Lavoro 14 Maggio 2019 11:37

“Sicurezza delle cure e tutela dei diritti”, appuntamento alla Sapienza. Fineschi (Medicina legale): «Focus su novità legge Gelli»

«Vogliamo dimostrare, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose» spiega Vittorio Fineschi, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme alla professoressa Paola Frati

“Sicurezza delle cure e tutela dei diritti”, appuntamento alla Sapienza. Fineschi (Medicina legale): «Focus su novità legge Gelli»

«La legge Gelli, dal punto di vista pratico, necessita di forti agganci ai decreti ma è una pennellata di colore importante sul profilo del rischio clinico. Per questo, in attesa di cosa succederà, faremo il punto della situazione con i maggiori specialisti ed esperti del settore». Con queste parole, il professor Vittorio Fineschi, docente ordinario di Medicina Legale alla Sapienza, presenta a Sanità Informazione il convegno La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti che avrà luogo il 6 e 7 giugno presso “Sapienza” Università di Roma.

L’evento promuove l’incontro e il dialogo tra specialisti sulla gestione del rischio clinico e del contenzioso medico-legale. Docenti universitari, magistrati, giuristi e medici legali si confronteranno sulle principali novità normative e giurisprudenziali che interessano la responsabilità sanitaria con focus dedicati alla valutazione del danno e alle principali specialità colpite dal contenzioso.

Professore, il convegno “Sicurezza delle cure e tutela dei diritti” avrà luogo il 6 e 7 giugno a Roma alla Sapienza. Di cosa si parlerà?

«È l’appuntamento annuale che ogni anno organizziamo qui in Sapienza. Anche quest’anno, abbiamo avuto il piacere e l’onore di avere con noi illustrissimi relatori: da magistrati a colleghi giuristi e medici legali. Abbiamo ritenuto importante focalizzare l’attenzione sulla Legge Gelli-Bianco, non essendo ancora stata definita del tutto con la parte assicurativa, in veste più moderna. Vogliamo far vedere, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose. Questo è un merito della Legge 24/2017, perché i primi quattro articoli, dedicati all’implementazione del rischio clinico delle strutture sanitarie, hanno già dato i primi frutti».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, RISCHIO CLINICO E GESTIONE DEL CONTENZIOSO: TORNA L’ANNUALE APPUNTAMENTO ALLA SAPIENZA

Di cosa si parlerà, quali saranno gli argomenti trattati, le finalità e i punti di forza di questo convegno?

«Il sistema sanitario in questo momento è sotto la lente d’ingrandimento: si vuol ripensare ad un sistema diverso. Certamente, la Legge Gelli è una pennellata di colore importante sul profilo del rischio clinico e noi la affrontiamo con i maggiori specialisti ed esperti del settore. Questo sarà un capitolo importante delle due giornate romane: l’altra parte l’abbiamo dedicata alle società scientifiche. Saranno con noi presidenti, segretari, rappresentanti delle società scientifiche più nell’occhio del ciclone: chirurghi generali, chirurghi specialistici, urologi, ostetrici, ginecologi. Abbiamo pensato di dar loro voce perché vogliamo capire se questa Legge per loro è un momento positivo, cosa c’è da migliorare e rivedere anche in chiave futura. Non a caso, il convegno parla di diritti e doveri: noi crediamo e ci sforziamo di bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti. Crediamo che queste due giornate possano ben focalizzare questo bilanciamento perché l’ultima parte sarà dedicata alla valutazione del danno. Anche in questo caso la Legge 24 ci dice molto ma, come sappiamo, l’implementazione della Legge dal punto di vista pratico necessita di forti agganci ai decreti. Restiamo in attesa di cosa succederà ma era importante fare il punto e noi lo faremo con il convegno del 6 e 7 giugno».

Articoli correlati
Congresso Fimp, Biasci: «Troppi casi di violenza e violazioni dei diritti dei più piccoli. Porre un argine forte»
I pediatri di famiglia lanciano la carta dei diritti del bambino e adolescente. «È importante che i bimbi siano condotti con regolarità ai controlli periodici»
«Come ridurre il rischio di commettere errori quando si prescrivono farmaci»
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
di Muzio Stornelli, Formatore e consulente sanitario legale-forense
Sei punti per ridisegnare la sanità. Il documento delle società scientifiche
Le proposte emerse dal Forum Permanente sul Sistema Sanitario Nazionale nel post-Covid: «Subito una campagna di informazione per il ritorno alle cure e un ‘Piano Marshall’ per recuperare i ritardi per visite, screening e interventi. Servono ospedali moderni e tecnologici»
Università e Ssn, Gaudio (ex Rettore Sapienza): «Necessari maggiori investimenti, più territorio e paghe più alte»
Intervista ad Eugenio Gaudio, ex Rettore della Sapienza e attuale Consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca per la formazione nell’area sanitaria e per i rapporti con il Servizio sanitario nazionale
Rischio clinico e contenzioso, la necessità di una gestione integrata è più urgente che mai
La pandemia ha costretto i professionisti sanitari a guardare al rischio clinico da una nuova prospettiva. Per aiutare chi lavora per la salute altrui e tutelare le loro scelte, il provider Ecm Sanità In-Formazione ha organizzato un webinar di approfondimento curato dalla professoressa Paola Frati e dal prof. Vittorio Fineschi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...