Lavoro 28 Luglio 2015 19:09

Scuole di Specializzazione, test al via: corsa ad ostacoli per i giovani medici

6mila borse ancora insufficienti a fronte di oltre 13mila candidati. Il vice-presidente del SIGM, Andrea Silenzi: «La pressione sul MIUR è servita per il concorso. Ora lavoriamo sulla programmazione».

Scuole di Specializzazione, test al via: corsa ad ostacoli per i giovani medici

Partite le selezioni per l’accesso alle Scuole di Specializzazione. Da questa mattina e per tutta la settimana, oltre 13mila giovani medici cercheranno di conquistare le 6mila borse di studio messe a disposizione.


Le prove sono iniziate evitando di ripetere gli errori tecnici che lo scorso anno avevano generato critiche, polemiche e soprattutto valanghe di ricorsi. Non sono mancate però le polemiche per i quesiti e le criticità organizzative. Situazioni sulle quali il SIGM, la principale associazione di riferimento per i Giovani Medici, ha già posto l’attenzione. Ma l’associazione vede già il bicchiere mezzo pieno, considerando produttivo lo sforzo fatto – insieme a tante altre realtà del mondo medico-sanitario – nel corso di questi mesi. Una pressione costante che ha portato ad ottenere dal MIUR maggiori garanzie sul regolare svolgimento delle prove. Resta però l’incognita del futuro dei camici bianchi, stretti tra i continui tagli alla sanità ed una programmazione carente, come ha fatto notare il vicepresidente nazionale del SIGM, Andrea Silenzi, ai microfoni di Sanità informazione.

Appena conclusa la prima giornata di prove per l’accesso alle scuole di specializzazione, quali sono i primi feedback che arrivano alla vostra associazione?
«Sembra che le criticità riscontrate lo scorso anno siano state evitate, anche grazie ad una attenzione pressante da parte della nostra Associazione, ma anche di tutte le altre organizzazioni che hanno spinto affinché ci fosse massima attenzione in questo momento che, di fatto, decide della vita professionale dei giovani medici. Fortunatamente sono state evitate criticità organizzative. Certo, alcuni malumori sono stati registrati in merito alla natura delle domande: nonostante la sbandierata modifica al regolamento del Ministero, sembrerebbe che la prova generale fosse molto orientata sul lato pre-clinico, nonostante si fosse annunciato il contrario. Questa è stata la maggiore criticità. Speriamo inoltre che le forze dell’ordine, presenti grazie alla circolare concordata dal Miur e dal Ministero degli Interni,  possano garantire presìdi fissi in aula».

Si è arrivati a questa prova sotto pressione, dopo mesi di proteste, manifestazioni al Miur e lettere aperte al Ministro Giannini. Dopo questi giorni di concorso bisogna, forse, guardare più avanti e intervenire a monte sulla programmazione…
«“Programmazione” è la parola chiave di tutto ciò che riguarda il mondo dei giovani medici. Senza, tutto ciò che stiamo facendo in questi giorni, ovvero lavorare perché il concorso dia la possibilità di accedere al post-laurea a migliaia di giovani medici, è strettamente collegato alla pianificazione quantitativa e qualitativa delle risorse umane che da qui ai prossimi anni dovranno garantire la tutela della salute dei cittadini. In un momento di blocco del turn over e in cui, contando anche gli accessi in esubero e tutte le criticità derivanti dal numero programmato, c’è difficoltà a sapere quanti saranno gli immatricolati a Medicina, è proprio alla programmazione che va data la massima attenzione. Dobbiamo ritornare a presidiare quello che abbiamo perso  e che i cittadini rischiano di scontare sulla propria pelle non trovando giovani medici specialisti nelle strutture pubbliche. Ma soprattutto non c’è chiarezza sulla vocazione: sono più di 60mila i candidati all’accesso ai corsi di laurea, un numero spropositato. Bene quindi l’iniziativa del Ministero di fare dei test psicoattitudinali alle scuole superiori, è una delle strade per garantire una corretta programmazione».

Articoli correlati
Test anti-Covid made in Italy ci dirà quando fare il richiamo di vaccino
Sviluppato dall’IRCCS Candiolo di Torino in collaborazione con l’Italian Institute for Genomic Medicine (IIGM) e con il laboratorio Armenise-Harvard di Immunoregolazione, un test che servirà, su larga scala, a stabilire il livello e la durata di immunizzazione delle persone al virus Sars-CoV-2
Quarantena e isolamento ridotti, nuova circolare del Ministero della Salute
Una nuova circolare del ministero della Salute accorcia i tempi previsti per la quarantena dei positivi e l'isolamento in caso di positività persistente
Trauma cranico, test sul sangue per diagnosi veloci e precise
Le situazioni in cui si può verificare un trauma cranico sono molteplici. Ma la priorità è sempre la stessa: riconoscerlo tempestivamente, prima che possa creare danni irreversibili
di Valentina Arcovio
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni