Lavoro 14 Maggio 2019 11:37

“Sicurezza delle cure e tutela dei diritti”, appuntamento alla Sapienza. Fineschi (Medicina legale): «Focus su novità legge Gelli»

«Vogliamo dimostrare, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose» spiega Vittorio Fineschi, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme alla professoressa Paola Frati

“Sicurezza delle cure e tutela dei diritti”, appuntamento alla Sapienza. Fineschi (Medicina legale): «Focus su novità legge Gelli»

«La legge Gelli, dal punto di vista pratico, necessita di forti agganci ai decreti ma è una pennellata di colore importante sul profilo del rischio clinico. Per questo, in attesa di cosa succederà, faremo il punto della situazione con i maggiori specialisti ed esperti del settore». Con queste parole, il professor Vittorio Fineschi, docente ordinario di Medicina Legale alla Sapienza, presenta a Sanità Informazione il convegno La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti che avrà luogo il 6 e 7 giugno presso “Sapienza” Università di Roma.

L’evento promuove l’incontro e il dialogo tra specialisti sulla gestione del rischio clinico e del contenzioso medico-legale. Docenti universitari, magistrati, giuristi e medici legali si confronteranno sulle principali novità normative e giurisprudenziali che interessano la responsabilità sanitaria con focus dedicati alla valutazione del danno e alle principali specialità colpite dal contenzioso.

Professore, il convegno “Sicurezza delle cure e tutela dei diritti” avrà luogo il 6 e 7 giugno a Roma alla Sapienza. Di cosa si parlerà?

«È l’appuntamento annuale che ogni anno organizziamo qui in Sapienza. Anche quest’anno, abbiamo avuto il piacere e l’onore di avere con noi illustrissimi relatori: da magistrati a colleghi giuristi e medici legali. Abbiamo ritenuto importante focalizzare l’attenzione sulla Legge Gelli-Bianco, non essendo ancora stata definita del tutto con la parte assicurativa, in veste più moderna. Vogliamo far vedere, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose. Questo è un merito della Legge 24/2017, perché i primi quattro articoli, dedicati all’implementazione del rischio clinico delle strutture sanitarie, hanno già dato i primi frutti».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, RISCHIO CLINICO E GESTIONE DEL CONTENZIOSO: TORNA L’ANNUALE APPUNTAMENTO ALLA SAPIENZA

Di cosa si parlerà, quali saranno gli argomenti trattati, le finalità e i punti di forza di questo convegno?

«Il sistema sanitario in questo momento è sotto la lente d’ingrandimento: si vuol ripensare ad un sistema diverso. Certamente, la Legge Gelli è una pennellata di colore importante sul profilo del rischio clinico e noi la affrontiamo con i maggiori specialisti ed esperti del settore. Questo sarà un capitolo importante delle due giornate romane: l’altra parte l’abbiamo dedicata alle società scientifiche. Saranno con noi presidenti, segretari, rappresentanti delle società scientifiche più nell’occhio del ciclone: chirurghi generali, chirurghi specialistici, urologi, ostetrici, ginecologi. Abbiamo pensato di dar loro voce perché vogliamo capire se questa Legge per loro è un momento positivo, cosa c’è da migliorare e rivedere anche in chiave futura. Non a caso, il convegno parla di diritti e doveri: noi crediamo e ci sforziamo di bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti. Crediamo che queste due giornate possano ben focalizzare questo bilanciamento perché l’ultima parte sarà dedicata alla valutazione del danno. Anche in questo caso la Legge 24 ci dice molto ma, come sappiamo, l’implementazione della Legge dal punto di vista pratico necessita di forti agganci ai decreti. Restiamo in attesa di cosa succederà ma era importante fare il punto e noi lo faremo con il convegno del 6 e 7 giugno».

Articoli correlati
Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito
Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà giurisprudenza». Il racconto di ciò che è accaduto
Effetto Michelangelo: le opere d’arte e la realtà virtuale potenziano l’efficacia delle terapie di neuroriabilitazione
Le opere artistiche aiutano i pazienti con una lesione del sistema nervoso causata da un ictus ad eseguire esercizi di neuroriabilitazione in un ambiente virtuale. Lo studio della Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e Unitelma Sapienza
Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali
La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per avere giustizia». La sua storia
Policlinico Umberto I, presentato il nuovo direttore generale Fabrizio d’Alba
Venerdì 15 gennaio nell'Aula magna del Rettorato la rettrice di Sapienza Università di Roma Antonella Polimeni e l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato hanno presentato in conferenza stampa il nuovo direttore generale del Policlinico Umberto I di Roma, Fabrizio d’Alba
Rischio clinico, oltre 300mila download per il manuale promosso da Fondazione Italia in Salute
Pubblicato da Springer, fornisce le basi metodologiche della gestione del rischio. Il presidente Gelli: «Tema sempre più attuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...