Lavoro 24 Gennaio 2020

Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme

«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli – una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»

«Sfida accettata. A una settimana di distanza dall’invito, lanciato dal Ministro della Salute Roberto Speranza e rivolto alla Consulta permanente delle Professioni sanitarie e sociosanitarie, a partecipare attivamente al processo di rinnovamento del Servizio sanitario nazionale, il Comitato Centrale della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), riunito ieri a Roma, ha messo in piedi il Cantiere per le riforme». Così, in una nota, la FNOMCeO.

«Abbiamo voluto battezzarlo così perché sarà un vero e proprio cantiere per ricostruire il nostro Servizio Sanitario Nazionale, lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli -. E anche perché sarà un laboratorio, una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse».

«Tre le direttrici per la riforma indicate dallo stesso Ministro alle quali corrisponderanno altrettanti gruppi di lavoro, composti dai membri del Comitato: un nuovo modello di programmazione della spesa; il rapporto tra ospedale e territorio; la sanità digitale e i big data. Su queste macroaree, ciascun gruppo opererà affrontando tre tematiche: le professioni come strumento di cambiamento; il superamento delle disuguaglianze; la formazione come presupposto della qualità delle cure. A una ‘Cabina di regia’ – fa sapere la FNOMCeO – il compito di organizzare i lavori che costituiscono il naturale proseguimento degli Stati Generali della Professione».

«Il 2020 dovrà diventare l’anno delle riforme, e, a questo tavolo, i medici e gli odontoiatri vogliono esserci – afferma il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli –. La volontà concreta del Ministro Roberto Speranza di avviare questo processo è un atto politico importante, di portata storica. Ancor più significativa è, per noi, l’intenzione di portare avanti il progetto insieme alle Professioni sanitarie, quali garanti dei diritti costituzionalmente protetti. Averci scelto come interlocutori vuol dire, infatti, dar voce e ruolo a un milione di professionisti, che costituiscono la vera ossatura del nostro sistema sanitario pubblico. Al Ministro va dunque tutto il nostro supporto».

«Numerosi sono i temi su cui confrontarsi: nuovi scenari investono infatti la sanità e la salute, sul versante tecnologico, demografico, sociale, su quello delle disuguaglianze e quello dei rapporti tra le Professioni – conclude -. Questi scenari corrispondono altrettante sfide che la Professione è pronta, per la sua parte, a cogliere e affrontare. Solo il confronto, la condivisione e l’approfondimento possono essere la chiave per una vera riforma che permetta di superare le criticità».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
Report CREA 2020, Giuliano (UGL Sanità): «L’Italia viaggia a due velocità. Serve riforma strutturale»
L’edizione 2020 del progetto “Le Performance Regionali” elaborato dal C.R.E.A. Sanità conferma come la locomotiva che deve prendersi cura della salute degli italiani corra a due distinte velocità. La classifica, elaborata in base a valutazioni di un Panel composto da 93 esperti/stakeholder del sistema sanitario, viene generata sulla base di una metodologia messa a punto […]
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...