Lavoro 14 Maggio 2019

“Sicurezza delle cure e tutela dei diritti”, appuntamento alla Sapienza. Fineschi (Medicina legale): «Focus su novità legge Gelli»

«Vogliamo dimostrare, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose» spiega Vittorio Fineschi, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme alla professoressa Paola Frati

Immagine articolo

«La legge Gelli, dal punto di vista pratico, necessita di forti agganci ai decreti ma è una pennellata di colore importante sul profilo del rischio clinico. Per questo, in attesa di cosa succederà, faremo il punto della situazione con i maggiori specialisti ed esperti del settore». Con queste parole, il professor Vittorio Fineschi, docente ordinario di Medicina Legale alla Sapienza, presenta a Sanità Informazione il convegno La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti che avrà luogo il 6 e 7 giugno presso “Sapienza” Università di Roma.

L’evento promuove l’incontro e il dialogo tra specialisti sulla gestione del rischio clinico e del contenzioso medico-legale. Docenti universitari, magistrati, giuristi e medici legali si confronteranno sulle principali novità normative e giurisprudenziali che interessano la responsabilità sanitaria con focus dedicati alla valutazione del danno e alle principali specialità colpite dal contenzioso.

Professore, il convegno “Sicurezza delle cure e tutela dei diritti” avrà luogo il 6 e 7 giugno a Roma alla Sapienza. Di cosa si parlerà?

«È l’appuntamento annuale che ogni anno organizziamo qui in Sapienza. Anche quest’anno, abbiamo avuto il piacere e l’onore di avere con noi illustrissimi relatori: da magistrati a colleghi giuristi e medici legali. Abbiamo ritenuto importante focalizzare l’attenzione sulla Legge Gelli-Bianco, non essendo ancora stata definita del tutto con la parte assicurativa, in veste più moderna. Vogliamo far vedere, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose. Questo è un merito della Legge 24/2017, perché i primi quattro articoli, dedicati all’implementazione del rischio clinico delle strutture sanitarie, hanno già dato i primi frutti».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, RISCHIO CLINICO E GESTIONE DEL CONTENZIOSO: TORNA L’ANNUALE APPUNTAMENTO ALLA SAPIENZA

Di cosa si parlerà, quali saranno gli argomenti trattati, le finalità e i punti di forza di questo convegno?

«Il sistema sanitario in questo momento è sotto la lente d’ingrandimento: si vuol ripensare ad un sistema diverso. Certamente, la Legge Gelli è una pennellata di colore importante sul profilo del rischio clinico e noi la affrontiamo con i maggiori specialisti ed esperti del settore. Questo sarà un capitolo importante delle due giornate romane: l’altra parte l’abbiamo dedicata alle società scientifiche. Saranno con noi presidenti, segretari, rappresentanti delle società scientifiche più nell’occhio del ciclone: chirurghi generali, chirurghi specialistici, urologi, ostetrici, ginecologi. Abbiamo pensato di dar loro voce perché vogliamo capire se questa Legge per loro è un momento positivo, cosa c’è da migliorare e rivedere anche in chiave futura. Non a caso, il convegno parla di diritti e doveri: noi crediamo e ci sforziamo di bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti. Crediamo che queste due giornate possano ben focalizzare questo bilanciamento perché l’ultima parte sarà dedicata alla valutazione del danno. Anche in questo caso la Legge 24 ci dice molto ma, come sappiamo, l’implementazione della Legge dal punto di vista pratico necessita di forti agganci ai decreti. Restiamo in attesa di cosa succederà ma era importante fare il punto e noi lo faremo con il convegno del 6 e 7 giugno».

Articoli correlati
Ragazzo deceduto nell’ora di ginnastica: la Lega Italiana contro l’Epilessia fa chiarezza
Dai primi riscontri, sembra che il ragazzo deceduto a Castelfranco Veneto, per cause ancora imprecisate, durante l’ora di ginnastica a scuola, soffrisse di epilessia. Ecco le precisazioni e raccomandazioni della Lega italiana contro l’epilessia
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
L’appello del professor Belli a Speranza: «Migliori le dotazioni delle sale parto e vieti manovra di Kristeller, così si salvano vite e si risparmiano soldi»
L’esperto di rischio in sanità torna sul tema della contestata pratica clinica: «Garantire la sicurezza del parto – sottolinea - può garantire un importante risparmio al Servizio Sanitario nazionale dato che secondo il rapporto Marsh i rimborsi di risarcimento medio sono intorno ai 550mila euro cadauno e sono superiori 7 volte alla media degli altri». Poi si chiede: «Perché le raccomandazioni in materia non sono state aggiornate»
«Sistema irregolare e non meritocratico», la protesta contro il numero chiuso: «Così si smantella la sanità pubblica»
Gruppi di protesta contro il test di Medicina si sono riuniti alla Sapienza in occasione della prova. «La volontà politica è quella di tagliare sulla spesa pubblica e il numero chiuso favorisce questo taglio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo