicurezza il sistema, nell’interesse dei pazienti e dei medici, è bene mettere dei sostegni assicurativi che tranquillizzino un po’ tutto il governo del sistema. Perché ci sono pochi operatori nel mercato assicurativo? Perché fino a qualche tempo fa il prezzo dei sinistri era enorme e quindi nessuna operazione assicurativa, a condizione di premi accessibili, era in utile, e quindi le compagnie andavano in perdita. Sono poche quelle rimaste, per lo più straniere. Bisogna distinguere l’assicurazione delle strutture sanitarie da quelle dei professionisti, distinguere gli obblighi assicurativi delle strutture per i loro medici rispetto agli obblighi dei liberi professionisti. Sono aspetti che però potrebbero dirsi ancora non del tutto risolti perché manca una parte della normativa assicurativa che sono i decreti attuativi della legge Gelli che aspettiamo ancora».

Come potrebbe cambiare la situazione con l’approvazione dei decreti attuativi?

«Fermo restando che non è che perché ci sono i decreti, allora tutti i players tornano sul mercato, certamente questo sarebbe un incentivo importante. Ma è un segno di inciviltà giuridica che a distanza di quattro anni ancora questi decreti attuativi siano fermi per schermaglie su aspetti che non sono neanche poi così centrali, per quanto mi è dato sapere, sulla tenuta del sistema assicurativo. L’atteggiamento generale successivo alla legge Gelli sembra essere di leggera compressione dei carichi risarcitori, il che vuol dire consentire, forse, alle assicurazioni di funzionare meglio. Del resto, se c’è buona gestione del rischio clinico, se c’è prevenzione, se si verificano meno danni, le assicurazioni possono funzionare. Ed è questo il segreto: riuscire a coinvolgere, gestire e prevenire, dopodiché le assicurazioni avranno più facilità ad entrare nel settore in termini più convenienti anche per loro e per tutti noi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, risale l’incidenza ma i numeri sono stabili. Abruzzo, Campania, FVG e Piemonte a rischio moderato
L'Rt arriva a 0.86, ma siamo sotto la soglia epidemica. L'invito degli esperti per tenere sotto controllo l'incidenza resta una copertura vaccinale elevata e l'uso di dosi booster
Responsabilità civile professionale sanitaria: la garanzia postuma
Cosa è la garanzia postuma? Come funziona? Ciò che si deve sapere su questa importante clausola nelle polizze di responsabilità civile
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
Farmacisti ed ECM, Leopardi (Utifar): «Formazione fondamentale ma servirebbero più controlli»
Il Presidente di Federfarma Lazio e di Utifar spiega a Sanità Informazione il ruolo importantissimo dell’aggiornamento continuo per la professione: «Ancora qualche collega non in regola ma con avvicinarsi della scadenza ci sarà un rush finale»
Formazione continua, Rasi: «Doverosa per stare al passo della medicina»
«La missione e la credibilità di medici e professionisti sanitari sono troppo importanti, non possono restare indietro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?