Lavoro 15 Marzo 2016 17:10

Ex specializzandi, Corte d’Appello di Roma condanna lo Stato. Vittoria da 24 milioni: «Altre sentenze in arrivo»

Nuovo esborso milionario per le casse pubbliche. I medici avevano fatto ricorso con Consulcesi. Il presidente del Gruppo, Tortorella: «Serve transazione, ma il tempo stringe». I legali: «Nella sentenza una novità importante sui criteri del riconoscimento del diritto per i camici bianchi»

Ex specializzandi, Corte d’Appello di Roma condanna lo Stato. Vittoria da 24 milioni: «Altre sentenze in arrivo»

Una stangata da oltre 24 milioni di euro. A tanto ammonta il totale che lo Stato dovrà sborsare in favore di 667 medici ex specializzandi che hanno fatto ricorso per non aver ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea. Lo comunica l’ufficio legale di Consulcesi Group, la realtà di tutela della classe medica che con gli anni è diventata il punto di riferimento del mondo sanitario per quanto riguarda la vicenda degli ex specializzandi.


Secondo la nota diffusa da Consulcesi, la Corte d’Appello di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio a pagare 24 milioni in favore dei ricorrenti, riconoscendo ancora una volta «il diritto negato a migliaia di camici bianchi che, nel corso della specializzazione post-laurea, si erano visti negare la borsa di studio, sebbene fosse prevista da precise direttive europee, ignorate dall’Italia nel periodo compreso tra il 1978 ed il 2006».

«In ordine alla prova – si legge inoltre in uno dei passaggi della sentenza – circa l’esclusività e la continuità dei corsi di specializzazione frequentati dagli appellanti si rileva che trattasi di circostanza cui gli istanti “non sono in grado di rispondere a causa dell’inadempienza dello Stato”, e che “del resto rimane il fatto che a causa di tale inadempienza… sono stati costretti a seguire i corsi di specializzazione privi delle regole previste nelle Direttive CEE (Cass.76/30)”».

La sentenza della Corte d’Appello di Roma è soltanto l’ultima in ordine di tempo, ma da Consulcesi fanno sapere che sono «centinaia le cause intentate, in attesa di giudizio o che si sono già concluse con la vittoria dei nostri medici, per i quali siamo già riusciti a far riconoscere oltre 400 milioni di euro». Ed è per questo motivo che «lo Stato – spiega Sara Saurini, Responsabile Contenzioso del Gruppo – deve trovare una soluzione perché quest’ultima sentenza conferma una giurisprudenza favorevole ai medici».

Il rischio di esborso totale da parte dello Stato è molto elevato. Di cifre, negli ultimi anni, ne sono state date tante. Le più ottimistiche parlano di almeno 4 miliardi di euro. Per tentare di porre un argine al continuo stillicidio causato dalle sempre più numerose e rapide sentenze della magistratura, è stata di recente depositata una mozione (firmata da 21 senatori) e presto verrà presentato un Disegno di Legge unificato che unisce e supera i tre Ddl già in discussione sul tema in Parlamento e che prevedono un rimborso forfettario di 13mila euro per ogni anno di specialità, solo per chi avrà presentato ricorso prima della trasformazione in legge.

Sia la mozione che il Ddl in arrivo vedono, tra i principali promotori, il Senatore Piero Aiello (Ncd), che ai nostri microfoni ha di recente ribadito che «il numero di ricorsi continua a crescere. Se si dovesse continuare così, lo Stato rischierebbe il default. È per questo motivo che si impone la necessità di un’azione che concluda definitivamente la vicenda». Azione individuata nella transazione tra Stato e medici, ovvero l’unica strada capace di «alleggerire la “sofferenza” dello Stato nel caso in cui dovesse ritrovarsi a dover pagare tutti i ricorsi che i colleghi medici vinceranno sicuramente così come hanno vinto nel passato».

«Ora il governo si trova davanti ad un bivio – spiega Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Group –: continuare a pagare i medici che continuano a vincere nei tribunali di tutta Italia oppure trovare un accordo con loro, risparmiando, in questa maniera, svariati miliardi di euro, che continuano ad uscire dalle casse della Banca d’Italia e quindi sono soldi pubblici. I tempi però stringono, bisogna affrettarsi a fare ricorso: è imminente una nuova azione collettiva con numerosi gli OMCeO, Enti, Associazioni, Sindacati e Società Scientifiche che hanno già convenzionato tutti i loro iscritti. A disposizione 1000 tra avvocati e consulenti legali che rispondono al numero verde 800.122.777 e sul sito internet www.consulcesi.it».

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...